sabato, novembre 17

Brasile: il 22esimo Gay Pride In Brasile più di due milioni di persone al Gay Pride si San Paolo

0

Più di due milioni di persone hanno partecipato alla parata annuale del Gay Pride di San Paolo che si è tenuta domenica scorsa. Il tema della sfilata di quest’anno era ‘Elezioni: il nostro voto, la nostra voce. Potere per le persone LGBTIQ’.

Continuando la tradizione degli ultimi anni, il Pride a San Paulo è iniziato molto prima della parata di domenica; addirittura una settimana prima. La sfilata dell’orgoglio coloratissimo è alla sua 22 esima edizione, ma la celebrazione di quest’anno si è contraddistinta da una una sfumatura politica. Da quando sono iniziate le celebrazioni di quest’anno, è stata chiara l’importanza di questo anno elettorale per le persone LGBTIQ in tutto il Brasile; questo l’obiettivo principale della parata.

Una delle prime personalità a salire sul palco e parlare alla folla riunita su Avenida Paulista è stata la candidata alla presidenza e sostenitrice LGBTIQ Manuela d’Avila. Mnnica Tereza Benicio, la vedova della Consigliera di Rio de Janeiro Marielle Franco, attivista bisessuale dei diritti umani uccisa all’inizio di quest’anno, ha parlato in seguito.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore