lunedì, Settembre 20

Brasile, è allarme microcefalia

0
1 2


Rio de Janeiro – Fino allo scorso anno era la dengue, la malattia infettiva più temuta e più diffusa in Brasile. Il virus, trasmesso  da zanzare del genere Aedes, si manifesta con febbre, cefalea, dolore muscolare e articolare, oltre al caratteristico esantema simile a quello del morbillo. In alcuni casi può rivelarsi pericoloso, causare febbre emorragica e portare alla morte. Oggi non esiste ancora  una vaccinazione efficace contro il virus, la prevenzione si ottiene utilizzando repellenti efficaci. Ma niente conferisce la totale immunità. Oggi a spaventare la popolazione è un altro virus ugualmente pericoloso. Si chiama Zika virus e dal 2014 a oggi ha dato origine a ben 2300 casi di microcefalia.

“E’ arrivato in Brasile durante la coppa del mondo, nel 2014. E’ stato importato”. E’ il dottor Edimilson Migowski a spiegarci quando e come il nuovo virus si è diffuso in Sudamerica. “I primi casi sono stati registrati nello stato di Bahia. Un gruppo di medici carioca ha contratto il virus durante un congresso di medicina. Quando sono rientrati a Rio de Janeiro la malattia si è manifestata: febbre alta e macchie sulla pelle. All’inizio ci era sembrata dengue, tanto che abbiamo trattato il virus come una virosi comune. Poi però ci siamo accorti che la malattia era meno letale e dava molti meno problemi della dengue. Insomma, a un certo punto ci siamo accorti che non si trattava di dengue. Abbiamo capito che si trattava del virus della zecca  quando ha attaccato le donne in gravidanza generando diversi casi di microcefalia irreversibile nei neonati. E’ una malattia grave che genera problemi fisici importanti e che ha costi sociali molto elevati”.

Che cos’è esattamente la microcefalia?

Di fatto la microcefalia è la testa piccola. E’ una malformazione neurologica che si accompagna a un deficiente sviluppo del cranio. Un bambino affetto da microcefalia ha bisogno di logopedista, fisioterapista, psicologo, neurologo, pediatra. Ha bisogno di un numero di specialisti maggiore di un bambino normale. Per questo dico che i costi sociali sono altissimi. Dando un’occhiata agli esami di bambini affetti da microcefalia da zecca virus si notano subito diversi punti di calcificazione . Dove dovrebbero esserci cellule neurologiche c’è calcio. E il calcio non attiva il pensiero, pensa, non trasmette dati. Tutti i bambini con microcefalia nascono con ritardi mentali. Molti di loro non vivono a lungo, è una malattia cronica.

Quanti casi di microcefalia si registrano oggi in Brasile?

La stima oggi è di 2.300 casi. Possiamo definirla un’epidemia, se pensiamo che prima del 2014 questa malattia in Brasile non esisteva. La serie storica di microcefalia causata dalla zecca è sempre stata pari a zero. Perciò 2.300 casi in un anno e mezzo fanno eccome un’epidemia. Dobbiamo prepararci a registrare sempre più casi di microcefalia e di malattie da zecca virus per molto tempo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->