giovedì, Aprile 15

Brasile, alcune curiosità economiche Alcune curiosità economiche a poco meno di un mese dall'inizio dei Giochi Olimpici

0

Non sono ancora del tutto rientrate le preoccupazioni per l’inizio delle Olimpiadi a Rio de Janeiro susseguitesi allo stato di calamità pubblica del mese scorso da parte del governatore della città Francisco Dornelles. In questo video del Financial Times, vengono evidenziati alcuni curiosi aspetti dell’economia brasiliana. Dopo aver analizzato l’elevato numero di cani domestici (uno dei più alti al mondo), posseduti dalla popolazione senza alcuna distinzione di ceto, si passa a un dato abbastanza preoccupante: i dati sull’invecchiamento della popolazione prevedono il triplicarsi del numero di anziani presenti in Brasile entro il 2050 e ciò comporterà gravi problemi di occupazione e sanità.

Nel mese scorso si erano susseguiti diversi campanelli d’allarme circa le reali condizioni di Rio alla vigilia del grande flusso di spettatori previsti per le Olimpiadi. Il Brasile potrebbe non garantire la piena copertura di servizi come la sicurezza, la sanità e i trasporti pubblici.

rio 2016 brasile

Il Paese inoltre versa in una fase di stallo politica ed economica: da una parte, in attesa delle elezioni (che si svolgeranno, con ogni probabilità, nel 2018), c’è la difficile situazione dell’ex Presidente Dilma Rousseff sospesa dalla carica per aver falsificato i dati sul deficit di bilancio statale, con il Governo lasciato ad interim a Michel Temer; dall’altra il prodotto interno lordo che ha fatto registrare un -3.8% nel 2015 con l’inflazione salita sopra l’11%. A complicare il tutto, è da ricordare l’emergenza del virus Zika con le conseguenti implicazioni sulle spese sanitarie del Paese.

 (video tratto dal canale Youtube del Financial Times)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->