giovedì, Maggio 13

Bowden: rifugiati afghani sotto protezione e diritti ONU

0

Mark Bowden, Rappresentante Speciale del Segretario generale ONU in Afghanistan, parla della situazione di tale Paese aggiornata al 15 dicembre scorso, facendo riferimento al conflitto che coinvolge molte parti del territorio locale, con continua e costante migrazione degli esuli che si rifugiano nei 22 Paesi membri dell’ONU, per i quali l’Afghanistan ha richiesto alle Nazioni Unite un’aiuto umanitario a settembre scorso. Le forze internazionali stanno cercando di arginare tale conflitto militarmente così da alleviare le pene dei civili. Il 22 novembre 2008 100.000 rifugiati sono partiti dall’Afghanistan per raggiungere tali Paesi, ma molti di loro sono stati catturati come sospetti terroristi legati ad azioni criminali dei Talebani o dell’ISIS. A fronte di ciò verrà comunque confermata e garantita la protezione e uguali diritti ai cittadini esuli afghani per tutti coloro che rispettano le leggi, una volta arrivati nei Paesi ONU, perché molti dei rifugiati muoiono oltre che per il conflitto in atto nel loro Paese di origine anche a causa dei disastri naturali, della povertà e delle malattie curabili nei Paesi delle Nazioni Unite e non in Afghanistan. Le organizzazioni umanitarie sul posto cercano con tutti i mezzi di aiutarli, ma sono a volte frenate da forti difficoltà e ostilità varie interne all’Afghanistan oltre che subire ogni giorno continui attacchi militari.

(tratto dal sito internazionale di ‘Web TV UN’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->