sabato, Giugno 19

Bosch coinvolta in scandalo emissioni Volkswagen?

0

I pubblici ministeri a Stoccarda hanno detto che stanno indagando se esiste la possibilità che i dipendenti della Robert Bosch GmbH abbiano aiutato Volkswagen AG nel software che aiutava a barare sulle prove di emissione delle automobili. Si stanno sondando ed esaminando gli addetti al personale aziendale presso la casa Bosch, che ha fornito a VW tale software, ma ad ora non sono state identificate persone sospette, come ha riferito Claudia Krauth, portavoce per i procuratori di Stoccarda, in un’intervista martedì alla stampa.

Krauth ha asserito che sul caso delle emissioni Volkswagen, la azienda Bosch pensa che qualcuno interno alla Robert Bosch GmbH deve aver prodotto il software per Volkswagen per questo tale persona è stata subito collegata dai pubblici ministeri all’azienda stessa. Il ruolo della Bosch nello scandalo delle emissioni di Volkswagen che ha tradito le preliminari prove di inquinamento sulle vetture diesel era stato possibile tramite il software installato in circa 11 milioni di veicoli in tutto il mondo che ha abbassato il livello di ossidi di azoto emessi solo quando ha rilevato che l’auto era in fase di test. Il portavoce dell’azienda Bosch, René Ziegler, ha detto che la società sta collaborando con le autorità, fornendo due componenti legate al trattamento dei gas di scarico ‘standard’ in molte auto. Tale portavoce della società aveva affermato nel mese di settembre che Volkswagen era stato dichiarato responsabile delle parti applicate e integrate alle sue automobili. Bosch produce parti del motore diesel per le case automobilistiche, tra cui i sistemi di trattamento delle emissioni diesel come la SCR, o la riduzione catalitica selettiva. Bosch ha avvertito Volkswagen in una lettera nel 2007 che il modo in cui la casa automobilistica prevedeva di utilizzare il software installato nei motori diesel era illegaleBild-Zeitung ha riferito tale fatto il 27 settembre, ma senza dire dove ha ottenuto le informazioni a tale riguardo. Le conseguenze delle sue rivelazioni per VW sono di € 6.700.000.000 ($ 7,4 miliardi) di perdita nel terzo trimestre per le spese di richiamo diesel, non comprese le potenziali multe per danni per centinaia di cause legali.

(tratto dal sito di ‘Bloomberg’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->