sabato, Settembre 25

Borsa: canapa, USA e Canada chiudono in rosso per il caos Afghanistan Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, questa settimana chiudono entrambe con valori negativi, risentendo -in modo manifesto- dei contraccolpi creati dalla caduta del governo afghano e dalla presa del potere da parte dei talebani. L’incertezza creatasi nel contesto commerciale, geopolitico e nei trasporti in un’area estremamente delicata, hanno indotto ad un clima pesante e fortemente pessimista.

Indice Marijuana Canada

In data 23/8/2021

Indice globale: 51,23

Negativo: -1,72

Costituenti: 11

Indice Marijuana Stati Uniti 0.0036

In data 23/8/2021

Negativo: -6.58

Costituenti: 32

Chiusura precedente: 0.0038

Volume Totale: 67.703 m

Volume medio: 40,849.563

HEMP 0.0036 -0.0003 -6.58% : Hemp, Inc – Yahoo Finance

Andamento borsistico aggiornato in data 23 agosto 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 23 agosto 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Il Dipartimento USA dell’Energia premia un progetto sull’isolamento in fibra di canapa

Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha designato l’isolamento in fibra di canapa una tecnologia “rivoluzionaria” in cui vale la pena investire, sponsorizzando un dirigente della canapa per sviluppare il settore nei prossimi due anni. Tommy Gibbons, COO di Ketchum, Hempitecture con sede in Idaho, riceverà uno stipendio annuale di $ 90.000 e fino a $ 200.000 per ricerca e sviluppo sull’isolamento della canapa attraverso il programma Innovation Crossroads del Dipartimento dell’Energia per le startup. Gibbons lavorerà sul prodotto HempWool dell’azienda, che il dipartimento dell’energia definisce un “materiale isolante non tossico, ad alte prestazioni e a emissioni zero con la capacità di ridurre drasticamente l’impronta di carbonio incorporata in un edificio, aumentando al contempo la salute e il comfort degli occupanti”. “Il Dipartimento dell’Energia è interessato al potenziale di decarbonizzazione dell’isolamento e di altri materiali da costruzione realizzati con fibre di canapa”, ha detto Gibbons a HempBuild Magazine, che per primo ha riportato il premio.HempWool è anche oggetto di studio presso l’Università dell’Idaho, secondo quanto riportato dalla rivista. Quel progetto sta testando l’isolamento, la resistenza al fuoco e la conduttività termica di HempWool.

I produttori di canapa ora possono chiedere fondi a sostegno dell’agricoltura per sostenerli nelle spese della certificazione biologica

I produttori di canapa biologica possono ora chiedere fondi ai regolatori federali dell’agricoltura per aiutarli a sostenere i costi di richiesta o mantenimento della certificazione biologica. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha annunciato martedì che i produttori e i gestori di prodotti biologici possono richiedere assistenza per coprire i costi di richiesta di certificazione nell’ambito del programma nazionale biologico dell’USDA attraverso il programma di condivisione dei costi di certificazione biologica. Le domande scadono il 1° novembre. I produttori ammissibili includono tutti i produttori o gestori certificati biologici che hanno pagato le tasse di certificazione biologica a un agente di certificazione accreditato dall’USDA durante il 2021 e qualsiasi anno successivo del programma. I produttori possono essere rimborsati per le spese sostenute dal 1° ottobre 2020 al 30 settembre 2021, comprese le tasse di iscrizione, i costi di ispezione, le tasse relative all’accordo di equivalenza e ai requisiti di disposizione, le spese di viaggio per gli ispettori, le tasse di utenza, le valutazioni delle vendite e le spese postali.

Le vendite di canapa sono un punto debole in un trimestre altrimenti forte per Pure Sunfarms

Il governo federale ha firmato il piano del Colorado per aggiungere laboratori di test provvisori e un terzo laboratorio di test permanente per i livelli di THC della canapa come parte delle sue modifiche generali per soddisfare i nuovi requisiti federali. Il governatore Jared Polis ha annunciato martedì che il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha approvato il piano riveduto della canapa del Colorado. Il Colorado ha regolamentato la canapa dal 2013, prima di qualsiasi autorizzazione federale per il raccolto. Ma lo stato aveva bisogno di apportare cambiamenti significativi ora che il raccolto è legale a livello federale ma governato dall’USDA. Tra i cambiamenti in arrivo alla regolamentazione della canapa in Colorado: • Il laboratorio che serve il Dipartimento dell’Agricoltura del Colorado otterrà la certificazione dalla Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti, che assegna al Colorado tre laboratori di analisi del THC conformi invece di due. • Lo stato sta avviando una nuova classe di laboratori “certificati con riserva” che saranno autorizzati a testare la canapa in attesa della certificazione federale, un palliativo “per garantire una copertura sufficiente dei test” per i prossimi due anni. • La canapa sarà testata per il THC totale, non solo per il delta-9 THC.Il Colorado ha sottolineato nella sua nota all’USDA che lo stato ha già fatto grandi passi avanti nella riduzione della canapa calda che supera il limite legale dello 0,3%, in calo di oltre la metà negli ultimi cinque anni, al 16% lo scorso anno. Il Colorado afferma che continuerà a consentire ai produttori di canapa con raccolti tra lo 0,3% e l’1% di THC di presentare “prove video o fotografiche verificabili per comprovare lo smaltimento appropriato delle colture”.

Il produttore canadese di marijuana e canapa Village Farms International ha registrato un aumento significativo delle entrate di marijuana per uso adulto per i tre mesi terminati il ​​30 giugno, sebbene la sua divisione di canapa abbia perso denaro. Pure Sunfarms, una consociata di Village Farms, con sede nella British Columbia, ha registrato vendite nette per 24,8 milioni di dollari (31,2 milioni di dollari canadesi) per il secondo trimestre, con un aumento del 42% rispetto alle vendite del trimestre precedente di 17,5 milioni di dollari.Pure Sunfarms vende marijuana per adulti in cinque province canadesi. Village Farms è entrata nel mercato della canapa statunitense all’inizio del 2019 fondando la joint venture Village Fields Hemp USA per la coltivazione di canapa all’aperto multistato e l’estrazione di cannabidiolo. Tuttavia, la società non ha riportato vendite di canapa per i tre mesi terminati il ​​30 giugno 2021. Il business della canapa ha perso $ 86.000 nel secondo trimestre.All’estero, Village Farms vede un “significativo potenziale a lungo termine” nelle nascenti opportunità di cannabis e CBD nella regione Asia-Pacifico. All’inizio di quest’anno, Village Farms ha aumentato il suo investimento nella piattaforma CBD Altum International Pty con sede in Australia a poco meno del 12%, rappresentando “un mezzo efficiente in termini di capitale per Village Farms per partecipare alle opportunità in questa regione”, ha affermato la società nello stesso documento. La cannabis è uno dei tre segmenti di reddito riportati da Village Farms. Gli altri sono la produzione vegetale ed energetica.

 

New West Genetics primo partecipante del settore canapa nell’incubatore della tecnologia di pulitura Wells Fargo

Una società di genomica della canapa a Fort Collins, in Colorado, sta ricevendo fondi per la ricerca e lo sviluppo in una struttura gestita dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti. New West Genetics è la prima azienda di canapa selezionata per partecipare al Wells Fargo Innovation Incubator, un incubatore tecnologico da 50 milioni di dollari incentrato su imprenditori di tecnologie pulite in fase iniziale.New West Genetics è una delle cinque società che riceveranno fino a $ 250.000 e condurranno attività di ricerca e sviluppo presso il National Renewable Energy Laboratory del Dipartimento dell’Energia a ovest di Denver. NREL co-amministra la ricerca. La ricerca sul New West verrà svolta anche presso il Donald Danforth Plant Science Center, un istituto di ricerca indipendente a St. Louis. Il programma dell’incubatore, finanziato dalla Wells Fargo Foundation, quest’anno si concentra sul rendere l’agricoltura indoor più sostenibile poiché le condizioni meteorologiche estreme e la scarsità d’acqua minacciano il settore agricolo. L’agricoltura indoor produce in genere più emissioni di gas serra rispetto alla produzione coltivata in campo. Le società finanziate “stanno affrontando questo problema attraverso tecnologie innovative”, ha affermato Trish Cozart, responsabile del programma IN2 di NREL.

Kadenwood procede ad un aumento di capitale per espandere pubblicità ed acquisire più società

Kadenwood, una società privata di beni di consumo confezionati con CBD, ha completato un aumento di capitale di serie B di $ 30 milioni in contanti e utilizzerà i soldi per acquistare pubblicità e acquisire più società. La società di Newport Beach, in California, afferma che l’aumento include anche una campagna mediatica di 20 milioni di dollari per aumentare la consapevolezza del marchio, portando il valore totale a 50 milioni di dollari. Quest’anno Kadenwood ha intrapreso una corsa all’acquisizione di CBD, acquistando il marchio Social CBD dell’Oregon e Healist Advanced Naturals del Regno Unito. “Con questo nuovo round di finanziamenti, stiamo accelerando la nostra missione di costruire marchi di CBD duraturi che le persone si fidano come sicuri ed efficaci, consolidando la nostra posizione come azienda leader globale di CBD integrata verticalmente”, il co-fondatore e CEO di Kadenwood Erick Dickens detto in un comunicato. The Craftory e Arcadian Capital Management hanno guidato il round di raccolta fondi di serie B.

 

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->