lunedì, Giugno 27

Borsa: canapa, USA e Canada chiudono entrambe in lieve positivo Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, mostrano un andamento improntato al pessimismo e chiudono entrambe in rosso. La crisi Covid prima ed ora la guerra in Ucraina hanno completamente depresso l’intero mondo borsistico internazionale, in ogni settore merceologico, canapa compresa. Per avere dei raffronti nel settore parallelo della cannabis, si constata che l’indice generale Global Cannabis Stock Index chiude a 19.23, +0,28 (+1,48%). L’American Cannabis Operator Index chiude a 27,56, +0,44 (+1,62%). L’Ancillaris Cannabis Index chiude a 34,88, +0,29(+0,84%). Il Canadian Cannabis LP Index chiude a 126.52, +0,42(-0,33%)

I migliori titoli di marijuana per la watchlist di maggio 2022

Nel corso dell’ultima settimana, alcuni titoli di marijuana sono stati scambiati meglio di altri. Con questo comportamento altalenante del settore, alcuni investitori stanno registrando piccoli guadagni mentre altri no. Tuttavia, con alcune società che hanno mostrato una certa flessione, potrebbe essere un’occasione per trovare azioni di marijuana da acquistare. Tuttavia, se state ancora analizzando il settore, concentrarvi sui migliori titoli della cannabis da tenere d’occhio potrebbe essere un punto di partenza migliore. In questo momento è in atto una buona dose di volatilità. Ma per la maggior parte del 2022, anche con un rialzo maggiore rispetto al 2021, le aziende continuano a scendere. Tuttavia, al di fuori del mercato, l’industria della cannabis appare forte.

I progressi e la crescita dell’industria nel suo complesso stanno mantenendo un certo interesse per gli investimenti in azioni di marijuana. Quando si vede una società di cannabis aprire un nuovo negozio o aggiungere nuovi prodotti è un segno di successo e spesso di aumento della redditività. Alcuni investitori ritengono che le società di cannabis che sono redditizie al di fuori del mercato saranno le prime a percepire un rialzo all’interno del mercato. In altre parole, le persone che acquistano le migliori azioni di marijuana in base all’attività ritengono che le aziende di maggior successo abbiano maggiori possibilità di riprendersi prima sul mercato.

Azioni di marijuana e investimento corretto

Quando si tratta di investire in azioni di marijuana, fate sempre i compiti a casa. Assicuratevi che l’azienda sia aggiornata e che mostri qualche tipo di redditività e di progresso. Quando fate le vostre ricerche su alcune società di cannabis, ce ne sono alcune che hanno qualche problema da risolvere. Ciò non significa che si tratti di un cattivo investimento, ma è più rischioso rispetto alle società che stanno prosperando. Le società di marijuana menzionate di seguito sono alcune opzioni da considerare se state cercando di investire in azioni di marijuana

Le migliori azioni di marijuana da seguire ora nel mese di maggio 2022

1. Greenlane Holdings, Inc. (NASDAQ:GNLN)
2. Clever Leaves Holdings Inc. (NASDAQ:CLVR)
3. Agrify Corporation (NASDAQ:AGFY)

Greenlane Holdings, Inc.

Greenlane Holdings, Inc. sviluppa soluzioni di coltivazione ed estrazione di precisione hardware e software per l’industria della cannabis e della canapa negli Stati Uniti. La società ha pubblicato i risultati del primo trimestre 2022. I punti salienti sono i ricavi totali del 1° trimestre 2022, aumentati del 37% a 46,5 milioni di dollari. Questo aumento è stato confrontato con i 34,0 milioni di dollari del primo trimestre del 2021. In questo periodo l’azienda ha rafforzato la diversità della leadership e l’esperienza nel settore.

La società ha rafforzato la propria leadership con la nomina di Darsh Dahya a direttore contabile e di Renah Persofsky a direttore del consiglio di amministrazione. Greenlane ha poi concluso un accordo con Universal Distribution per la distribuzione dei marchi Greenlane in America Latina. Inoltre, Greenlane ha completato una riduzione della forza lavoro nel marzo 2022. L’azienda prevede di ottenere circa 8,0 milioni di dollari di risparmi sui costi di compensazione in contanti su base annua.

Le parole dell’amministratore delegato

“Sulla base di un 2021 da record e di trasformazione, nel primo trimestre del 2022 abbiamo compiuto progressi significativi nell’esecuzione del nostro piano strategico 2022, dalla riduzione dell’organico aziendale alla maggiore concentrazione sui nostri marchi Greenlane a più alto margine”, ha dichiarato Nick Kovacevich, CEO di Greenlane. “I ricavi totali sono aumentati del 37% a 46,5 milioni di dollari, grazie soprattutto alla fusione con KushCo.

Clever Leaves Holdings Inc.

Clever Leaves Holdings Inc. opera come azienda produttrice di cannabis. L’azienda opera attraverso due segmenti, Cannabinoidi e Non-Cannabinoidi. Il segmento Cannabinoidi si occupa di coltivazione, estrazione, produzione, commercializzazione e distribuzione di prodotti cannabinoidi a livello internazionale. Tra le notizie recenti, Clever Leaves ha pubblicato i risultati del 1° trimestre 2022.

Tra i punti salienti, il fatturato è aumentato del 50% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 5,2 milioni di dollari. I progressi commerciali nei mercati target dimostrano la forte esecuzione della strategia di crescita ridefinita. Sono state adottate ulteriori misure proattive per migliorare la struttura dei costi dell’azienda. Un’importante riduzione del debito è stata raggiunta dopo la fine del trimestre. Inoltre, è stato ribadito l’outlook per il 2022 già fornito in precedenza.

Le parole della società

“I risultati del primo trimestre riflettono la forte esecuzione della nostra strategia di crescita ridefinita”, ha dichiarato Andres Fajardo, CEO di Clever Leaves.

Agrify Corporation 

Agrify Corporation sviluppa soluzioni di coltivazione ed estrazione di precisione hardware e software per l’industria della cannabis e della canapa negli Stati Uniti. L’11 maggio, la società ha pubblicato i risultati del 1° trimestre 2022. In quel periodo la società ha raggiunto un fatturato di 26,0 milioni di dollari. Questo ha rappresentato un aumento del 271% rispetto ai 7,0 milioni di dollari del periodo precedente. L’utile lordo del primo trimestre è stato di 4,2 milioni di dollari, rispetto ai (540) mila dollari, pari al (7,7% del fatturato, del 2021. Le spese operative sono state di 13,9 milioni di dollari per il primo trimestre, rispetto ai 6,0 milioni di dollari del periodo precedente. L’aumento comparativo delle spese operative del primo trimestre è in gran parte attribuibile alla crescita complessiva delle dimensioni dell’attività principale della Società.

Inoltre, le recenti acquisizioni e l’aumento delle spese di ammortamento associate alle attività immateriali identificate come parte delle acquisizioni recentemente completate dall’azienda. Oltre ai costi diretti legati alle acquisizioni, alla commissione di risoluzione di una banca d’investimento e agli oneri di ristrutturazione. Sempre di recente, Agrify ha annunciato un accordo di 2 milioni di dollari con Boone Labs, con sede nel Michigan, per l’allestimento del suo nuovo impianto di produzione. Boone Labs sarà il primo cliente a sfruttare l’intera suite di offerte di Agrify, tra coltivazione, estrazione e marchi di consumo. L’intenzione è quella di creare un’azienda di produzione di cannabis pienamente operativa.

Dati tratti da https://www.marijuanastocks.com

Andamento borsistico aggiornato in data 20 maggio 2022

Uno sguardo contestualizzato alla data del 20maggio 2022. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale e la recente guerra causata dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Leafly è in missione per potenziare il mercato della cannabis

Negli ultimi 12 anni, Leafly (NASDAQ: LFLY) ha avuto la missione di aiutare i consumatori a orientarsi nell’industria della cannabis. La piattaforma fornisce contenuti educativi, dati sui ceppi e connessioni con rivenditori e marchi autorizzati per guidare i consumatori nella loro esperienza di acquisto della cannabis. L’amministratore delegato Yoko Miyashita ha parlato con New Cannabis Ventures della piattaforma Leafly, della quotazione in borsa della società e di come l’azienda intende continuare a crescere.

Il modello di Leafly

Leafly monetizza la sua piattaforma attraverso le tariffe di abbonamento dei rivenditori e dei marchi e le tariffe pubblicitarie. Con circa 10.000 rivenditori di cannabis in tutto il Nord America, Leafly ha una penetrazione di mercato superiore al 50%, secondo Miyashita. Per come è oggi l’ambiente normativo, la cannabis è un mercato locale e l’azienda adotta un approccio mercato per mercato. Più negozi porta sulla sua piattaforma in un mercato, più aumenta il coinvolgimento dei consumatori.

Il lato dei marchi dell’attività di Leafly è ancora relativamente nascente, ma con un mercato potenziale indirizzabile di migliaia di marchi, l’azienda sta cercando di rinnovare i suoi prodotti di abbonamento ai marchi e di aumentare il coinvolgimento.

I consumatori sono il terzo gruppo di clienti di Leafly. Vengono sulla piattaforma per informarsi sulla cannabis e possono utilizzare le offerte di ritiro e consegna di Leafly. Leafly ha lanciato la sua offerta di ritiro nel 2018. I consumatori possono effettuare un ordine attraverso la piattaforma Leafly e ritirarlo in negozio. Quest’anno l’azienda ha lanciato la consegna negli Stati in cui è legale.

Il lato di consegna dell’attività richiede la collaborazione con diversi fornitori di POS. Come parte fondamentale del valore che offre ai rivenditori, Leafly si è concentrata sulle integrazioni. Secondo Miyashita, oggi l’azienda ha più di 50 integrazioni.

Canopy Growth acquista il diritto di acquisire la californiana Jetty Extracts per 69 milioni di dollari

Canopy Growth Corporation (“Canopy Growth” o “la Società”) (TSX: WEED) (NASDAQ: CGC) e Lemurian, Inc. (“Jetty”), produttore californiano di estratti di cannabis di alta qualità e pioniere della tecnologia clean vape, hanno annunciato oggi di aver stipulato accordi definitivi (gli “Accordi”) che conferiscono a Canopy Growth, tramite una società interamente controllata (“Canopy Sub”), il diritto di acquisire, al momento dell’autorizzazione federale del THC negli Stati Uniti o prima, a scelta di Canopy Growth, fino al 100% del capitale sociale in circolazione di Jetty.

Fondata nel 2013, Jetty è uno dei primi 10 marchi di cannabis in California1 e uno dei primi 5 marchi nella categoria Vape2. Sostenuta da una tecnologia pluripremiata, Jetty ha aperto la strada all’esperienza di svapo più autentica e naturale disponibile per i consumatori. In qualità di leader nel settore del vape senza solventi e di pioniere della proprietà intellettuale legata all’estrazione (IP), Jetty ha registrato una forte crescita negli ultimi due anni, generando un EBITDA positivo in un mercato altamente competitivo come quello della cannabis in California.

Questi accordi offrono a Jetty potenziali opportunità di collaborazione nell’ambito del solido ecosistema THC statunitense di Canopy, che già include il diritto di acquisire sia AcreageHoldings, Inc. che Wana Brands, oltre a una significativa partecipazione condizionata in TerrAscend Corp. Le due società stanno anche esplorando le possibilità di Jetty di portare il marchio e la sua innovativa linea di prodotti sul mercato ricreativo canadese, per realizzare appieno il potenziale nordamericano e transfrontaliero della proprietà intellettuale leader del settore di Jetty.

Harborside Inc. Acquisisce la piena proprietà del negozio di Seaside, California

Harborside Inc. (“Harborside” o la “Società”) (CSE: HBOR) (OTCQX: HBORF), un’azienda californiana di cannabis verticalmente integrata, ha annunciato oggi di aver raggiunto il 18 maggio 2022 un accordo per l’acquisizione (l'”Acquisizione”) di un’ulteriore partecipazione del 50% nel suo negozio di Seaside, California (il “Seaside Store”). L’acquisizione porterà la Società a possedere tutti i titoli emessi e in circolazione di 680 Broadway Master, LLC (la “Partecipazione”), che possiede il Seaside Store, portando la partecipazione della Società nel Seaside Store al 100%.

Il Seaside Store, che porta il marchio Urbn Leaf, ha un’origine inaspettata, essendosi trasformato da un negozio dell’usato nel giugno 2019 nell’attuale sede di vendita al dettaglio di cannabis. Il Seaside Store è convenientemente situato nel cuore di Seaside(sulla Monterey Bay), appena fuori Broadway Avenue. L’Acquario di Monterey, il Fisherman’s Wharf, Ribera Beach, Lovers Point Park e altre attrazioni si trovano nelle vicinanze.

“Un’impronta di vendita al dettaglio di primo piano è fondamentale per il nostro obiettivo di diventare una delle principali aziende californiane di cannabis completamente integrate”, ha dichiarato Ed Schmults, amministratore delegato di Harborside. “Siamo entusiasti di acquisire la piena proprietà del Seaside Store, un’ottima posizione sulla baia di Monterey che si rivolge sia ai residenti della zona che ai turisti. Non vediamo l’ora di espandere ulteriormente la nostra presenza al dettaglio nella California settentrionale”.

Il piano fiscale sulla marijuana del governo californiano non risolve i problemi principali, dicono i funzionari dell’industria

La proposta del governatore della California Gavin Newsom di eliminare l’imposta statale sulla coltivazione della marijuana è una mossa gradita, secondo i funzionari del settore.

Ma essi sostengono che il piano del governatore non si spinge abbastanza in là per aiutare un’industria afflitta da tasse elevate, regolamenti onerosi e un robusto mercato illegale.

Per compensare le mancate entrate derivanti dall’eliminazione dell’accisa, ad esempio, il piano di Newsom aumenterebbe l’accisa al dettaglio sugli acquisti di marijuana dopo tre anni, dal 15% al 19%.

Questa e altre disposizioni hanno scatenato critiche al piano complessivo da parte di funzionari del settore e di legislatori statali.

“È un bel cerotto per un sistema funzionalmente rotto che ha bisogno di una revisione, a partire da una riduzione delle tasse su tutta la linea”, ha detto Doug Chloupek, amministratore delegato e fondatore di Juva Life, un coltivatore di cannabis e una società di ricerca sulle scienze della vita con un braccio di coltivazione a Stockton.

Il senatore democratico della California Scott Wiener si è detto d’accordo, affermando che le alte tasse che le aziende produttrici di marijuana devono attualmente affrontare in California portano a un prodotto costoso al dettaglio, che a sua volta spinge i consumatori verso il mercato non autorizzato.

Oltre alle imposte sulla coltivazione e sulle accise, le vendite di cannabis autorizzate in California sono soggette all’imposta generale sulle vendite e sull’uso, che varia a seconda della località, ma è in media l’8,82% del prezzo finale di vendita per il 2022, secondo i dati della conservatrice Tax Foundation.

“L’attuale sistema di tassazione della cannabis in California è gravemente danneggiato”, ha detto Wiener. “Le tasse sono così alte che contribuiscono ad alimentare il mercato illegale”.

I coltivatori di canapa di New York si preparano a sfruttare il mercato della marijuana a scopo ricreativo

Finora sono state rilasciate 52 licenze di “coltivatore condizionato per uso adulto”.

I permessi hanno lo scopo di accelerare la coltivazione e la lavorazione della marijuana per uso ricreativo per evitare lunghi ritardi e carenze.

Inoltre, mirano ad aumentare la diversità all’interno dell’industria.

New York è il primo programma di marijuana regolamentato dallo Stato a consentire ai coltivatori di canapa autorizzati di ottenere le licenze iniziali per la coltivazione di marijuana per uso adulto.

“È un’opportunità fantastica”, ha dichiarato Brittany Carbone, cofondatrice di Tricolla Farms, con sede a Berkshire, New York.

“Ma chiunque abbia lavorato nell’industria della canapa e comprenda l’industria della cannabis si sta avvicinando con un cauto ottimismo, per non dire altro”.

L’anno scorso New York è stato il quarto produttore di canapa indoor per superficie e ha prodotto 12.549 libbre di fiori di canapa, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti.

I coltivatori dello Stato hanno piantato 900 acri all’aperto e raccolto 290 acri.

I margini per i coltivatori di canapa sono molto più ridotti rispetto a quelli della marijuana.

Per la canapa coltivata all’aperto, l’USDA ha rilevato che i prezzi medi di vendita nazionali l’anno scorso sono stati di 39,60 dollari per libbra di fiori.

I coltivatori di marijuana nei nuovi mercati regolamentati possono spesso vendere i fiori a un prezzo molto superiore.

“È un’opportunità enorme”, ha dichiarato Sarah Stenuf, fondatrice di Ananda Farms a Fulton, New York. Stenuf è una coltivatrice di canapa cannabinoide che ha ricevuto un permesso provvisorio condizionato per la coltivazione di marijuana.

“La canapa non è un bene di prima necessità in questo momento”.

 

 

 

 

Dati tratti da

The Daily Marijuana Observer | Cannabis Investment News and More… (mjobserver.com)

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->