martedì, Maggio 11

Borsa: canapa, una ventata di tiepido ottimismo per Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, questa settimana chiudono entrambe con piccoli dati positivi. Sebbene le chiusure settimanali mostrino positività alquanto ristrette, esse si stagliano notevolmente rispetto al rosso profondo segnalato nelle due settimane precedenti. Una piccola ventata d’ottimismo, nel bel mezzo di tanto clima depresso sulle piazze borsistiche internazionali soprattutto a causa dei numeri pessimi espressi dall’emergenza Covid a livello mondiale

Indice Marijuana Canada 253.24

In data 23/4/2021 è

Positivo: 2,92

Costituenti: 15

Cambio: 1,17%

Prezzo di apertura: 251.49

Volume Totale: 87.07 m

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

15 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 256,31

16 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 248.83

19 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 251.89

20 aprile 2021 ore 10.30 AM raggiunto 245.57

21 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 244.87

22 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 251,14

Indice Marijuana Stati Uniti 114.27

In data 23/4/2021

Positivo: 1.23

Costituenti: 30

Cambio: 1,09%

Prezzo di apertura: 114.02

Volume Totale: 5.25

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

15 aprile 2021 ore 10.30 PM raggiunto 115.33

16 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 113.01

19 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 113.65

20 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 112,69

21 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 111,92

22 aprile 2021 ore 10.30 AM raggiunto 113.90

Andamento borsistico aggiornato in data 16 aprile 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 16 aprile 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Un rivenditore di CBD di New York ha citato in giudizio FedEx per aver sequestrato la spedizione di canapa        

Un rivenditore di CBD con sede a Brooklyn, New York, ha citato in giudizio FedEx e la città di New York per aver segnalato e confiscato una spedizione di canapa nel 2019. Il proprietario della Green Angel CBD Oren Levy e suo fratello Ronen Levy hanno intentato la causa in un tribunale distrettuale federale di New York il mese scorso, accusando la città di New York insieme a due agenti di polizia di New York City, e FedEx e uno dei suoi autisti, di non tornare una spedizione di canapa. La spedizione di 106 libbre di prodotti di canapa che il rivenditore aveva ordinato da Fox Holler Farms con sede nel Vermont nel 2019 è stata valutata a $ 17.000, ma valeva fino a $ 100.000 di profitti al dettaglio, secondo i Levys. Land Line, una pubblicazione che copre l’industria degli autotrasporti, ha segnalato per primo la causa.

Health Canada approva le varietà di canapa americane per la produzione commerciale        

Tradizionalmente, le genetiche approvate per la produzione di canapa in Canada sono state varietà di cereali e fibre, ma l’aggiunta di alcune nuove genetiche americane per la stagione di crescita 2021 fornisce ai coltivatori canadesi di canapa varietà adatte per la produzione di cannabinoidi all’aperto nella stagione di crescita più breve del Canada.Health Canada, l’agenzia federale che regola la cannabis in Canada, ha stabilito il suo elenco di cultivar di canapa approvate per la coltivazione commerciale per i coltivatori autorizzati, che include varietà originate da coltivatori americani tra cui New West Genetics, Charlotte’s Web, Arcadia Biosciences e Davis Farms of Oregon.

Il servizio postale degli Stati Uniti dice agli spedizionieri di sigarette elettroniche di prepararsi al divieto          

Il servizio postale degli Stati Uniti sta ricordando alle aziende che producono componenti per vaporizzatori di essere pronte a nuovi divieti sulla spedizione dei loro prodotti. Un divieto che entrerà in vigore la prossima settimana potrebbe essere applicato a tutte le società di vaporizzazione, anche a quelle che spediscono prodotti legali derivati ​​dalla canapa. Il divieto è stato adottato alla fine dello scorso anno per ridurre l’accesso ai prodotti da svapo e potrebbe eliminare la spedizione diretta al consumatore. Il servizio postale ha ricordato all’industria il divieto incombente lunedì in un avviso federale. L’agenzia ha sottolineato che le aziende potrebbero chiedere eccezioni al divieto, ma non ha fornito alcuna indicazione se avrebbero fatto eccezioni. Diversi operatori di vaporizzatori di canapa e marijuana hanno affermato che il cambiamento danneggerà gravemente le loro attività. FedEx e UPS hanno già affermato che seguiranno la direttiva del servizio postale degli Stati Uniti e non spediranno prodotti per lo svapo.

La Camera degli Stati Uniti approva la riforma bancaria sulla marijuana che include la fornitura di canapa

I sostenitori della canapa stanno applaudendo il voto della Camera degli Stati Uniti questa settimana per eliminare gli ostacoli bancari per gli operatori di marijuana. Ma sperano che la misura nota come SAFE Banking Act venga modificata al Senato per chiarire una disposizione che menziona la canapa. Il disegno di legge, approvato dalla Camera 321-101 lunedì con un forte sostegno bipartisan, è stato il primo importante atto legislativo sulla marijuana ad essere approvato dal nuovo Congresso controllato dai democratici. Il voto era programmato per arrivare alla vigilia della celebrazione della cannabis 4/20. Gli attivisti della canapa supportano da tempo l’accesso bancario per i colleghi che lavorano con cannabis ad alto contenuto di THC. Le aziende di marijuana legali statali hanno lottato per anni per ottenere l’accesso ai servizi finanziari tradizionali come conti correnti, conti paghe e linee di credito. Gli operatori di canapa hanno pieno accesso al sistema bancario grazie alla legalizzazione a livello nazionale nel 2018, sebbene molte aziende di canapa affermino di avere difficoltà ad accedere al capitale e ai servizi bancari a causa dell’associazione della pianta con la marijuana.

Come i coltivatori di cannabis possono ridurre la loro impronta di carbonio  

Sia che operino al chiuso, all’aperto o in serra, i coltivatori di cannabis hanno sviluppato la reputazione di non essere verdi come le piante che coltivano. Dai pesticidi all’uso dell’energia, ci sono una miriade di modi in cui i coltivatori possono ridurre la loro impronta di carbonio. Alcuni richiedono un piccolo investimento, mentre altri sono relativamente economici. Indipendentemente da ciò, i consumatori richiedono sempre più prodotti che vengono prodotti con un impatto minimo sul pianeta e i coltivatori di cannabis ne stanno prendendo atto. “Fondamentalmente, una delle cose davvero interessanti dell’agricoltura e dell’agricoltura della cannabis è che hanno obiettivi allineati, non obiettivi opposti”, ha affermato Graham Farrar, presidente e chief cannabis officer presso Glass House Group con sede in California. “Gestire una buona operazione di cannabis è per definizione sostenibile. Anche l’agricoltura sostenibile è un buon affare”.

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->