martedì, Maggio 11

Borsa: canapa, tracollo per Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, questa settimana chiudono entrambe con un rosso netto, le curve borsistiche di entrambe le piazze principali della canapa hanno mostrato -in verità- un andamento negativo fin dall’inizio della settimana corrente, mostrando i segni netti della involuzione borsistica internazionale e che ha riguardato svariati settori della produzione e del commercio mondiale.

Indice Marijuana Canada 249.74

In data 16/4/2021 è

Negativo: -3,38

Costituenti: 15

Cambio: -1,34

Prezzo di apertura: 256.57

Volume Totale: 159.32 m

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

8 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 270.99

9 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 274.41

12 aprile 2021 ore 10.30 AM raggiunto 262.50

13 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 260.16

14 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 256,41

15 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 256,31

Indice Marijuana Stati Uniti 113.54

In data 16/4/2021

Negativo: -1.31

Costituenti: 30

Cambio: -1,14

Prezzo di apertura: 115.48

Volume Totale: 9.14

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

1° aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 122.18

5 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 122.57

6 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 121,19

7 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 120,42

8 aprile 2021 ore 10.30 AM raggiunto 118.76

8 aprile 2021 ore 10.30 PM raggiunto 119.21

Andamento borsistico aggiornato in data 16 aprile 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 16 aprile 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Società che produce bevande a base di canapa acquisisce impresa che produce acqua alcalina        

Una società della Carolina del Nord che produce bevande gassate con olio di semi di canapa ha acquisito un’azienda che imbottiglia acqua altamente alcalina. Good Hemp di Cornelius, North Carolina, afferma di aver acquisito Diamond Creek Group, che diventerà una consociata interamente controllata. Diamond Creek ha sede a Charlotte e produce acqua sorgiva naturale altamente alcalina proveniente da sorgenti in Ohio, Pennsylvania e Tennessee. I termini dell’acquisizione non sono stati rilasciati. L’acquisizione conferisce a Good Hemp una maggiore visibilità al dettaglio. L’acqua Diamond Creek è disponibile nei negozi di alimentari Food Lion, Harris Teeter e Bi-Lo. Good Hemp afferma nel suo annuncio che prevede di lanciare una linea di capsule in gel CBD sotto la sua divisione Good Hemp Wellness. Good Hemp commercia sui mercati da banco come GHMP.

Startup raccoglie 5.3 milioni di dollari per rafforzare l’impiego di droni per la produzione di canapa        

Una startup irlandese che cerca di vedere più agricoltori che coltivano canapa e utilizzano droni per farlo ha bloccato $ 5,3 milioni (4,5 milioni di euro) per andare avanti. Greenheart CBD afferma che sta cercando di espandere la sua catena di approvvigionamento e trovare più canapa da trasformare in CBD. L’azienda ha coltivato la canapa su 10 acri l’anno scorso, ma sta cercando di contrattare con più produttori, inviando loro semi e droni per aiutare a coltivare la canapa, ha detto il co-fondatore Paul Walsh all’Irish Times. “Credo che la tecnologia dei droni potrebbe cambiare tutto”, ha detto Walsh. La startup sta anche pianificando di lanciare una valuta digitale e utilizzare i proventi per acquistare nuovi terreni per la produzione di CBD ed esplorare linee di prodotti industriali.

L’EPA degli Stati Uniti garantisce 100.000 dollari in fondi a sostegno di una impresa che realizza mattoni con fibre da canapa a Washington          

I regolatori ambientali federali desiderosi di sviluppare opzioni di edilizia sostenibile hanno assegnato una sovvenzione del valore di quasi $ 100.000 a una società dello stato di Washington che produce mattoni di canapa industriale. Earth Merchant, con sede a Vancouver, ha ricevuto una delle 24 sovvenzioni attraverso il programma di ricerca sull’innovazione per le piccole imprese dell’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti per i suoi OlogyBricks a base di canapa. Il prodotto è pubblicizzato come “blocchi da costruzione resistenti, leggeri, carbonio-negativi realizzati con canapa industriale” che offrono un’alternativa ai mattoni da costruzione convenzionali a base di cemento. La resistenza termica e le proprietà meccaniche di Ology Bricks possono migliorare l’efficienza energetica di una casa o di un edificio e la qualità dell’aria interna, migliorando i risultati sulla salute dei residenti, secondo l’annuncio della sovvenzione. Earth Merchant e altre piccole imprese hanno ricevuto premi di Fase I fino a $ 100.000 per sei mesi, per il proof-of-concept della loro tecnologia proposta, ha affermato l’EPA. Le aziende che completano con successo la Fase I possono presentare proposte per i premi della Fase II fino a $ 400.000 per sviluppare e commercializzare ulteriormente la tecnologia.

La California rinuncia ad una finestra più stretta nei test sul THC

La California sta ritirando un piano per accorciare la finestra per i test del THC nelle colture di canapa dopo che gli agricoltori si sono lamentati dei cambiamenti che hanno reso il più grande mercato della cannabis della nazione più restrittivo di altri stati in termini di regole di produzione della canapa. Ma lo stato sta ancora riflettendo sul divieto della canapa fumabile. La California ha annunciato lunedì cambiamenti di emergenza per estendere la finestra di raccolta della canapa da 15 giorni dopo il campionamento a 30 giorni. Il lasso di tempo più lungo corrisponde alle nuove linee guida nazionali del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Le linee guida nazionali sono entrate in vigore a marzo, sebbene gli stati abbiano il permesso di emanare requisiti più severi. Nel caso della California, i requisiti di test più severi hanno costretto gli operatori di canapa a lottare per il cambiamento.

Come la Patagonia sta sostenendo la costruzione di una filiera nazionale di fibre di canapa

La fibra è calda tra i produttori di canapa alla ricerca di nuovi mercati, soprattutto ora che i prezzi hanno toccato il fondo per i fiori di canapa e la biomassa. Ma la mancanza di acquirenti di fibre e l’immatura catena di fornitura del settore fanno sì che gli osservatori del settore avvertano che i coltivatori di canapa potrebbero andare avanti e finire con l’ennesimo eccesso. L’azienda di abbigliamento outdoor con sede in California Patagonia e lo stato del Colorado sperano di contribuire a cambiare la situazione riunendo agricoltori, produttori di macchinari, produttori tessili e ricercatori sulla canapa. “Non c’è niente sui partiti politici nella canapa. È solo una solida opportunità di business, una solida opportunità ambientale, buona per gli agricoltori, buona per la nostra salute, buona per l’economia, buona per la sostenibilità “, ha detto il governatore del Colorado Jared Polis in un video rilasciato da Patagonia sul progetto” Bring Hemp Home ” alla fine del mese scorso.

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->