domenica, Agosto 1

Borsa: canapa, tracollo netto per Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Canada e USA chiudono in rosso, proseguendo sulla scia negativa delle due scorse settimane. Nel caso della Borsa canadese si tratta di valori da voragine rossa. Pesa non soltanto la volatilità generale ma il clima pesante, sempre più pesante, indotto dalla variabile-Covid sullo scenario mondiale. Mancano iniezioni di capitali, investimenti e tutto -in specie nella produzione- è fermo, in quanto il mercato di settore manca di spinta propulsiva.

Indice Marijuana Canada 319.28

In data 26/2/2021 è

Negativo: -24,69

Costituenti: 14

Cambio: -7,18%

Prezzo di apertura: 345.46

Volume Totale: 472.94 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

18 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 393.11

19 febbraio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 352.84

22 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 350.81

23 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 301,25

24 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 324,68

25 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 348.61

 

Indice Marijuana Stati Uniti 133.60

In data 26/2/2021

Negativo: -5,35

Costituenti: 27

Cambio: -3,85%

Prezzo di apertura: 139.84

Volume Totale: 27.18 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

11 febbraio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 159.36

12 febbraio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 138.73

16 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 148.43

17 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 146.09

18 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 142,48

18 febbraio 2021 ore 02,05 PM raggiunto 139,75

 

Andamento borsistico aggiornato in data 26 febbraio 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 19 febbraio 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Tom Visack confermato in Senato come nuovo Segretario per l’Agricoltura degli USA

Tre settimane dopo aver cancellato l’udienza della commissione per l’agricoltura del Senato, l’intero Senato ha votato martedì 92-7 per confermare Tom Vilsack come Segretario dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Vilsack, un Iowan, ha ricoperto lo stesso ruolo per tutti gli otto anni dell’amministrazione Obama e ha supervisionato l’USDA durante l’approvazione e l’attuazione del Farm Bill 2014, che ha permesso agli stati di sperimentare la produzione di canapa. Con il sostegno bipartisan, Vilsack ha ricevuto voti unanimi a suo favore dai Democratici, anche se la sua nomina è stata aspramente criticata tra i difensori dei diritti civili per il suo ruolo nella preclusione dell’agenzia nei confronti degli agricoltori neri che avevano denunce di discriminazione in sospeso e distribuzione iniqua di prestiti agricoli agli agricoltori neri. Durante la sua audizione virtuale della commissione per l’agricoltura del Senato, Vilsack ha detto che avrebbe formato una commissione per il patrimonio netto. Vilsack non ha menzionato la canapa durante l’udienza iniziale, ma ha aggiornato i senatori sui piani di Biden per rendere l’agricoltura a impatto zero, un’idea che potrebbe portare a nuove opportunità per i coltivatori di canapa. Immediatamente fuori dal cancello, Vilsack si concentrerà probabilmente sugli aiuti agricoli legati alla pandemia, compresi i 3 miliardi di dollari in aiuti agricoli che il Congresso ha messo a disposizione attraverso il Programma di assistenza alimentare per il Coronavirus e altre iniziative.

Secondo uno studio, le piante con un indice di CBD elevato sono al 90% , dal punto di vista genetico, marijuana

Le piante ad alto contenuto di CBD ereditano circa il 90% dei loro geni dalla marijuana, secondo un nuovo studio sulla genomica della cannabis condotto dall’Università del Minnesota e dalla società di coltivazione della canapa Sunrise Genetics. I collaboratori hanno assemblato un genoma completo da una nuova varietà di cannabis e hanno anche esaminato diverse varietà di cannabis. Hanno scoperto che allevando piante di marijuana ad alto contenuto di THC con varietà di canapa a basso contenuto di THC, gli allevatori possono sviluppare nuove varietà che producono alti livelli di CBD. Ma questa impresa di allevamento “rappresenta una sfida” e un grosso rischio per gli agricoltori, secondo il coautore dello studio CJ Schwartz di Sunrise Genetics.”I geni che consentono la produzione di CBD sono anche un po ‘” che perdono “, ha detto Schwartz in una nota. “Questo può far sì che circa il 5% del prodotto finisca come THC invece del 100% CBD”. Gli agricoltori che coltivano queste varietà ad alto contenuto di CBD fino alla maturità hanno un rischio molto più elevato che i loro raccolti si surriscaldino, superando il limite legale federale dello 0,3% di THC totale.

Levi’s collabora con un marchio di moda danese per lanciare un denim a base di canapa

Levi’s sta collaborando con un marchio di moda danese, GANNI, per offrire jeans, giacche, abiti e top in denim di canapa cotonata. La collezione promuove gli articoli come più sostenibili del denim a base di cotone. “La canapa utilizzata per realizzare il tessuto è tutta alimentata dalla pioggia con una comprovata impronta inferiore rispetto al denim convenzionale, tradizionalmente realizzato in cotone”, ha detto a Teen Vogue Ditte Reffstrup, direttore creativo di GANNI. “La canapa cotonata è così morbida e lussuosa al tatto, onestamente non puoi dire che non è denim convenzionale”. Levi’s ha già una selezione limitata di offerte di canapa cotonata nella sua linea WellThread. La collaborazione del produttore di denim americano Levi’s x GANNI è in vendita.

Scegliere la posizione migliore per la propria attività di vendita al dettaglio di CBD

Dai negozi per mamme e pop alle catene aziendali, tutti nel settore della vendita al dettaglio sanno che un luogo scelto con cura è la chiave del successo. L’industria della cannabis non fa eccezione.Sebbene i requisiti normativi, la disponibilità delle licenze e la domanda del mercato varieranno da luogo a luogo, i rivenditori di marijuana e canapa alla ricerca di un luogo assassino potrebbero trarre vantaggio da:

• Comprensione sia dei mercati locali immediati che delle tendenze regionali.

• Pensiero creativo per trovare luoghi poco serviti, in particolare per i giocatori più piccoli.

• Considerare attentamente i potenziali vantaggi e svantaggi dell’acquisto rispetto al leasing.

• Identificare i mercati futuri prima che i funzionari locali inizino a scrivere le ordinanze, quindi impegnarsi presto.

La canapa nell’alimentazione animale degli Stati Uniti è un passo avanti verso la fruizione

Negli Stati Uniti attualmente, gli esseri umani possono mangiare cibi a base di canapa, ma non possiamo legalmente mangiare carne o uova di animali che hanno mangiato la canapa. Ma con la recente azione della Hemp Feed Coalition (HFC), un’organizzazione no profit con sede a Fort Collins, in Colorado, che cerca di ottenere l’approvazione federale per la canapa e i suoi sottoprodotti come fonte di alimentazione e nutrizione animale commerciale, l’industria è un po‘più vicina a vederlo. diventare una realtà. Questo perché l’HFC ha completato la sua prima richiesta affinché la canapa diventi un ingrediente per mangimi animali approvato per l’esame da parte dell’Associazione dei funzionari americani di controllo dei mangimi (AAFCO) e del Centro per la medicina veterinaria della Food and Drug Administration statunitense. Se approvata, l’applicazione dell’ingrediente consentirà l’uso legale della farina e della torta di semi di canapa come mangime commerciale per le galline ovaiole.

 

 

Dati tratti da

https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->