mercoledì, Giugno 23

Borsa: canapa, settimana negativa per USA e Canada Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, questa settimana subiscono l’effetto di una forte volatilità sulle piazze borsistiche globali. Nonostante tutto, la Borsa USA, in chiusura di settimana, ha cercato di riequilibrare le perdite con ogni sforzo. Così non può dirsi per la Borsa canadese che è stata negativa per tutta la settimana borsistica.

Indice Marijuana Canada 231.94

In data 4/6/2021 è

Negativo: -9,13

Costituenti: 13

Cambio: -3,79 %

Prezzo di apertura: 243.91

Volume Totale: 434.30 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

28 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 249,37

31 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 253.48

1° giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 247.38

2 giugno 2021 ore 10.30 AM raggiunto 251.28

3 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 250,36

4 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 237,07

Indice Marijuana Stati Uniti 117.63

In data 4/6/2021

Negativo: -0.63

Costituenti: 28

Cambio: -0.53%

Prezzo di apertura: 118.80

Volume Totale: 9.02 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

28 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 117.90

1° giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 117.58

2 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 117,81

3 giugno 2021 ore 10.30 AM raggiunto 119.06

4 giugno 2021 ore 10.30 AM raggiunto 117.53

4 giugno 2021 ore 04,00 PM raggiunto 117.63

Andamento borsistico aggiornato in data 4 giugno 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 4 giugno 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Il Texas chiede il permesso di imporre il divieto di fumare canapa        

I funzionari del Texas vogliono imporre un divieto alla canapa fumabile che era stato sospeso da settembre. Secondo Law360, il Dipartimento dei servizi sanitari statali del Texas ha dichiarato giovedì a una Corte d’appello statale di tre giudici che dovrebbe essere autorizzato a far rispettare una norma legislativa del 2020 che prevedeva un divieto di fumare la canapa. Quattro aziende di canapa hanno citato in giudizio la regola, affermando che il Dipartimento della Salute è andato troppo oltre. La questione è se la legge che vieta la produzione e la lavorazione della canapa da fumare includa il divieto di vendita al dettaglio e distribuzione di tali prodotti. Un giudice ha emesso un’ingiunzione sulla regola a settembre, impedendone l’applicazione fino a quando la causa non fosse stata risolta. Le aziende sono andate in tribunale a marzo ma la sentenza non è stata rilasciata.

Il Michigan cerca di restringere la definizione di marijuana per includere gli intossicanti derivati dalla canapa            

La Camera dello Stato, con parere favorevole bipartisan, ha approvato una legge per colmare una lacuna nella legge sulla marijuana del Michigan che ha consentito la vendita di prodotti derivati ​​dalla canapa non testati. Secondo l’Associated Press, la legislazione – che ora passa al Senato dello stato – includerebbe tutti i prodotti THC nella definizione legale di marijuana, sottoponendo quindi tutti questi prodotti allo stesso livello di test, regolamentazione e restrizioni.Quando il Michigan ha cercato di includere il THC nella sua legge sulla marijuana medica nel 2008 e nella legge sulla MJ ricreativa nel 2018, ha usato esplicitamente il termine scientifico “delta-9-tetraidrocannabinolo”. Ma a causa di questa definizione ristretta di marijuana, i rivenditori in tutto lo stato hanno venduto prodotti derivati ​​dalla canapa, come delta-8 e delta-10 THC, che secondo quanto riferito producono effetti inebrianti simili al delta-9 THC.Sfruttare questa scappatoia ha reso i prodotti non testati e non regolamentati disponibili per l’acquisto da parte dei minori, ha affermato lo sponsor del disegno di legge, il rappresentante Yousef Rabhi, durante una recente riunione del Comitato per la riforma della regolamentazione della Camera. L’azione segue le recenti azioni del Colorado e di altri stati per vietare espressamente il delta-8 THC e altri isomeri di THC derivati ​​dalla canapa.

GenCanna fa causa al produttore di canapa Vertical Wellness per una disputa sull’essiccazione            

La società di canapa e CBD GenCanna ha intentato una causa in un tribunale federale del Kentucky sostenendo che il produttore di canapa Vertical Wellness ha rinnegato un accordo per fornire servizi di essiccazione per 12 milioni di libbre di canapa. GenCanna, una società di canapa e CBD con sede a Winchester, Kentucky, e Vertical Wellness, un’azienda di canapa e cannabinoidi verticalmente integrati con sede a Cadice, nel Kentucky, hanno siglato un accordo per la lavorazione e l’essiccazione della biomassa a luglio. Secondo la causa, GenCanna ha affermato di aver chiesto a Vertical Wellness di sospendere i suoi servizi di essiccazione a novembre, quando è stato approvato il piano di fallimento del capitolo 11 di GenCanna e MCG Investment Group ha acquistato la maggior parte delle attività della società. Law360 ha segnalato per primo la causa GenCanna.GenCanna ha affermato di aver trasferito più di 16 milioni di libbre di canapa nella struttura di Vertical Wellness a Cadice. Ma dopo che Vertical Wells ha inizialmente accettato di interrompere le operazioni di essiccazione, è ricominciato a dicembre senza il permesso di GenCanna, secondo la causa. Secondo la corrispondenza citata nella causa. Vertical Wellness ha dichiarato di aver ripreso le operazioni sulla base dell’accordo che la canapa di GenCanna sarebbe stata lavorata entro la fine del 2020. La corrispondenza mostra anche che il CEO di Vertical Wellness Smoke Wallin ha dichiarato a GenCanna lo scorso anno che l’accordo prevedeva un “importante investimento” per Vertical Wellness e che la sospensione delle operazioni di essiccazione avrebbe avuto un impatto sull’azienda e avrebbe comportato licenziamenti. GenCanna, da parte sua, afferma di aver cercato di ottenere assicurazioni da Wallin che Vertical Wellness avrebbe potuto completare il contratto questa primavera, ma è stata respinta. Secondo GenCanna, ha risolto il suo accordo con Vertical Wellness lo stesso giorno in cui ha presentato la causa, che rivendica la violazione del contratto e chiede danni e costi non specificati. Nella corrispondenza, Wallin ha affermato che GenCanna e MCG Investment Group hanno violato il contratto e hanno intentato una causa “frivola”.

Il Gruppo Arcview dà il benvenuto al nuovo CEO    

La società di consulenza sulla cannabis e la canapa, The Arcview Group, dà il benvenuto a Jeffrey Finkle come nuovo amministratore delegato. Il Gruppo Arcview ha un nuovo leader al timone. L’influente fornitore di servizi di consulenza, ricerche di mercato e opportunità di networking nei settori della cannabis e della canapa ha annunciato oggi la nomina di Jeffrey Finkle alla carica di amministratore delegato. Succede a Kim Kovacs, che ha ricoperto la carica di CEO dall’inizio del 2019. Finkle ha una vasta esperienza nella gestione degli investimenti, nonché nello sviluppo e nelle operazioni aziendali. Ha co-fondato The Arcview Collective Fund nel 2018 e più recentemente è stato CEO di Arcview Ventures. Il suo piano di transizione consentirà di continuare il suo lavoro con entrambe le entità. Finkle è stato scelto per guidare l’Arcview Group attraverso la sua prossima fase di crescita grazie alla sua “comprovata esperienza nello sviluppo di team diversificati e ad alte prestazioni”, secondo l’annuncio. Kovacs, la prima amministratore delegato donna dell’azienda, rimarrà nel consiglio di amministrazione. Si unirà a Santa Fe Farms, un attuale cliente di Arcview, come Chief Strategy Officer.

Davis Piantagione primaverile per la cannabis coltivata al sole presso Swami Select  

Il co-fondatore di Swami Select fornisce un resoconto dettagliato della semina e della cura del terreno nei vari giardini della loro tenuta di cannabis questa primavera. Le giornate sono più lunghe e il sole ha riscaldato il terreno: la stagione della semina è alle porte. Anche prima che i semi si rompano e molto prima che l’erba magica finisca nel terreno, c’è una discreta quantità di lavoro di preparazione da fare.Ganja Ma Gardens, casa della cannabis Swami Select, è immerso nei boschi montuosi del triangolo di smeraldo della California settentrionale. Lo scorso autunno, abbiamo deciso di trasferire le 30 piante di cannabis che crescevano nel Rose Garden nell’area di coltivazione primaria conosciuta come Sri Yantra Garden. Il Rose Garden è stato il primo posto in cui abbiamo coltivato cannabis quando abbiamo avviato la fattoria molti anni fa. Ma negli ultimi anni, le piante sono diventate sempre più piccole, anche se hanno ricevuto gli stessi emendamenti, compost e letame delle piante degli altri giardini. Alla fine abbiamo capito che le radici di molti enormi querce e abeti rossi che crescono fuori dal recinto del giardino avevano invaso il giardino. Le radici stavano rubando la maggior parte dell’acqua e dei nutrienti che pensavamo andassero alle piante. Ad aprile, abbiamo spostato il terreno del Rose Garden nella nostra area di miscelazione vicino al giardino Sri Yantra. Abbiamo usato un escavatore per scavare 30 nuove buche in quel giardino. L’equipaggio ha raccolto vecchi tronchi caduti da tutto il ranch che sono stati collocati nei fori, insieme a un panno di ferramenta per la protezione del gopher e gesso per aiutare a sciogliere l’argilla nel terreno nativo. Questa è diventata la base dei tumuli, o “hugellettes”, come li chiamo io. Per soddisfare i requisiti del baldacchino stabiliti dallo stato, ogni pianta di cannabis ha il suo piccolo tumulo, che misura circa sette piedi di diametro. Quando il legno sepolto si decompone, trattiene l’acqua e favorisce la vita microbica. All’inizio del processo, tuttavia, consuma una discreta quantità di azoto che richiede l’aggiunta di letame di pollo per compensare.

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->