domenica, Ottobre 17

Borsa: canapa, segnali di ripresa per Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Canada e USA -ovvero le due principali piazze borsistiche per quel che riguarda la produzione, il trattamento e la commercializzazione della canapa- nella settimana che conclude al 23 dicembre 2020, chiudono entrambe con valori positivi, soprattutto nel caso della Borsa canadese. Gli effetti connessi ai proclami della nuova Amministrazione USA guidata da Biden e relative agli stanziamenti per potenziare l’economia esplicano curve chiaramente positive e fanno rifiatare le Borse in tutto l’ambiente internazionale.

Indice Marijuana Canada 195.99

In data 23/12/2020 è

Positivo: +4,08

Costituenti: 14

Cambio: 2,13%

Prezzo di apertura: 195.65

Volume Totale: 98.51 m

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

15 dicembre 2020 ore 10.30 AM raggiunto 193.11

16 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 202.95

17 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 196,77

18 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 196.64

21 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 194.28

22 dicembre 2020 ore 10,30 PM raggiunto 195.57

Indice Marijuana Stati Uniti 80.73

In data 23/12/2020

Positivo: +1,35

Costituenti: 29

Cambio: 1,70%

Prezzo di apertura: 80.70

Volume Totale: 17.94 m

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

15 dicembre 2020 ore 10.30 AM raggiunto 77.99

16 dicembre 2020 ore 10,00 AM raggiunto 79.10

17 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 80.48

18 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 80,55

21 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 79,85

22 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 81,23

Andamento borsistico aggiornato in data 23 dicembre 2020

Uno sguardo contestualizzato alla data del 18 dicembre. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Il settore bancario della marijuana escluso dal pacchetto di aiuti per il Coronavirus da 900 miliardi di dollari    

Le leggi sulla banca della marijuana dovranno aspettare. Un cambiamento sperato per rendere più facile per gli operatori di cannabis ad alto contenuto di THC l’accesso ai servizi bancari non è incluso nel disegno di legge di 5.593 pagine, $ 900 miliardi di dollari per il coronavirus in attesa della firma del presidente, anche se faceva parte del sollievo iniziale della Camera degli Stati Uniti misurare. Ma c’è ancora speranza che la riforma bancaria della marijuana potrà essere inclusa se c’è una spinta per ulteriori stimoli COVID-19 dopo che il presidente eletto Joe Biden ha assunto l’incarico a gennaio, ha detto David Mangone, direttore delle politiche per The Liaison Group, una società di Washington DC che lobbies per la tavola rotonda nazionale sulla cannabis. Il cambiamento bancario consentirebbe alle istituzioni finanziarie di fornire servizi bancari tradizionali alle aziende di marijuana legali statali senza timore di una punizione federale. Le prospettive di tali cambiamenti – che sono state approvate con fermezza dalla Camera degli Stati Uniti l’anno scorso sotto forma di SAFE Banking Act – potrebbero anche illuminarsi nella prossima amministrazione sotto una nuova presidenza bancaria del Senato.

Red White & Bloom prende in prestito 60 milioni di dollari per acquistare un impianto di coltivazione della marijuana in Illinois        

Una società di marijuana di Toronto che coltiva canapa in Illinois, la Red White & Bloom Brands, si è assicurata un prestito di 60 milioni di dollari e ha firmato un accordo definitivo per acquisire una struttura di coltivazione medica e ricreativa dell’Illinois per 32,5 milioni di dollari. L’acquisto da parte di Red White & Bloom di Cannabis Capital Partners dell’Ontario include: I diritti di un impianto di coltivazione e produzione di 23.572 piedi a Shelbyville, Illinois. Inventario associato all’operazione. 2 acri di terreno. L’impianto di coltivazione era una delle 21 “super licenze” originali rilasciate dalle autorità dell’Illinois, si legge nel comunicato. La “super licenza” consente 220.000 piedi quadrati di copertura per la coltivazione di marijuana ricreativa, nonché la lavorazione e la produzione di prodotti a base di estratti. Red White and Bloom coltiva fiori di canapa a Granville, Illinois, da più di un anno attraverso la sua controllata Mid-American Growers Inc.

Abaca annuncia i servizi commerciali per le attività di canapa e CBD  

Da quando ha fondato la sua attività, Ryan Croy, co-fondatrice di Honcho & Hoss, CBD for the Everyman, ha ricevuto tre carte di credito processori – non per sua scelta. “Uno mi ha staccato la spina durante il fine settimana. Uno ha detto che l’avrebbero processato ma è stato salvato prima di noi mai alzato e funzionante. Uno ci ha truffati “, racconta Croy in una saga familiare a molti CBD rivenditori e aziende accessorie di cannabis. Processori di carte – quando riesci a trovarli – makeprendere le carte di credito alla cassa e al sito web un gioco continuo al gatto e al topo. Questi sono esattamente i problemi di un nuovo programma di elaborazione delle carte di credito di uno dei Paesi le principali piattaforme finanziarie per la cannabis sono state progettate per risolvere. Abaca Merchant Services è oradisponibile per CBD, canapa, cannabis accessoria e altre aziende ad alta conformità a livello nazionale. Il nuovo prodotto offre tariffe base a partire dal 3,95% e risponde a una serie di sfide per l’imprenditore. “I servizi commerciali sono stati a lungo un punto dolente per CBD e altre attività ad alto rischio”, osserva Il CEO di Abaca Dan Roda. “Come per la cannabis banking, lo spazio dei servizi finanziari CBD è stato afflitto da arresti, ritardi nell’onboarding, problemi di conformità e, di conseguenza, costi elevati “.

Cannabis e gestione del dolore: la medicina alternativa delle piante forse diventerà la nuova norma

Col passare del tempo, le medicine vegetali alternative, come la cannabis, stanno lentamente cambiando il modo in cui la gestione del dolore viene vista ed eseguita. Si sa poco -ad esempio- circa il fatto che nel 2019 il dolore cronico ha colpito un terzo della popolazione statunitense. Questo numero continua ad aumentare, così come il consumo di varie sostanze per aiutare a gestire e / o combattere il dolore. Attualmente, diversi FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), paracetamolo e oppioidi vengono utilizzati più spesso per il trattamento del dolore. Tuttavia, non vi è alcuna garanzia che questi farmaci saranno completamente efficaci nell’eliminazione del dolore né vi è alcuna garanzia che questi farmaci non causino effetti collaterali negativi

La marijuana è cresciuta fino a diventare il raccolto più prezioso del Maine          

Le vendite della sola marijuana medica hanno raggiunto quasi $ 222 milioni fino a ottobre, rendendo la cannabis il prodotto agricolo più prezioso dello Stato. La cannabis è ora la coltura più preziosa del Maine, che supera i prodotti agricoli tipici dello stato come patate, latte e mirtilli. Le vendite di marijuana medica hanno totalizzato $ 221,8 milioni da gennaio a ottobre, più del doppio di quanto era stato venduto in questo periodo lo scorso anno, secondo i dati statali sulle vendite. Ciò consente all’industria di raggiungere i 266 milioni di dollari di vendite quest’anno, nonostante una pandemia globale che ha messo senza lavoro molti Mainer e ha ridotto la spesa dei consumatori a livello nazionale.

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->