lunedì, Giugno 21

Borsa: canapa, positivo per Canada, negativo per USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, questa settimana chiudono con valori diversi: la Borsa canadese mantiene un profilo basso ma chiude comunque in positivo. La Borsa canapa degli Stati Uniti ha un picco positivo tra le giornate del 3 e del 5 maggio, poi, però, chiude con un asfittico negativo. Le piazze borsistiche internazionali risentono di incertezza e volatilità

Indice Marijuana Canada 264.22

In data 7/5/2021 è

Positivo: +4,45

Costituenti: 15

Cambio: 1,71%

Prezzo di apertura: 259.60

Volume Totale: 216.31 m

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

29 aprile 2021 ore 10.30 AM raggiunto 261.95

30 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 266,00

3 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 260,54

5 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 259.52

5 maggio 2021 ore 04,00 PM raggiunto 264.25

Indice Marijuana Stati Uniti 116.65

In data 7/5/2021

Negativo: -0.38

Costituenti: 30

Cambio: -0.,32%

Prezzo di apertura: 117.11

Volume Totale: 12.08 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

29 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 117,24

30 aprile 2021 ore 10.30 AM raggiunto 117.61

3 maggio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 119.38

5 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 117.44

5 maggio 2021 ore 04,00 PM raggiunto 116.66

Andamento borsistico aggiornato in data 7 maggio 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 7 maggio 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

La Commissione Europea aggiunge il CBG come ingrediente legale per i cosmetici e la cura della pelle        

I produttori europei di prodotti per la salute e la bellezza possono ora utilizzare in sicurezza il cannabigerolo derivato dalla canapa o il CBG nelle loro linee di cosmetici e per la cura della pelle con l’approvazione di un regolatore di mercato chiave per il commercio nell’Unione europea. Il mese scorso la Commissione europea ha aggiunto il CBG come ingrediente sicuro per il condizionamento della pelle a Cosing, il suo database di ingredienti cosmetici. Estrattori e produttori di canapa pubblicizzano i vantaggi dell’utilizzo del CBG derivato dalla canapa nei prodotti per la cura della pelle e nei cosmetici, comprese le proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e antiossidanti. La modifica della classificazione è stata apportata dalla direzione generale del mercato interno, dell’industria, dell’imprenditorialità e delle PMI (piccole e medie imprese) dell’UE.L’UE ha aggiunto il CBD derivato dalla canapa al database Cosing a febbraio e anche il CBD sintetico e le foglie di canapa sono tra gli ingredienti approvati per i cosmetici.

Il produttore di caramelle Wrigley accusa una società che opera nel settore canapa e marijuana di aver derubato il Marchio Skittles          

Wm. Wrigley Jr. Co., un gigante produttore di caramelle e gomme, ha intentato una causa lunedì contro Terphogz LLC, una società di canapa e marijuana della contea di Mendocino, California, sostenendo che il marchio “Zkittlez” dell’azienda e il marketing che lo circonda viola il marchio di Wrigley per il marchio di caramelle Skittles. La causa porta sette denunce contro Terphogz, secondo Law360, che per primo ha riportato la storia. Secondo la causa, depositata in un tribunale federale di Chicago, Wrigley – un’unità della società privata Mars Inc. – ha affermato di aver “investito quasi 50 anni e centinaia di milioni di dollari coltivando con cura la buona volontà simboleggiata dal marchio Skittles”, e che il suo slogan “Taste the rainbow” per le caramelle è una delle “campagne di successo più longeve” nella pubblicità. Wrigley sostiene che Terphogz “si è aiutato” nella strategia di marketing del marchio Skittles, con il suo marchio Zkittlez e l’hashtag “TaztetheZtrainBro”. “Le aziende senza scrupoli come Terphogz che spacciano droghe e accessori per droghe utilizzando marchi appartenenti alle aziende dolciarie rappresentano un pericolo per i bambini”, sostiene Wrigley. I post sui social media di Terphogz del 2020 indicano che l’azienda prevede di offrire fiori di canapa e pre-roll. Stranamente, Terphogz ha menzionato il vecchio produttore di caramelle nel 2019 quando ha richiesto senza successo un marchio Zkittlez dall’Ufficio brevetti e commercio degli Stati Uniti. Terphogz ha detto che Skittles “è ben noto per le caramelle colorate che [Wrigley] produce” e “è molto probabilmente considerato famoso sotto Legge sui marchi per le caramelle”, secondo la denuncia.

Tilray, Aphria completa la fusione con successo          

I produttori di marijuana un tempo rivali Tilray e Aphria hanno completato la loro mega fusione, ha annunciato lunedì la nuova società, formando una delle più grandi società diversificate di marijuana, canapa e birra al mondo. La nuova società opererà con il nome aziendale di Tilray, con le azioni scambiate sul Nasdaq con il simbolo TLRY. La società combinata crea una delle più grandi aziende di cannabis al mondo, con una capitalizzazione di mercato di circa $8,2 miliardi (10,07 miliardi di dollari canadesi) sulla base dei prezzi di chiusura delle azioni alla fine di aprile, secondo il comunicato stampa della società. L’azienda possiede Manitoba Harvest, un produttore di canapa, CBD e prodotti per il benessere. Il nuovo Tilray sarà guidato dal CEO di Aphria Irwin Simon, con l’ex CEO di Tilray Brendan Kennedy che siederà nel consiglio di amministrazione della nuova società. Non è chiaro quanta parte delle vendite della società combinata proverrà dalla marijuana nei prossimi anni.

Altri Stati che vietano il delta-8 THC come regolatori chiariscono la propria legalità ai sensi della legge federale    

Il Delta-8 THC è diventato un grande successo di mercato e più stati stanno rispondendo reprimendo l’accesso al prodotto comunemente derivato dagli estratti di canapa. Dall’Oregon all’Alabama, gli stati stanno reagendo ai prodotti popolari tramite: Lancio di divieti totali per limitare l’accesso al mercato; Considerando misure per vietare i prodotti; Impostazione dei limiti di potenza sui prodotti contenenti delta-8 THC. Secondo Marielle Weintraub, presidente della US Hemp Authority, un ente di certificazione di prodotti di terze parti, gli Stati continueranno a vietare il delta-8 THC e altri prodotti simili perché il cannabinoide è un intossicante considerato una sostanza controllata dalla legge federale. “Non produrre o vendere prodotti delta-8 senza il permesso di produrre o vendere THC come sostanza controllata”, ha detto Weintraub. “Il percorso corretto per la produzione e la vendita legale dei prodotti delta-8 è attraverso un operatore di marijuana medica o ricreativa per adulti con licenza statale. “Le aziende di canapa che non lo fanno stanno rischiando il loro marchio e il futuro aziendale, le sanzioni da FDA, FTC, USDA ed EPA e possibili azioni di applicazione della DEA e delle forze dell’ordine e dei regolatori statali”. Weintraub ha aggiunto che gli operatori di canapa che producono delta-8 THC non potranno certificare i prodotti attraverso la US Hemp Authority.

Uno studio promette una migliore preparazione dei campioni di canapa per i test sui pesticidi  

Con la coltivazione della canapa legale negli Stati Uniti, sono necessari metodi rapidi e convenienti per analizzare i pesticidi residui sulle colture per sostituire gli approcci esistenti che richiedono tempo.I ricercatori del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti e dell’Università Nazionale di Litoral in Argentina hanno esteso un metodo esistente di preparazione dei campioni che sostengono soddisfi meglio le esigenze di efficienza e riproducibilità dell’industria della cannabis. L’analisi accurata e coerente delle colture per i residui di pesticidi può richiedere molto tempo e denaro. Un metodo esistente per la preparazione dei campioni, chiamato QuEChERS – rapido, facile, economico, efficace, robusto e sicuro – è stato originariamente sviluppato per misurare i residui di pesticidi su frutta, verdura e colture non alimentari come il tabacco, ed è stato utilizzato dal 2014 per cannabis. È un processo in due fasi: estrazione degli analiti, solitamente in acetonitrile, seguita dalla purificazione per rimuovere i composti – zucchero, acidi grassi e pigmenti – che potrebbero interferire con l’analisi. Nel caso della cannabis, questi composti interferenti includono cannabinoidi e terpeni. Gli autori hanno rivisto QuEChERS per renderlo utilizzabile per testare una gamma più ampia di prodotti oltre ai pesticidi, compresi i contaminanti ambientali e le tossine vegetali e fungine. Hanno convalidato il metodo di preparazione del campione per 106 pesticidi monitorati in Nord America.

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->