lunedì, Giugno 14

Borsa: canapa, poche speranze, ancora un’altra settimana in rosso per Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, anche questa settimana chiudono entrambe in rosso. Quello che più colpisce è l’andamento delle curve borsistiche di entrambe le regine borsistiche nel campo merceologico della canapa, ovvero la costante media negativa settimanale e le poche prospettive di ripresa nel breve termine

Indice Marijuana Canada 219.79

In data 21/5/2021 è

Negativo: -5,80

Costituenti: 14

Cambio: -2,57 %

Prezzo di apertura: 219.68

Volume Totale: 181.49 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

13 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 220.41

14 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 214.28

17 maggio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 218.06

18 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 225,72

19 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 216,98

19 maggio 2021 ore 04,00 PM raggiunto 219.76

Indice Marijuana Stati Uniti 111.12

In data 21/5/2021

Negativo: -2.43

Costituenti: 30

Cambio: -2.17%

Prezzo di apertura: 110.96

Volume Totale: 16.37 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

13 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 110.67

14 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 109.17

17 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 110,98

18 maggio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 112.03

19 maggio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 109.02

19 maggio 2021 ore 10,30 PM raggiunto 109.68

Andamento borsistico aggiornato in data 21 maggio 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 21 maggio 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Una società operativa nel settore canapa delle Hawaii acquisisce la Penguin CBD, incentrata sulla Generation Z        

Verma Farms, una società di canapa e CBD con sede a Maui, Hawaii, ha acquisito Penguin, una società di canapa e CBD incentrata sulla generazione Z con sede a New York. Fondata da Deep Patel alla fine del 2019, poco prima che la pandemia di coronavirus interrompesse gli affari in tutto il mondo, Penguin ha aumentato le vendite nell’ultimo anno e mezzo, attirando l’attenzione del CEO e fondatore di Verma Farms AJ Agrawal, che ha anche lanciato la sua attività nel 2019. I due marchi socialmente consapevoli uniranno i loro team e il loro portafoglio di prodotti sotto l’ombrello di Verma Farms per concentrarsi sul marketing di prodotti CBD derivati ​​dalla canapa di provenienza responsabile per i consumatori di generazione Z.L’importo dell’operazione tutto in contanti non è stato reso noto, ma la transizione avrà effetto immediato, secondo un annuncio congiunto.“Come marchio, uno dei nostri obiettivi principali è stato quello di garantire la trasparenza per i nostri consumatori”, ha affermato Patel in una nota. “Siamo entusiasti di unirci a Verma Farms, che condivide questa visione nel garantire che tutti coloro che acquistano un prodotto CBD sappiano esattamente cosa c’è dentro, quindi sanno esattamente cosa sta succedendo nei loro corpi.”

Un Marchio della Carolina del Nord che produce lenzuola con fibre di canapa vince il Premio Good Housekeeping          

Un marchio di lenzuola di canapa prodotte nella Carolina del Nord con fibre di canapa importate è stato premiato dalla rivista Good Housekeeping. Le lenzuola di canapa biologica Delilah Home erano tra i 48 marchi di biancheria da letto designati come i migliori dell’anno dalla popolare rivista di consumo. Gli editori hanno elogiato i fogli di canapa come “morbidi, spessi e naturalmente termoregolatori”. La rivista ha notato che la canapa è una fibra naturale a basso consumo d’acqua. Michael Twer, che ha fondato Delilah Home, la società con sede a Weddington, nella Carolina del Nord che produce i fogli, ha dichiarato su LinkedIn di essere “onorato ed entusiasta di spingere davvero la potenza della fibra di canapa”.

Problemi nell’ultimo anno per le vendite di bevande a base di CBD negli USA            

Secondo i nuovi dati della società di analisi NielsenIQ, le vendite di bevande a base di CBD nelle principali catene di vendita al dettaglio statunitensi hanno avuto difficoltà nell’ultimo anno. Le vendite di bevande CBD derivate dalla canapa in 30.000 negozi delle principali catene di alimentari, farmaci e minimarket selezionati monitorati da Nielsen sono diminuite del 32% per l’anno terminato il 27 marzo rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. L’azienda non tiene traccia del CBD derivato dalla marijuana. Le vendite totali della categoria CBD sono diminuite del 13%. Rick Maturo, direttore associato di Nielsen per i servizi ai clienti per la cannabis, ritiene che la pandemia abbia contribuito a un aumento dell’utilizzo del CBD, ma ha affermato che quei dollari di vendita non risalgono alle principali catene di dettaglianti. “Semmai, la nostra affermazione è che, come molte altre categorie di prodotti di largo consumo, la pandemia ha rafforzato i comportamenti degli acquirenti di CBD online e ha anche spinto molti potenziali acquirenti di mattoni e malta verso i canali online a causa degli aspetti di sicurezza e convenienza online i canali possono fornire “, ha detto Maturo. Questa potrebbe essere una notizia preoccupante per la crescita nella grande distribuzione, che ora rappresenta solo una piccola percentuale del mercato. In effetti, l’e-commerce, la vendita al dettaglio di specialità e i produttori che vendono direttamente ai consumatori rappresentano ancora la maggior parte dei dollari di vendita di cannabinoidi derivati ​​dalla canapa nel mercato statunitense, secondo il comportamento dei consumatori monitorato da Nielsen. Maturo ha affermato che i consumatori desiderano una più ampia varietà di formati e potenze, che i negozi online e specializzati possono offrire meglio della grande distribuzione. Anche le principali catene di vendita al dettaglio esitano a investire completamente nella categoria perché la Food and Drug Administration degli Stati Uniti non ha approvato le vendite di CBD da banco.

Le aziende di cannabinoidi preparano le notifiche degli ingredienti FDA con un occhio alla legalizzazione    

I produttori di cannabis con ambizioni nazionali per quando gli Stati Uniti legalizzano la marijuana e il CBD stanno investendo un sacco di soldi per dire al governo federale esattamente quello che stanno facendo – ed essere onesti quando i loro prodotti suscitano lamentele da parte dei consumatori. Può sembrare assurdo inviare alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti descrizioni dettagliate di un prodotto a base di cannabis per prendere in considerazione ciò che l’agenzia chiama un nuovo ingrediente dietetico o NDI. Dopo tutto, la cannabis non è nuova. E la marijuana rimane una droga della Tabella 1, illegale a livello federale, mentre il CBD derivato dalla canapa non può essere legalmente inserito negli alimenti o negli integratori alimentari al di fuori dei canali farmaceutici. Ma una manciata di aziende sta spendendo sei cifre e più per preparare le notifiche di NDI, tutte con l’obiettivo di ottenere un giorno l’autorizzazione della FDA per commercializzare estratti di cannabis quando la legge federale cambierà. Le notifiche NDI, che comportano un lungo processo di approvazione, offrono ai produttori l’opportunità di mostrare perché i loro ingredienti sono sicuri e non dovrebbero essere considerati adulteranti. Gli NDI sono “dossier che dicono:” Questo ingrediente è sicuro per questo uso previsto “”, ha affermato Johnel Imperio-Lagabon, un consulente per la conformità della FDA con Burdock Group Consultants a Orlando, Florida. E alcuni vedono le notifiche NDI come il primo passo verso un futuro in cui le autorità di regolamentazione consentano la vendita di cannabinoidi in alimenti e bevande. “Se stai cercando di vendere il tuo ingrediente a una società Fortune 100 – Coca-Colas e Pepsis del mondo – probabilmente richiederanno” l’approvazione della FDA, ha detto Imperio-Lagabon durante un recente webinar sulle notifiche NDI ospitate da Asa Waldstein’s Supplement Advisory Group.

Una nuova alleanza orticola mira a costruire una catena di approvvigionamento stabile per i produttori di CPG che cercano ingredienti derivati dalla canapa  

I grandi produttori hanno bisogno di grandi fornitori e una nuova alleanza per la produzione e la distribuzione della canapa sta pianificando di dominare la catena di approvvigionamento. Il concetto è semplice: essere pronti a soddisfare i produttori globali alla ricerca di una fornitura affidabile di cannabinoidi non appena le autorità di regolamentazione forniscono il via libera per entrare nel mercato.L’alleanza della canapa scommette sul fatto che, un giorno, la produzione di cannabinoidi assomiglierà a catene di approvvigionamento orticole più sviluppate. I partner sono Dümmen Orange North America, il più grande allevatore e propagatore di piante ornamentali al mondo, e Royale Botanicals, una divisione dei giardini olandesi del patrimonio olandese di Denver, coltivatore di piante di canapa e produttore di cloni. Le due società prevedono di sviluppare un’alleanza nazionale per la produzione e la distribuzione della canapa per migliorare la genetica e i sistemi di produzione della canapa attraverso la divisione Quick Plug di Dümmen. I partner privati ​​non hanno rilasciato i termini finanziari dell’accordo, ma affermano che utilizzeranno le loro risorse combinate per servire i più grandi produttori di prodotti del mondo. E stanno cercando più partner. “Riteniamo che ci sia un grande potenziale per professionalizzare il business”, ha affermato Keith Cable, presidente di Dümmen North America, con sede a Columbus, Ohio. “È stato un ciclo di alti e bassi, ma certamente le prospettive di crescita a lungo termine sono significative”. Oltre a fornire cloni di canapa agli agricoltori statunitensi attraverso la sua rete di distribuzione, il gruppo vede un’opportunità ancora maggiore per creare una catena di approvvigionamento sicura per i grandi produttori di prodotti alla ricerca di fornitori affidabili.

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->