lunedì, Ottobre 25

Borsa: canapa, pessima settimana per Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, questa settimana chiudono entrambe in negativo. Non si è trattato di una settimana altalenante o in proseguimento dello spirito positivo delle tre settimane precedenti, anzi, le curve -in entrambi i casi- sono state costantemente in discesa. La chiusura di fine settimana è solo la cartina al tornasole dello spirito depresso che aleggia nelle Borse di tutto il mondo, Borsa canapa compresa.

Indice Marijuana Canada 216.68

In data 14/5/2021 è

Negativo: -14,28

Costituenti: 14

Cambio: -6,15 %

Prezzo di apertura: 230.32

Volume Totale: 239.68 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

6 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 258.36

7 maggio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 265.30

10 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 240,39

11 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 226,48

12 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 225.08

Indice Marijuana Stati Uniti 111.12

In data 14/5/2021

Negativo: -3.41

Costituenti: 30

Cambio: -2.98%

Prezzo di apertura: 114.43

Volume Totale: 20.39 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

6 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 114.67

7 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 115,76

10 maggio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 116.53

11 maggio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 111.80

12 maggio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 113.32

Andamento borsistico aggiornato in data 14 maggio 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 14 maggio 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

RAMM Pharma completa l’acquisizione di un processore italiano        

RAMM Pharma, una società farmaceutica che opera nel settore della cannabis con prodotti in diversi Paesi dell’America Latina, ha acquistato la società siciliana di trasformazione del CBD Canapar in una transazione interamente azionaria del valore di circa $22 milioni ($26,2 milioni di dollari canadesi). Con sede a Toronto, RAMM ha acquistato il 49% delle azioni Canapar all’inizio di quest’anno. La transazione annunciata mercoledì prevede che RAMM paghi 21,9 milioni di azioni per un valore di circa CA $ 1,20 per azione. Canaparè un produttore e trasformatore con sede in Sicilia di olio di CBD e di isolati che ricava la sua biomassa da agricoltori e aziende locali sotto la sua controllata Canapar Farming nel sud Italia. RAMM ha definito l’accordo una “acquisizione trasformativa”. “Rafforza ulteriormente la nostra presenza come leader nel mercato europeo della cannabis con una piattaforma globale di cannabis prominente e differenziata”, ha dichiarato in una nota il CEO di RAMM Jack Burnett. RAMM è attiva nei prodotti farmaceutici CBD in Sud America, producendo il farmaco Epifractan in Uruguay per il mercato medico locale e il mercato regionale più ampio. Ha esportato più di $ 200.000 del prodotto in Argentina, Brasile e Perù, principalmente durante il 2020.

Il Minnesota ha autorizzato l’espansione della finestra di test THC, opzioni di riparazione          

Le nuove normative sulla canapa dello Stato del Minnesota sono state approvate dalle autorità federali, offrendo ai coltivatori nuove opzioni di bonifica e flessibilità nei test. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha approvato il piano iniziale del Minnesota lo scorso anno e gli aggiornamenti in tempo per la stagione di crescita del 2021, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura del Minnesota. Il piano rivisto raddoppia la finestra di prova da 15 giorni prima della raccolta a 30 giorni prima della raccolta. Consente inoltre di modificare i protocolli di test del THC per consentire ai produttori di canapa con due anni di risultati dei test conformi di passare al campionamento casuale. I coltivatori esperti continueranno a essere testati se utilizzeranno varietà nuove nel Minnesota, così come tutti i nuovi coltivatori di canapa. Gli agricoltori del Minnesota con canapa bollente potranno utilizzare le piante come biomassa a condizione che il materiale triturato non superi lo 0,3% di THC. I cambiamenti arrivano dopo che l’USDA ha regolato i suoi regolamenti finali sulla canapa all’inizio di quest’anno. Whitney Place, vicecommissario del mMnnesota Department of Agriculture, ha definito i cambiamenti “un importante passo avanti”.

Le perdite aumentano per Charlotte’s Web ma la società afferma che la pandemia diminuisce mentre aumentano le vendite            

La Charlotte’s Web Holdings di ha perso 13,9 milioni di dollari lo scorso trimestre, deludendo le aspettative degli analisti, ma afferma che la pandemia in calo dovrebbe aumentare le vendite in futuro. Il produttore di CBD a Boulder, in Colorado, ha perso più di quanto abbia fatto nello stesso periodo di un anno fa, quando la pandemia COVID-19 ha preso piede per la prima volta. La società ha perso $ 11,5 milioni nel primo trimestre del 2020. Il CEO Deanie Elsner ha dichiarato agli investitori che le vendite sono aumentate a marzo e aprile poiché “i programmi di vaccinazione sostengono la riapertura dell’economia”. La società ha affermato che i profitti sono diminuiti in parte perché la società ha abbassato i prezzi l’anno scorso. I costi operativi sono aumentati del 2,9% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, raggiungendo i 24 milioni di dollari. Charlotte’s Web è quotata alla Borsa di Toronto come CWEB.

Una nuova alleanza orticola mira a costruire una catena di approvvigionamento stabile per i produttori di CPG che cercano ingredienti derivati dalla canapa    

I grandi produttori hanno bisogno di grandi fornitori e una nuova alleanza per la produzione e la distribuzione della canapa sta pianificando di dominare la catena di approvvigionamento. Il concetto è semplice: essere pronti a soddisfare i produttori globali alla ricerca di una fornitura affidabile di cannabinoidi non appena le autorità di regolamentazione forniscono il via libera per entrare nel mercato.L’alleanza della canapa scommette sul fatto che, un giorno, la produzione di cannabinoidi assomiglierà a catene di approvvigionamento orticole più sviluppate. I partner sono DümmenOrange North America, il più grande allevatore e propagatore di piante ornamentali al mondo, e Royale Botanicals, una divisione dei giardini olandesi del patrimonio olandese di Denver, coltivatore di piante di canapa e produttore di cloni.

Aggiornamento California: la legge sulla regolamentazione della canapa rimane un a patata bollente che divide l’industria politica  

Due progetti di legge nella legislatura californiana che stabiliranno un nuovo quadro normativo per i prodotti a base di canapa – inclusi cibi e bevande a base di CBD – sono pronti a diventare legge quest’anno, il che potrebbe far ripartire la nascente industria della canapa dello stato e potenzialmente dare affari di marijuana un’opportunità per espandersi in una coltura legale a livello federale. Ma pochi nell’industria della canapa e della marijuana sono contenti e le bollette rischiano di essere emendate. Il disegno di legge 45 dell’Assemblea e il disegno di legge 235 del Senato – che sono identici e si muovono lungo percorsi paralleli – hanno il sostegno del governatore Gavin Newsom e di molti legislatori, hanno detto fonti a MJBizDaily. Il membro dell’Assemblea Cecilia Aguiar-Curry, sponsor principale della camera bassa, ha dato alle misure una possibilità del “95%” di diventare legge quest’anno. Se una delle due leggi viene approvata, il mercato statale della canapa potrebbe crescere in modo significativo e, se vengono modificate, come sperano i sostenitori, le aziende di marijuana autorizzate potrebbero avere maggiori opportunità di capitalizzare sui prodotti di canapa e CBD.

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->