sabato, Settembre 25

Borsa: canapa, partite speranzose, USA e Canada chiudono in negativo Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, questa settimana chiudono entrambe con valori negativi. A differenza della settimana scorsa, però, i valori borsistici in apertura di settimana erano più alti e sembravano offrire motivo di speranza, sebbene non si trattasse di certezze. Anche le aspirazioni, però, sono andate fortemente deluse.

Indice Marijuana Canada 164.93

In data 13/8/2021 è

Negativo: -3,90

Costituenti: 11

Cambio: -2,31

Prezzo di apertura: 168.79

Volume Totale: 77.55 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

4 agosto 2021 ore 10,30 AM raggiunto 165.12

5 agosto 2021 ore 10,30 AM raggiunto 167.31

6 agosto 2021 ore 10,30 AM raggiunto 167,53

9 agosto 2021 ore 10,30 AM raggiunto 166.38

10 agosto 2021 ore 10,30 AM raggiunto 168,46

11 agosto 2021 ore 10,30 AM raggiunto 166.36

 

Indice Marijuana Stati Uniti 101.78

In data 13/8/2021

Negativo: -1.06

Costituenti: 32

Cambio: -1.03%

Prezzo di apertura: 103.21

Volume Totale: 12.51 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

4 agosto 2021 ore 10.30 AM raggiunto 101.50

5 agosto 2021 ore 10,30 AM raggiunto 100.82

6 agosto 2021 ore 10,30 AM raggiunto 102,05

9 agosto 2021 ore 10,30 AM raggiunto 102,46

10 agosto 2021 ore 10.30 AM raggiunto 102.44

11 agosto 2021 ore 10.30 AM raggiunto 102.38

 

Andamento borsistico aggiornato in data 13 agosto 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 13 agosto 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

IUNU, produttore di tecnologie per colture basate sull’intelligenza artificiale, acquisisce consulenza IPM, marchio multimediale

Un’azienda di visione artificiale agricola con sede a Seattle sta investendo nel futuro della gestione integrata dei parassiti (IPM) acquisendo un gruppo di consulenza, istruzione e media esperto di controlli biologici e gestione delle colture. iUNU, che ha creato la piattaforma di coltivazione LUNA basata sull’intelligenza artificiale, ha annunciato martedì che acquisirà CropWalk, la società di consulenza IPM mobile privata insieme alla sua affiliata CropTalk Media, che produce il podcast CropTalk. I termini dell’accordo non sono stati resi noti.

Varietà di canapa di allevamento olandese autorizzate per la distribuzione nelle Americhe

International Hemp, un produttore e distributore di genetica della canapa di Denver, ha ricevuto i diritti esclusivi per concedere in licenza e distribuire due varietà di fibre di canapa, Enectarol e Carmenecta, negli Stati Uniti e nelle Americhe. Le due varietà sono allevate da Enecta, un’azienda olandese di selezione di piante specializzata in fitocannabinoidi e nello sviluppo di varietà di canapa ad alto rendimento. International Hemp inizierà a produrre le nuove varietà a volumi commerciali con i partner di produzione di semi nazionali nel 2022 e prevede di avere campioni disponibili con i corrispondenti dati sulla resa entro il 2023. Enectarol è una varietà a doppio scopo che produce fibre di alta qualità dal suo gambo e fino all’8% di concentrazione di CBG nei suoi fiori, secondo una dichiarazione dell’azienda. Carmenectra è stata allevata come una varietà di fibre ad alto rendimento, con qualità simile a Carmagnola, ma selezionata per la conformità al THC.Entrambe le varietà sono state testate e approvate da organizzazioni di certificazione a livello statale, tra cui la Colorado Seed Growers Association, e hanno superato i test di conformità al THC condotti dal Dipartimento dell’agricoltura del Colorado.

Il Colorado aggiungerà il terzo laboratorio DEA, tester provvisori della canapa nelle regole approvate

Il governo federale ha firmato il piano del Colorado per aggiungere laboratori di test provvisori e un terzo laboratorio di test permanente per i livelli di THC della canapa come parte delle sue modifiche generali per soddisfare i nuovi requisiti federali. Il governatore Jared Polis ha annunciato martedì che il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha approvato il piano riveduto della canapa del Colorado. Il Colorado ha regolamentato la canapa dal 2013, prima di qualsiasi autorizzazione federale per il raccolto. Ma lo stato aveva bisogno di apportare cambiamenti significativi ora che il raccolto è legale a livello federale ma governato dall’USDA. Tra i cambiamenti in arrivo alla regolamentazione della canapa in Colorado: • Il laboratorio che serve il Dipartimento dell’Agricoltura del Colorado otterrà la certificazione dalla Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti, che assegna al Colorado tre laboratori di analisi del THC conformi invece di due. • Lo stato sta avviando una nuova classe di laboratori “certificati con riserva” che saranno autorizzati a testare la canapa in attesa della certificazione federale, un palliativo “per garantire una copertura sufficiente dei test” per i prossimi due anni. • La canapa sarà testata per il THC totale, non solo per il delta-9 THC.Il Colorado ha sottolineato nella sua nota all’USDA che lo stato ha già fatto grandi passi avanti nella riduzione della canapa calda che supera il limite legale dello 0,3%, in calo di oltre la metà negli ultimi cinque anni, al 16% lo scorso anno. Il Colorado afferma che continuerà a consentire ai produttori di canapa con raccolti tra lo 0,3% e l’1% di THC di presentare “prove video o fotografiche verificabili per comprovare lo smaltimento appropriato delle colture”.

Una nota sul prestito federale avverte le banche sul lavorare con i produttori di canapa

Un coltivatore e spedizioniere di prodotti biologici della California sta introducendo i baby green di canapa nella catena di approvvigionamento dei prodotti. Field Fresh Farms, un’operazione di agricoltura, raffreddamento e spedizione di quarta generazione con fattorie a Watsonville, in California, e Yuma, in Arizona, è tra le prime aziende ad offrire baby green di canapa come ingrediente nelle miscele di insalate a foglia verde per il servizio di ristorazione e società di vendita al dettaglio. Il prodotto speciale, nuovo sul mercato, è certificato biologico dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti e sarà venduto con l’etichetta Beach Road Organics. L’azienda sta sviluppando il marchio del prodotto e l’imballaggio per la vendita al dettaglio, che verranno lanciati entro la fine dell’anno, ma il prodotto grezzo è disponibile per il servizio di ristorazione. Il mix di canapa per bambini è pubblicizzato per essere “ricco di sostanze nutritive”, contenente omega 3, 6 e 9, potassio e calcio, con “profili di sapore unici che vanno dall’agrumato al terroso”, secondo una dichiarazione dell’azienda. L’azienda afferma che il mix contiene “THC estremamente minimo o nullo” e offre al consumatore gli “eccezionali benefici per la salute della canapa”.

I sostenitori della canapa stanno chiamando fallo dopo che un’agenzia federale che regola i prestiti agricoli ha avvertito le istituzioni finanziarie di non lavorare con i produttori di canapa negli stati senza piani approvati dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. La nota del 12 luglio della US Farm Credit Administration (FCA) – un’agenzia indipendente che regola le istituzioni finanziarie che prestano agli agricoltori – dice alle sue quattro banche e 67 associazioni che dovrebbero chiedere controlli sui precedenti penali e la documentazione che lo stato di un richiedente la canapa è stato approvato dall’USDA. Tuttavia, alcuni dei più grandi stati produttori di canapa della nazione, tra cui California, Colorado e Oregon, non hanno la benedizione dell’USDA. Questo perché gli stati operano secondo le regole precedenti per la stagione 2021 o perché l’USDA sta ancora rivedendo i loro piani. La nota avverte anche le banche che dovrebbero considerare: • Quelle forze dell’ordine statali e locali “potrebbero rendere più difficile la produzione di canapa”. • Se esistono mercati della canapa. • Come verrebbe rimborsato il prestito se il raccolto va a gonfie vele. • Lo stato dell’applicazione della Food and Drug Administration statunitense sulle modalità di utilizzo della canapa.

Usare insetti predatori per tenere a bada gli acari della ruggine della canapa

Un acaro predatore relativamente sconosciuto può allontanare infestazioni potenzialmente disastrose di acari ruggine della canapa se utilizzato nelle giuste condizioni. Gli acari ruggine della canapa (aculops cannibicola) erano praticamente sconosciuti nella produzione di marijuana e canapa fino alle epidemie diffuse nel 2017, ha affermato Andrew Maltby, presidente di Biotactics, una società della California meridionale che coltiva acari predatori per controllare i parassiti nella cannabis e in altre colture di alto valore. Un coltivatore esterno di lunga data ha contattato Biotactics in preda alla disperazione. Il coltivatore non aveva visto gli acari ruggine della canapa nelle sue piante di cannabis alte 10 piedi, ma ha dovuto affrontare un’epidemia così grave che “stava per abbandonare la coltivazione”, ha detto Maltby. “Era come la peste. Nulla all’epoca funzionava su di loro e la gente non sapeva di averli fino a quando non era troppo tardi”. Quello che sappiamo sugli acari della ruggine. L’acaro ruggine della canapa è troppo piccolo per essere visto ad occhio nudo e la cannabis è l’unica pianta ospite segnalata, secondo il sito web dell’insetto di canapa della Colorado State University. L’acaro ruggine attacca le piante di marijuana e canapa e il livello di THC non sembra fare la differenza nella gravità degli attacchi, ha detto Maltby.Poco si sa dell’acaro ruggine della canapa, sebbene sia considerato uno dei parassiti più gravi per i coltivatori di cannabis, ha affermato Eze Pojmann-Ezeonyilo, uno studente laureato alla Purdue University che studia i parassiti della cannabis. Intere piantagioni sono state perse per gli acari della ruggine quando le infestazioni sono gravi, ha detto.I sintomi di un’infestazione da acari ruggine della canapa includono: • Ingiallimento sui bordi delle foglie e tra le venature. • Foglie rachitiche, secche o rugose. • Foglie che si arricciano verso l’alto alla base (noto anche come tacoing o canoa). • Pistilli di fiori che si seccano prematuramente. • Una polvere marrone chiaro sulla pianta.Da quell’anno di “peste” iniziale del 2017, i coltivatori di cannabis hanno imparato di più sugli acari della ruggine e si sono rivolti all’uso di zolfo micronizzato e prodotti a base di olio per l’orticoltura per il controllo. Ma quelle tecniche hanno i loro limiti, ha detto Maltby.

 

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->