domenica, Ottobre 24

Borsa: canapa, nuova chiusura negativa per Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, questa settimana chiudono in negativo. Le curve borsistiche di entrambe le Borse di riferimento nel settore canapa a livello mondiale, in verità, hanno avuto entrambe un andamento negativo fin dall’inizio della settimana ed il rallentamento, l’andamento negativo, si è sviluppato in modo costante e continuo verso il basso, sottolineando ancora una volta, la forte volatilità dei mercati internazionali e -nello specifico- del mercato borsistico del settore canapa.

Indice Marijuana Canada 218.91

In data 25/6/2021 è

Negativo: -3,13

Costituenti: 13

Cambio: -1,41 %

Prezzo di apertura: 220.71

Volume Totale: 110.80 m

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

15 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 231.72

16 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 228.91

17 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 230,56

18 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 224,84

21 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 217,78

22 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 218.34

22 giugno 2021 ore 04,00 PM raggiunto 218.95

Indice Marijuana Stati Uniti 107.15

In data 25/6/2021

Negativo: -1.43

Costituenti: 28

Cambio: -1.32%

Prezzo di apertura: 107.59

Volume Totale: 10.19 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

16 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 110,93

17 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 109,92

18 giugno 2021 ore 10.30 AM raggiunto 108.80

21 giugno 2021 ore 10.30 AM raggiunto 107.98

22 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 107.80

23 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 107.39

Andamento borsistico aggiornato in data 25 giugno 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 25 giugno 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Little Green Pharma sbarca in Polonia e stringe un importante contratto di collaborazione          

La società australiana di cannabis medica Little Green Pharma (ASX:LGP) ha l’obiettivo di ottenere un grande successo in Polonia.La società ha annunciato la scorsa settimana di aver firmato un accordo di distribuzione di 5 anni con Medizin per gli oli di cannabis medica e i prodotti floreali di LGP in Polonia. In base all’accordo, Medizin ha i diritti esclusivi di distribuzione nel paese, supponendo che gli ostacoli alle vendite siano superati. Medezin è una consociata controllata al 100% da Polska Grupa Farmaceutyczan S.A. (“PGF”), che secondo LGP è uno dei tre principali grossisti di gamma completa in Polonia; vantando una quota del 20% delle consegne nazionali alle farmacie. “Il nostro accordo di distribuzione con Medezin riflette l’ambizione strategica di LGP di acquisire e mantenere una quota sostanziale del mercato indirizzabile totale in ogni giurisdizione che forniamo”, ha affermato l’amministratore delegato di Little Green Pharma Fleta Solomon.

Australia: ampliato il diritto di accesso gratuito a cure a base di cannabis per malati gravi e terminali            

Grazie ai continui sforzi dei Verdi australiani, i malati gravi e terminali troveranno ora l’accesso ai prodotti di cannabis medica che sono stati prescritti un processo più rapido. A maggio, sembrava che il governo avrebbe avuto successo nel mantenere la sua rimozione dei prodotti a base di cannabis non registrati dalla categoria A del regime di accesso speciale australiano dopo che un emendamento sponsorizzato dai Verdi era stato respinto a causa dell’adesione di NXT e One Nation alla coalizione nel voto contrario esso. Il mantenimento dello status quo significava che i pazienti che avevano urgente bisogno di prodotti a base di cannabis medica non registrati potevano affrontare settimane prima dell’approvazione (sebbene questa sia stata negata) invece di giorni; o anche ore. Tuttavia, i Verdi hanno insistito e con il sostegno di Labour, One Nation (questa volta) e altri crossbecher tra cui Jacquie Lambie, il Senato ha votato per invertire le modifiche e i prodotti a base di cannabis non registrati saranno inclusi nella categoria A. Il disegno di legge è stato approvato 40 voti a 30.

CannEpil acquisisce copertura totale in Irlanda  

MGC Pharmaceuticals (ASX: MXC), quotata in ASX, ha annunciato che il suo prodotto per l’epilessia derivato dalla cannabis sarà ora completamente coperto dall’Health Service Executive (HSE) irlandese. CannEpil è un farmaco a base di cannabidiolo (CBD) con una piccola quantità di tetraidrocannabinolo (THC) progettato principalmente per il trattamento di persone con epilessia refrattaria; una condizione grave che non risponde ai farmaci convenzionali. L’epilessia refrattaria colpisce circa un terzo degli adulti e fino al 25% dei bambini con epilessia. MGC Pharma osserva che CannEpil è stato prescritto anche per varie altre condizioni tra cui ansia, dolore cronico, disturbo da stress post-traumatico e morbo di Parkinson. L’azienda è stata autorizzata a rendere il suo prodotto CannEpil disponibile per la fornitura in Australia nell’ambito dell’Authorized Prescriber Scheme nel 2018.

L’Isola di Man dà il via alle applicazioni per l’industria della cannabis medica    

Il governo dell’Isola di Man ha iniziato ad accettare domande per la produzione, distribuzione ed esportazione di prodotti medicinali a base di cannabis. L’Isola di Man, 84.584 abitanti, è una dipendenza autonoma della Corona britannica situata nel Mare d’Irlanda tra l’Inghilterra e l’Irlanda. All’inizio di quest’anno, il suo governo ha introdotto un quadro normativo che consente agli operatori commerciali di coltivare, produrre, distribuire ed esportare prodotti a base di cannabis su licenza. La Gambling Supervision Commission (“GSC”) è l’autorità di regolamentazione del settore e ha completato le linee guida per il quadro, aprendo la strada alle domande. Si prevede che la nuova industria creerà 250 nuovi posti di lavoro e 3 milioni di sterline di benefici annuali nei prossimi anni per l’isola e svolgerà un ruolo significativo nella ripresa economica post-COVID dell’Isola di Man.

I coltivatori di canapa irlandesi combattono la burocrazia    

La canapa ha un brillante futuro in Irlanda, ma secondo quanto riferito gli ostacoli del governo si frappongono. Lo Sinn Féin è un partito politico socialista repubblicano e democratico attivo sia nella Repubblica d’Irlanda che nell’Irlanda del Nord. Il portavoce dello Sinn Féin per l’agricoltura, Matt Carthy TD, afferma che la coltivazione della canapa può aiutare gli agricoltori a integrare il proprio reddito in modo più ecologico. “Gli usi della canapa includono materiale da costruzione per case, carta, vestiti, olio da riscaldamento e come alternativa alla plastica”, ha affermato. “C’è anche una crescente domanda di prodotti per la salute del CBD, estratti con vari metodi approvati dalla canapa, sia in Irlanda che a livello internazionale”. Ma invece di sostenere attivamente il settore, Carthy afferma che il governo sta facendo poco.

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->