lunedì, Agosto 15

Borsa: canapa, fine dicembre positiva per Canada e USA? Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, chiudono questa settimana col segno positivo. Si tratta di valori non eccessivamente vistosi, tuttavia sono positivi e rappresentano un segno di speranza in questo ultimo mese del 2021, un anno particolarmente sofferto su tutte le piazze internazionali. Per avere dei raffronti nel settore parallelo della cannabis, si constata che l’indice generale Global Cannabis Stock Index chiude a 32.96, +0,85 (+2,65%). L’American Cannabis Operator Index chiude a 39,30, +0,65(+1,68%). L’Ancillaris Cannabis Index chiude a 62,68, +1,58(+2,59%). Il Canadian Cannabis LP Index chiude a 197.69, +5,99(+3,12%)

Gli ultimi aggiornamenti del settore canapa/cannabis e le previsioni a livello mondiale in previsione del 2022

Molti ritengono che le azioni di marijuana vedano ancora un aumento di slancio questo nuovo anno. E lì come alcuni sentono che le cose potrebbero non cambiare così tanto da ora. Il fatto è che il settore della cannabis non è stato in grado di vedere alcun movimento al rialzo coerente. Sì, ci sono stati alcuni pop volatili nel trading. Eppure niente che la maggior parte delle azioni di marijuana sia stata in grado di mantenere. Ciò su cui molti puntano è la fine del proibizionismo sulla cannabis. Molte persone ritengono che questo riporterà il settore ai livelli di inizio 2021.

Tuttavia, questo non è scolpito nella pietra, anche se nel 2021 le notizie positive sulla questione mostrano diverse. Quest’ultimo anno al di fuori del mercato le cose sono progredite in modo importante. Molte aziende sono state in grado di risistemare la casa e prepararsi per l’attuale e il futuro dell’industria della cannabis. Ciò è stato fatto attraverso nuovi membri del team come CEO o personale aggiuntivo o dirigenti. Inoltre, alcune aziende uniscono le forze per creare super aziende. Oltre al lancio di nuovi prodotti e servizi per alcuni. Tutti insieme questo successo ha portato molti a cercare i migliori titoli di cannabis da acquistare.

Soprattutto con quanto basso è stato il settore negli ultimi 10 mesi. In questo momento c’è molta attesa su ciò che accadrà per il settore nel 2022. Come accennato in precedenza, alcuni sono preoccupati per la ripetizione dell’anno. Significa che il settore continuerà a scendere. Altri ancora pensano che ci sia troppo da fare oltre la riforma federale perché le cose alla fine non si riprendano. La gente ha bisogno di ricordare l’industria della cannabis, anche se molto più matura è ancora giovane per la maggior parte.

Scorte di marijuana e settore della cannabis verso il 2022

Con molto da fare e sviluppare, questo sta dando a molti l’idea che giorni migliori sono in arrivo. Eppure la battaglia per porre fine alla proibizione della cannabis è ancora un grande muro da abbattere. Tuttavia, c’è più ottimismo sulla questione poiché gli investitori in azioni di marijuana si preparano ad affrontare un nuovo anno. I titoli di cannabis menzionati di seguito sono 2 società da tenere d’occhio nel 2022.

Titoli da seguire con attenzione per gli inizi del 2022

GrowGeneration Corp(NASDAQ:GRWG)

Agrify Corp. (NASDAQ:AGFY)

GrowGeneration Corp.

GrowGeneration Corp. attraverso le sue sussidiarie possiede e gestisce negozi di giardinaggio idroponico e biologico al dettaglio negli Stati Uniti. Si occupa della commercializzazione e distribuzione di prodotti orticoli, organici, di illuminazione e idroponici. La scorsa settimana l’azienda ha apportato un importante aggiornamento. Il 14 dicembre la società ha annunciato il ritiro di Tony Sullivan, EVP e COO.

Parole dall’azienda 14/12/21

“Durante il suo mandato, Tony ha contribuito molto a GrowGen, contribuendo a ogni parte della nostra operazione”, ha affermato Darren Lampert, CEO di GrowGen. “Anche se siamo tristi di vederlo andare via, Tony ha sentito che il tempismo era giusto sia a livello personale che professionale. La Società lo ringrazia per tutto il suo duro lavoro e dedizione”

Agrify Corporation

Agrify Corporation sviluppa soluzioni di crescita hardware e software di precisione per il mercato dell’agricoltura indoor. Che è principalmente negli Stati Uniti. Offre unità di coltivazione verticale, rack di coltivazione integrati e luci di coltivazione a LED. Oltre a prodotti non proprietari progettati, progettati e realizzati da terze parti. Come i sistemi di pulizia dell’aria e i prodotti per la protezione delle superfici privi di pesticidi. Nelle ultime 2 settimane circa, l’azienda ha apportato alcuni aggiornamenti alle notizie.

L’8 dicembre la società ha annunciato di aver firmato una lettera di intenti vincolante per l’acquisizione di PurePressure. Che è il leader nell’estrazione senza solventi e nell’elaborazione avanzata dell’hashish con acqua ghiacciata nell’industria della cannabis e della canapa. Con l’acquisizione di PurePressure, Agrify prevede di rafforzare la sua divisione di estrazione in rapida espansione. Ciò avverrà aggiungendo le migliori soluzioni al suo mix di prodotti in due delle sottocategorie in più rapida crescita.

Queste categorie si trovano nel mercato dell’estrazione della cannabis e della canapa. Successivamente negli sviluppi più recenti, l’azienda aggiunge gli ex dirigenti di Goldman Sachs al suo consiglio di amministrazione. Il nuovo dirigente è Barry Turkanis che prenderà il posto di Timothy Oakes. Il Sig. Turkanis farà anche parte del Comitato di verifica del Consiglio di amministrazione e del Comitato per le nomine e la governance aziendale.

Le parole dell’amministratore delegato

“Mentre continuiamo a prendere slancio e a mobilitarci per la nostra prossima fase di crescita accelerata, abbiamo considerato la massima priorità allinearci con i partner giusti e l’aggiunta di Barry al consiglio di amministrazione di Agrify è un altro esempio del nostro impegno nell’assemblare un vero sistema di supporto esemplare”, ha affermato Raymond Chang, Presidente e CEO di Agrify. “Barry ha avuto una carriera lunga e illustre, inclusi oltre 15 anni in Goldman Sachs, e i suoi vasti risultati in finanza, private equity, venture capital e settore immobiliare lo renderanno una risorsa straordinaria per il nostro team. Inoltre, la vasta conoscenza di Barry sui titoli garantiti da attività e da ipoteca dovrebbe essere determinante”.

Dati tratti da https://www.marijuanastocks.com

Andamento borsistico aggiornato in data 23 dicembre 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 23 dicembre 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Gigante olandese dell’illuminazione stringe accordo per l’acquisizione del coltivatore di cannabis Fluence

Un gigante dell’illuminazione olandese ha firmato un accordo definitivo per l’acquisizione di Fluence, con sede in Texas, che fornisce luci di coltivazione ai coltivatori di cannabis e ad altre aziende agricole, per $ 272 milioni. Signify, con sede nei Paesi Bassi, ha dichiarato in un comunicato stampa che l’acquisizione è in linea con la sua strategia di espansione in “segmenti di crescita interessanti”, nonché il suo impegno a ridurre il consumo di risorse e aumentare i raccolti orticoli. Fluence opererà come entità all’interno del business dell’illuminazione agricola di Signify.Fluence, che attualmente è una filiale di Osram con sede a Monaco di Baviera, ha sede ad Austin. Impiega più di 200 persone e ha generato $ 141 milioni di entrate da ottobre 2020 a settembre 2021. L’acquisizione dovrebbe concludersi nella prima metà del 2022, soggetta ad approvazioni normative e altre condizioni.Indica le negoziazioni sulla borsa Euronext come LIGHT.

Vermont: piano di supervisione della produzione di canapa approvato dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti

Il piano del Vermont per testare la supervisione della produzione di canapa ha ottenuto l’approvazione del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Lo Stato ha annunciato lunedì la sua autorizzazione all’USDA, il che significa che la stagione di crescita 2022 sarà la prima secondo le regole Farm Bill del 2018, che includono il test totale del THC per la maggior parte delle piante di canapa. Il Vermont esenta le varietà di fibre e cereali di canapa dai test del THC pre-raccolta a condizione che i funzionari statali dell’agricoltura “ispezionino in modo completo per confermare il loro uso”. Lo stato stima che meno del 10% del suo raccolto di canapa del 2021 sia stato coltivato per fibre, hurd o grano. Il Vermont prevede di consentire ai coltivatori di canapa con raccolti “caldi” di evitare di distruggerli se: • Smaltire fiori e foglie, trattenendo solo gli steli, oppure • Chip l’intero impianto in biomassa per l’estrazione o altri scopi commerciali. La bonifica dovrebbe essere effettuata in loco con un’agenzia dell’Agenzia del Vermont per l’agricoltura, l’alimentazione ei mercati.

Una società di biotecnologie del Michigan ottiene una sovvenzione federale per lo sviluppo di un piano di innovazione del suolo

Una società di biotecnologie della canapa del Michigan ha ottenuto una sovvenzione federale per collaborare con le aziende agricole di tutto il paese nello sviluppo di un programma di innovazione del suolo. Heartland Industries, una società che progetta fibre di canapa come additivi per la plastica con sede a Detroit, ha ricevuto una sovvenzione di $ 360.000 dal Servizio di conservazione delle risorse naturali del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti per il suo programma Hemp4Soil, ha annunciato la società martedì. La sovvenzione fa parte del programma Conservation Innovation Grants di NRCS, uno sforzo competitivo di $ 15 milioni per sviluppare nuovi modi per promuovere la conservazione su terreni privati. Da 77 candidati, l’NRCS ha finanziato 19 nuovi progetti; Il programma di Heartland Industries è stato l’unico progetto sulla canapa selezionato.“L’innovazione è la chiave per affrontare la crisi climatica e conservare le risorse naturali da cui tutti dipendiamo”, ha affermato il capo della NRCS Terry Cosby in una nota.

“I partner CIG stanno utilizzando la scienza e la ricerca più recenti per trovare soluzioni che funzionino per agricoltori, allevatori e silvicoltori e contribuiscano a garantire la longevità dell’agricoltura americana”.

Heartland Industries utilizzerà i soldi per lavorare con gli agricoltori per ricercare la salute del suolo e il sequestro del carbonio per quantificare l’impatto dell’aggiunta di canapa e pratiche agricole rigenerative nelle rotazioni delle colture degli agricoltori.

Il CEO di CV Sciences vuole che la società gli paghi 5,3 milioni di dollari per saldare una fattura fiscale federale

Il CEO fondatore del produttore californiano di CBD CV Sciences vuole che la società gli paghi $ 5,3 milioni per saldare una fattura fiscale federale che, secondo lui, la società avrebbe dovuto trattenere anni fa. La causa di Michael Mona Jr. afferma che CV Sciences, con sede a San Diego, gli ha pagato quasi 3 milioni di cosiddette azioni vincolate come parte di un accordo del 2018 in cui si è dimesso dopo aver risolto una controversia con la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti. Mona, che ha co-fondato la società nel 2012, afferma che CV Sciences avrebbe dovuto trattenere le tasse applicabili, ma non lo ha fatto. Sta chiedendo a un giudice federale di assegnargli 5,3 milioni di dollari per saldare il conto con l’Internal Revenue Service. Quando Mona si è ritirata da CV Sciences nel 2019, le azioni della società erano scambiate a $ 4,66 per azione, secondo la denuncia di Mona. Mona ha venduto le sue azioni nel 2020 e nel 2021 per una media di circa 50 centesimi per azione, sostiene. La legge 360 ​​ha denunciato per prima la controversia. CV Sciences non ha replicato alla causa. CV Sciences è quotato sui mercati over-the-counter con il simbolo CVSI.

Charlotte Web Holdings riorganizza la propria leadership e sostituisce consensualmente il CEO

Il produttore di CBD del Colorado Charlotte’s Web Holdings ha annunciato venerdì una riorganizzazione della leadership, sostituendo il CEO Deanie Elsner con un ex dirigente di Bacardi. Jacques Tortoroli è stato l’ex Direttore Amministrativo di Bacardi Ltd., la più grande azienda privata di liquori al mondo. In una dichiarazione, Tortoroli ha affermato che il cambiamento è stato “una decisione reciproca presa amichevolmente tra la signora Elsner e il consiglio di amministrazione. “Siamo grati per il suo impegno e contributo a Charlotte’s Web. Attraverso la sua leadership ha esteso la posizione di leader di mercato dell’azienda e non vedo l’ora di sfruttare il suo lavoro”. Altri cambiamenti esecutivi annunciati dalla società di Boulder, in Colorado, includono: • Il direttore finanziario Wes Booysen ottiene un ruolo ampliato come direttore finanziario e operativo. • Il Chief Cultivation Officer Jared Stanley assume un ruolo ampliato come Chief Cultivation and Innovation Officer, supervisionando l’estrazione e lo sviluppo di nuovi prodotti. I cambiamenti arrivano dopo che il titolo Web di Charlotte è sceso di circa il 44% negli ultimi tre mesi dell’anno.

 

Dati tratti da

The Daily Marijuana Observer | Cannabis Investment News and More… (mjobserver.com)

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->