sabato, Settembre 18

Borsa: canapa, finalmente una boccata di ossigeno per Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, questa settimana chiudono entrambe con valori positivi, una vera e propria boccata d’ossigeno, rispetto alle tre settimane precedenti, chiuse nel color rosso sangue. Bisogna anche aggiungere che il settore canapa delle due principali piazze borsistiche mondiale chiude in positivo mentre tutto il contesto borsistico internazionale, impaurito dall’andamento Covid internazionale causato dalle nuove varianti del virus, ha mostrato in settimana vistosi segni di sofferenza e negatività.

Indice Marijuana Canada 173.29

In data 23/7/2021 è

Positivo: +3,14

Costituenti: 11

Cambio: 1,85

Prezzo di apertura: 169.92

Volume Totale: 136.65 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

14 luglio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 185,77

14 luglio 2021 ore 04,00 PM raggiunto 177.17

15 luglio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 171,53

16 luglio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 185.32

19 luglio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 163.75

20 luglio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 165.03

21 luglio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 171.58

21 luglio 2021 ore 04,00 PM raggiunto 173.31

Indice Marijuana Stati Uniti 105.25

In data 23/7/2021

Positivo: +3.33

Costituenti: 32

Cambio: 3.27%

Prezzo di apertura: 102.42

Volume Totale: 8.21 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

14 luglio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 108.68

15 luglio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 103,55

16 luglio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 101,21

19 luglio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 95.33

20 luglio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 101.31

21 luglio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 103.91

21 luglio 2021 ore 04.00 PM raggiunto 105.24

Andamento borsistico aggiornato in data 23 luglio 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 23 luglio 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Mokon propone soluzioni per il processo di controllo della temperatura per applicazioni industriali della canapa          

Mokon, leader internazionale nei sistemi di controllo della temperatura del liquido circolante di alta qualità, fornisce attivamente soluzioni di controllo della temperatura di processo per le applicazioni della canapa industriale. L’accurata e affidabile tecnologia di riscaldamento e raffreddamento di Mokon, con temperature che vanno da -20°F a 700°F (da -29°C a 371°C), viene applicata nei processi critici di estrazione e distillazione per soddisfare le crescenti esigenze dei prodotti di canapa industriale. Poiché le industrie farmaceutica, biomedica, cosmetica, chimica, alimentare e delle bevande e altre industrie sviluppano nuovi usi per la canapa, il controllo della temperatura di processo è fondamentale nello sviluppo di nuovi integratori per unguenti, edibili, bevande e una varietà di altri prodotti. Mokon lavora a stretto contatto con i leader del settore per fornire una tecnologia ad alte prestazioni progettata per ambienti controllati critici. “Mokon è sempre alla ricerca di soddisfare le esigenze dei nostri clienti con un’ampia gamma di opzioni di personalizzazione e accessori”, afferma Rob Kennery, Vice President of Sales and Marketing. “I nostri sistemi di riscaldamento e raffreddamento di processo di qualità forniscono all’industria della canapa industriale una maggiore selezione per le loro applicazioni di estrazione e distillazione”.

I CEO sfruttano i risultati dello studio clinico sul CBD di Validcare per stimolare le partnership, i profitti e la promettente attività normativa            

Convalidato. Questo è il sentimento travolgente dei fondatori e dei CEO dietro lo studio clinico Validcare National CBD Liver Function di sette mesi approvato dall’IRB, condotto, in parte, per rispondere alle richieste della FDA per un esame scientifico più rigoroso dell’impatto del CBD sulla salute del fegato. Lo studio clinico non ha rivelato “nessuna evidenza clinica di malattie del fegato o aumento della prevalenza di test di funzionalità epatica elevati in nessuno dei partecipanti”, secondo una dichiarazione Validcare, che è stata condivisa con i membri del Cannabis Product Council della FDA. Validcare riporta che è prevista la pubblicazione su riviste scientifiche e sarà presto aperta per la revisione tra pari. CBD Marketing Hub l Cannabis Marketing-Hub ha raccolto le risposte dei finanziatori dello studio, che concordano collettivamente che i suoi risultati aumenteranno la fiducia dei consumatori, inviteranno ulteriore supporto da parte della comunità medica e affronteranno le richieste di dati scientifici sufficienti per determinare e agire su una regolamentazione sicura percorso in avanti. La pubblicazione dello studio sta già avendo un impatto, secondo i sostenitori dello studio, che riferiscono di aver visto segnali di aumento degli investimenti aziendali, del capitale di rischio e di altri interessi di finanziamento e delle relative partnership. Crain ha riferito sulla tendenza e sul relativo impatto economico nel Michigan, che si colloca tra i primi 10 mercati in crescita della nazione. Secondo Crain’s, il CEO di CBD American Shaman Vince Sanders sta perseguendo un interesse immediato negli sforzi di espansione nel Michigan.

Un gruppo specializzato nella canapa fa causa al Dipartimento dell’Agricoltura del Kentucky e ai capi della Polizia per il divieto sul Delta-8 THC e le conseguenti incursioni subìte nei campi di produzione    

La Kentucky Hemp Association afferma che la polizia di stato sta facendo irruzione illegalmente nei negozi al dettaglio di canapa legali alla ricerca di prodotti delta-8 THC e chiede a un giudice di stato di porre fine alla pratica. Martedì il gruppo ha chiesto a un giudice del tribunale del circuito di Boone di impedire alla polizia di utilizzare una lettera del 19 aprile del Dipartimento dell’agricoltura del Kentucky per colpire i prodotti di canapa contenenti delta-8 THC.L’associazione ha anche citato in giudizio il commissario per l’agricoltura del Kentucky Ryan Quarles e il commissario della polizia di stato Phillip Burnett Jr., secondo il Lexington Herald-Leader. Il Dipartimento dell’Agricoltura del Kentucky ad aprile ha dichiarato ai titolari di licenza di canapa del Kentucky che l’agenzia aveva ricevuto richieste pubbliche sullo stato legale dei prodotti delta-8 THC ai sensi della legge federale e statale. I funzionari dell’agricoltura del Kentucky hanno informato i licenziatari della canapa nella lettera che i prodotti delta-8 THC rimangono sostanze controllate secondo la legge federale e statale e che la produzione, la commercializzazione o la distribuzione dei prodotti è illegale e potrebbe portare all’espulsione dal programma statale sulla canapa e a procedimenti penali. Un portavoce dell’agricoltura del Kentucky ha affermato che i sostenitori della canapa hanno assicurato ai politici che la canapa non era intossicante e che i legislatori statali e federali hanno legalizzato la canapa creando una definizione che la separasse dalla marijuana.“Ora, alcuni vogliono sostenere che i legislatori abbiano legalizzato accidentalmente una sostanza sintetica inebriante chiamata delta-8 THC”, ha detto il portavoce Sean Southard, osservando che anche stati come il Colorado che hanno legalizzato la marijuana ricreativa hanno vietato i prodotti delta-8 THC. Ad oggi, diversi stati hanno vietato i prodotti THC delta-8. E il Michigan questa settimana è diventato il primo stato con un mercato legale della marijuana ricreativa per uso adulto a firmare una legislazione per regolamentare i prodotti delta-8 THC nell’ambito del suo programma statale di regolamentazione della marijuana, piuttosto che vietare il prodotto. La Kentucky Hemp Association sostiene che i prodotti delta-8 THC sono prodotti legali ai sensi delle leggi statali e federali che regolano la produzione di canapa e che l’inazione del tribunale potrebbe avere un grave impatto sull’industria della canapa del Kentucky.

Hemp Industry Daily lancia una ricerca su donne e minoranze nell’industria di settore    

Mentre le industrie della canapa e della marijuana si evolvono ed espandono negli Stati Uniti, è stata posta maggiore attenzione sull’equità sociale e sulla diversità. Ma per capire dove sta andando il settore, è importante capire dove si trova già. Con questo obiettivo in mente, Hemp Industry Daily e MJBizDaily hanno lanciato un sondaggio per valutare lo stato delle donne e la leadership delle minoranze nella cannabis. Le informazioni costituiranno la base della terza edizione del rapporto Women and Minorities in Cannabis, disponibile questo autunno. Oltre a fornire metriche sulla partecipazione, il team di Hemp Industry Daily e MJBizDaily esaminerà dove esistono ancora le barriere alla partecipazione e fornirà risorse per superare le sfide. Proprietari, fondatori e dirigenti con dispensari/negozi al dettaglio, operazioni di coltivazione commerciale, produttori di prodotti infusi e aziende integrate verticalmente, nonché investitori che finanziano aziende di cannabis sono invitati a partecipare al sondaggio, disponibile qui. Il sondaggio sarà aperto per le risposte fino a mercoledì 28 luglio.

New West Genetics primo partecipante nel settore canapa nell’incubatore clean-tech di Wells Fargo    

Una società di genomica della canapa a Fort Collins, in Colorado, sta ricevendo fondi per la ricerca e lo sviluppo in una struttura gestita dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti. New West Genetics è la prima azienda di canapa selezionata per partecipare al Wells Fargo Innovation Incubator, un incubatore tecnologico da 50 milioni di dollari incentrato su imprenditori di tecnologie pulite in fase iniziale.New West Genetics è una delle cinque società che riceveranno fino a $ 250.000 e condurranno attività di ricerca e sviluppo presso il National Renewable Energy Laboratory del Dipartimento dell’Energia a ovest di Denver. NREL co-amministra la ricerca. La ricerca sul New West verrà svolta anche presso il Donald Danforth Plant Science Center, un istituto di ricerca indipendente a St. Louis. Il programma dell’incubatore, finanziato dalla Wells Fargo Foundation, quest’anno si concentra sul rendere l’agricoltura indoor più sostenibile poiché le condizioni meteorologiche estreme e la scarsità d’acqua minacciano il settore agricolo. L’agricoltura indoor produce in genere più emissioni di gas serra rispetto alla produzione coltivata in campo. Le società finanziate “stanno affrontando questo problema attraverso tecnologie innovative”, ha affermato Trish Cozart, responsabile del programma IN2 di NREL. La ricerca valuterà cose come: • Illuminazione in fibra ottica e IoT (Internet delle cose). • Sistemi di irrigazione basati su IoT.• Previsioni di rendimento automatizzate e basate sull’intelligenza artificiale. • Selezione delle varietà di colture assistita dalla genomica.“Dobbiamo accelerare l’innovazione tecnologica e investire in nuove idee per migliorare la sicurezza alimentare e la sostenibilità in tutto il mondo”, ha affermato Jenny Flores, responsabile della filantropia per la crescita delle piccole imprese presso Wells Fargo. La New West Genetics ha recentemente ottenuto lo status di seme certificato per quattro delle sue più recenti varietà multiuso, ibridate per la produzione di cereali ad alto rendimento, fiori di CBD e fibre negli Stati Uniti.

 

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->