giovedì, Ottobre 21

Borsa: canapa, continua la ripresa di Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, dopo due settimane di tiepida ripresa, tornano a scendere e ad andare in rosso. I segni relativi al fatto che si trattasse di una ripresa fragile ed alquanto effimera -dovuta soprattutto alla grande volatilità ed alla incostanza dei fattori geopolitici e geostrategici planetari, oltre che alla ripresa della salita dei combustibili petrolio in primis- erano già evidenti nelle settimane precedenti. Solo che in questa si sono manifestati.

Gli ultimi aggiornamenti del settore canapa/cannabis a livello mondiale nel mese di ottobre 2021

J. Arnold Wealth Management rivela una nuova partecipazione in Cannabis ETF

In un modulo 13F depositato di recente presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti l’8 settembre 2021, J. Arnold Wealth Management, consulente per gli investimenti e gestore patrimoniale con sede a Canfield, Ohio, ha rivelato di aver acquisito una partecipazione iniziale nell’ETF ETFMG Alternative Harvest ETF (NYSE:MJ), un fondo negoziato in borsa, noto anche come ETF, focalizzato sull’industria della cannabis in rapida crescita. Secondo il sito web del gestore patrimoniale, J. Arnold Wealth Management “aiuta i clienti a perseguire i propri obiettivi finanziari individuali” da oltre due decenni. In qualità di consulente indipendente, J. Arnold Wealth Management offre ai propri clienti una consulenza di investimento imparziale e personalizzata basata su esperienza, ricerca e altro ancora. Con una stima di oltre $ 200.000.000 in asset discrezionali 13F in gestione a partire da un recente Form ADV, il recente acquisto da parte di J. Arnold Wealth Management di 2.202 azioni di MJ non è un’enorme allocazione di attività per l’azienda. Detto questo, è un segnale rialzista che un altro investitore istituzionale come J. Arnold Wealth Management sia coinvolto negli investimenti nella cannabis attraverso l’ETF diversificato incentrato sul settore.

Bank of America aumenta le sue partecipazioni SNDL

In un recente modulo 13-F depositato presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, la Bank of America Corp., holding finanziaria diversificata con sede a Charlotte, nella Carolina del Nord, ha rivelato di aver aumentato una partecipazione nel produttore canadese di cannabis Sundial Growers Inc. (NASDAQ: SNDL).Secondo Bloomberg, “Bank of America offre conti di risparmio, depositi, mutui e prestiti per l’edilizia, gestione di contanti e patrimoni, certificati di deposito, fondi di investimento, carte di credito e di debito, assicurazioni, servizi bancari mobili e online”. Con una stima di oltre 962 miliardi di dollari in titoli 13F gestiti in asset under management a partire da un recente Form ADV, il recente acquisto da parte di Bank of America Corp. di 17.496 azioni aggiuntive di SNDL rappresenta solo una piccola goccia nel mare per l’azienda. Detto questo, è tipicamente un segnale rialzista quando istituzioni come Bank of America Corp. stanno acquistando un particolare titolo di cannabis. Con la recente aggiunta, Bank of America deteneva un totale di 20.000 azioni SNDL a partire dall’ultimo deposito. Continueremo a monitorare i documenti 13F per vedere cosa stanno facendo gli investitori istituzionali.

Il Lift & Co. Expo è tornato ad aiutare il Canada a costruire attività responsabili e prospere nel campo della cannabis e degli psichedelici

Il Lift & Co. Expo Toronto, 18-21 novembre 2021, che si terrà presso il Metro Toronto Convention Centre, è molto più di una fiera commerciale che accelera i marchi di cannabis e psichedelici. È una serie di conferenze educative che offre ai delegati l’opportunità di scegliere l’apprendimento professionale più adatto a loro. Che si tratti della Lift Cannabis Business Conference, il 18 novembre, dell’Industry Day di Lift & Co. Expo o dei Consumer Days, dal 19 al 21 novembre, o del nuovo Lift Psychedelic Business Summit, il 19 novembre, questi eventi sono il luogo in cui la cannabis e le sostanze psichedeliche canadesi i professionisti vengono per elevare la propria strategia aziendale, aggiornare le proprie prospettive, rinnovare la propria energia e collaborare con i propri colleghi. Ogni giorno della programmazione educativa si concentra sulle sfide uniche e sui problemi specifici relativi alla strategia aziendale del settore della cannabis, alla ricerca sugli psichedelici e allo sviluppo del business, all’eccellenza operativa, alla conformità normativa, nonché allo sviluppo di innovazioni per la cannabis ricreativa e medica, oltre a nuove terapie psichedeliche. Con questo curriculum ampio e diversificato, erogato in quattro giorni, le aziende possono trarre vantaggio dalla registrazione di rappresentanti diversi in giorni diversi per ottenere un’ampia gamma di apprendimento, suggerimenti, tattiche e nuovi approcci che sono completi, all’avanguardia e possono essere condivisi con i colleghi quando tornano al loro ufficio, laboratorio, impianto di coltivazione e così via.

L’obiettivo della serie di conferenze è offrire ai delegati più scelta, più informazioni e più idee relative a:

Nuovi prodotti, fornitori e servizi professionali a base di cannabis e psichedelici

Aggiornamenti su leggi, regolamenti, politiche, linee guida e conformità correlati

Proposte e nuove prescrizioni in materia di salute pubblica e sicurezza

Modifiche alle pratiche e ai servizi finanziari e bancari per i settori della cannabis e degli psichedelici

Educare gli operatori sanitari, i regolatori, gli assicuratori, i datori di lavoro e il pubblico

Nuovi approcci per GR, PR e massimizzazione del marketing e della promozione

Pianificazione della forza lavoro, formazione delle competenze, reclutamento e mantenimento dei talenti e altro ancora.

Unisciti alla nostra illustre facoltà di relatori e fai rete con i migliori dirigenti aziendali, consulenti, responsabili politici, regolatori, ricercatori, fornitori del settore e servizi professionali di cannabis e sostanze psichedeliche, all’evento leader in Canada per la leadership aziendale e i consumatori per le industrie della cannabis e delle sostanze psichedeliche. I biglietti sono in vendita ora.

Bank of America riduce la sua partecipazione in Canopy Growth Corp.

In un recente modulo 13F depositato presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, la holding finanziaria diversificata Bank of America Corp. (NYSE:BAC) di Charlotte, North Carolina, ha rivelato di aver ridotto una partecipazione nel conglomerato internazionale di cannabis Canopy Growth Corp. (NYSE :CGC) (TSX:ERBA). Secondo Bloomberg, “Bank of America offre conti di risparmio, depositi, mutui e prestiti per l’edilizia, gestione di contanti e patrimoni, certificati di deposito, fondi di investimento, carte di credito e di debito, assicurazioni, servizi bancari mobili e online”. Con una stima di oltre 962 miliardi di dollari in titoli 13F gestiti in asset under management a partire da un recente Form ADV, la recente vendita da parte di Bank of America Corp. di 109.436 azioni di Canopy Growth Corp. (NYSE:CGC) (TSX:WEED) ammonta a solo una goccia nel mare per l’enorme società finanziaria. Detto questo, è tipicamente un segnale ribassista quando investitori istituzionali e gestori di fondi come Bank of America Corp. stanno vendendo un determinato titolo. Continueremo a monitorare i documenti 13F per vedere cosa stanno facendo gli investitori istituzionali.

Ballard Spahr lancia il tracker della legislazione sulla cannabis per identificare le tendenze e le opportunità del settore

Man mano che più Stati legalizzano la cannabis in una certa misura, il risultante mosaico di leggi diventa sempre più difficile da navigare per imprenditori, legislatori, giornalisti e consumatori. Il Cannabis Group di Ballard Spahr ha creato il Cannabis Legislation Tracker, una soluzione tecnologica per mantenere aggiornati tutti gli attuali e aspiranti stakeholder in questo mercato multimiliardario. “Il nostro Cannabis Legislation Tracker è uno strumento che aiuta gli utenti a seguire la legislazione che interessa il settore della cannabis”, ha affermato Beth Moskow-Schnoll, capo del Cannabis Group di Ballard Spahr e managing partner dell’ufficio del Delaware dell’azienda. “È una risorsa a disposizione di chiunque sia interessato a questo settore in continua evoluzione”. In consultazione con il Cannabis Group, il Client Value and Innovation Team di Ballard Spahr ha identificato le giurisdizioni chiave e gli argomenti del settore e quindi ha sviluppato un tracker Ballard360 per mostrare sia la legge esistente che la legislazione in sospeso negli Stati Uniti. Il Cannabis Legislation Tracker è il primo strumento Ballard360 a concentrarsi su un settore specifico e rappresenta un nuovo modo per gli avvocati e i clienti di Ballard Spahr di collaborare e condividere informazioni. È progettato per essere un riferimento di facile utilizzo per aiutare i clienti a individuare rapidamente i problemi emergenti. “Il Cannabis Legislation Tracker può adattarsi alle mutevoli esigenze dei nostri clienti man mano che questo settore di attività si sviluppa e matura”, ha affermato Melissa Prince, Chief Client Value and Innovation Officer di Ballard Spahr. “Alcuni stati continuano a lottare con la legalizzazione, mentre altri sono passati ad affrontare problemi di etichettatura, marketing e finanziari. Questo strumento aiuterà i nostri avvocati e clienti a valutare dove è diretta ciascuna giurisdizione e a collaborare per intraprendere le azioni appropriate”.

Informazioni su Ballard Spahr

Ballard Spahr LLP, uno studio legale AmLaw 100 con oltre 600 avvocati in 15 uffici negli Stati Uniti, serve clienti in tutti i settori industriali in contenziosi, transazioni e conformità normativa. Collaboriamo con i clienti, dalle start-up alle aziende Fortune 500, governi e organizzazioni senza scopo di lucro, per fornire consulenza strategica, potente advocacy e pensiero dinamico che li aiutino a superare le sfide, proteggere ciò che è importante e posizionarsi per il successo futuro . L’azienda combina un ampio campo di attività con una forte conoscenza del mercato regionale. E siamo riconosciuti a livello nazionale nello sviluppo e nell’uso di tecnologie innovative per promuovere efficienza, trasparenza e risultati. 

Dati tratti da: www.mjobserver.com

Andamento borsistico aggiornato in data 8 ottobre 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data dell’8 ottobre 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Società canadese operante nel settore cannabis assolta dall’accusa di aver fuorviato i propri investitori

Una società canadese di cannabis è stata assolta da un’azione legale da parte di investitori arrabbiati che hanno affermato che la società li ha fuorviati sui piani per esportare canapa e CBD nell’Unione europea. Sundial Growers, un produttore di marijuana a Calgary, Alberta, è stato accusato di essere disonesto quando ha affermato che stava acquisendo una società britannica che avrebbe potuto “quasi immediatamente” iniziare a esportare prodotti di canapa e CBD nell’Unione europea. Ma il piano è stato afflitto da ritardi e Sundial ha venduto la società britannica (Bridge Farm) nel 2020. Un gruppo di investitori ha fatto causa alla Sundial di New York, chiedendo più di 7 milioni di dollari. Ma un giudice federale ha archiviato il caso la scorsa settimana, affermando che le discussioni di Sundial sull’esportazione di canapa e CBD in Europa sono state “accompagnate da un significativo linguaggio cautelativo” e che Sundial non è responsabile delle perdite degli investitori.

Clint Eastwood vince una causa da 6,1 milioni di dollari contro una società che ha illegalmente usato il suo volto per la sua campagna pubblicitaria

Clint Eastwood ha ricevuto 6,1 milioni di dollari da una società che ha falsamente affermato che Eastwood aveva approvato i suoi prodotti CBD. Eastwood, l’attore, produttore cinematografico e regista, e Garrapata, una società che possiede i diritti sulla sua immagine, hanno intentato due cause in un tribunale federale di Los Angeles lo scorso anno contro tre produttori di CBD che avevano affermato che l’attore aveva approvato i loro prodotti.Tuttavia, una delle cause legali originali è stata modificata a febbraio, nominando invece Mediatonas UAB, una società proprietaria dei siti Web che hanno pubblicato una falsa intervista simile al Today Show sulla NBC. Mediatonas UAB avrebbe usato una foto di Eastwood da un’apparizione reale nello show, con collegamenti che indirizzavano i consumatori ad acquistare prodotti CBD, secondo quanto riportato dal New York Times. Ma Eastwood non aveva alcun legame con i prodotti. Il giudice della corte distrettuale degli Stati Uniti R. Gary Clausner venerdì ha emesso una sentenza in contumacia dopo che Mediatonas UAB non ha risposto a una citazione all’inizio di quest’anno, assegnando a Eastwood e Garrapata $ 6,1 milioni, oltre a $ 95.000 in spese legali e un’ingiunzione permanente che blocca l’uso del nome di Eastwood e somiglianza. Il giudice ha rifiutato di assegnare i danni per le accuse di diffamazione, affermando che il linguaggio utilizzato per promuovere Eastwood come sponsor dei prodotti CBD “non era diffamatorio a prima vista”. In una causa separata intentata a gennaio, Eastwood ha accusato i rivenditori online di nascondere il suo nome nei tag dei metadati per attirare traffico online verso i loro negozi.

Un cittadino dell’Oregon intenta una causa contro una società CBD e vince: ha subìto effetti da stupefacenti per il CBD contenuto in una delle sue tinture

Un errore di etichettatura del CBD in Oregon ha generato una causa legale da parte di un consumatore il quale involontariamente ha subito effetti da stupefacenti a causa del THC contenuto in una delle tinture. Secondo The Oregonian, i regolatori statali della marijuana hanno appreso che Select – che fa affari come Cura Cannabis ed è di proprietà dell’operatore multistatale di cannabis Curaleaf – apparentemente ha confuso bottiglie di tinture durante il processo di etichettatura. Ciò ha portato a etichettare erroneamente le tinture con alti livelli di THC come contenenti solo CBD. Curaleaf ha affermato che il disguido è stato un semplice “errore umano” nel suo impianto di produzione, secondo The Oregonian. L’Oregon Liquor and Cannabis Commission ha ordinato un richiamo del prodotto il 21 settembre per almeno 630 bottiglie di tinture. Ma, secondo The Oregonian, non è chiaro quali sanzioni l’azienda potrebbe dover affrontare. Quindi, il 29 settembre, un consumatore che si è inavvertitamente sballato a causa delle tinture etichettate erroneamente – Jason Crawforth, residente in Idaho – ha intentato una causa contro la società presso la corte federale. I regolatori sono a conoscenza di almeno 12 consumatori che hanno utilizzato i prodotti richiamati.

Il Massachussetts emana una legge che autorizza la vendita di canaèa nei dispensari di marijuana

I coltivatori di canapa del Massachusetts possono ora vendere fiori fumabili ed estratti di canapa ai 236 dispensari di marijuana dello stato. Una nuova regola che è entrata in vigore lunedì fornisce ai coltivatori di canapa del Massachusetts istruzioni per testare ed etichettare i loro prodotti per la vendita agli acquirenti di marijuana medica o per adulti. La modifica è stata apportata dai legislatori del Massachusetts alla fine dell’anno scorso. Il cambiamento si applica solo agli agricoltori che coltivano canapa in Massachusetts; i prodotti di canapa fuori dallo stato rimangono off-limits per i rivenditori di marijuana del Massachusetts. Le nuove regole richiedono che i prodotti di canapa venduti nei dispensari del Massachusetts riportino etichette che includano: Nome e indirizzo del produttore.Concentrazioni di THC e CBD. Un avvertimento che il prodotto “non è stato testato, analizzato o approvato dal Dipartimento delle risorse agricole del Massachusetts o dalla FDA”. La legge non ha posto fine al divieto di trattare prodotti di canapa e marijuana negli stessi luoghi. I produttori di marijuana avranno bisogno di licenze dal dipartimento dell’agricoltura statale prima di produrre prodotti elencati come canapa o derivati ​​dalla canapa. Il Massachusetts ha circa 65 coltivatori di canapa su 407 acri e 95.000 piedi quadrati coperti quest’anno. Il Massachusetts ha circa 168 rivenditori di marijuana ricreativa e 68 rivenditori di marijuana medica. Secondo il 2021 MJBizFactbook, questi dispensari hanno venduto circa $ 1,4 miliardi-1,7 miliardi di dollari di prodotti l’anno scorso.

Il gigante della tecnologia in crescita Agrify si dedica all’estrazione, elaborando con acquisizioni da 50 milioni

Lo specialista di tecnologie di coltivazione Agrify ha acquisito due marchi di attrezzature e servizi per canapa e marijuana per almeno 50 milioni di dollari in contanti e azioni. Agrify ha annunciato lunedì di aver acquistato due società che si sono recentemente fuse per creare Sinclair Scientific: Precision Extraction Solutions, specializzata in “attrezzature per l’estrazione di cannabis e canapa, tecnologia, progettazione di laboratori e pianificazione del sito”. Cascade Sciences, che produce apparecchiature di elaborazione come forni sottovuoto ed evaporatori. Agrify ha affermato che i due marchi hanno lavorato collettivamente con più di 1.000 aziende di marijuana e canapa. Agrify ha affermato che si aspetta che i marchi acquisiti genereranno circa 40 milioni di dollari di entrate nel 2021.L’acquisizione da $ 50 milioni include $ 30 milioni in contanti e $ 20 milioni in azioni Agrify. Il prezzo potrebbe aumentare fino a $ 65 milioni in base alle prestazioni di Cascade e Precision per il 2021.Agrify, con sede a Billerica, nel Massachusetts, produce hardware e software per la coltivazione di cannabis e altre colture. La società è stata quotata in borsa a gennaio e ha raccolto capitale aggiuntivo attraverso un’offerta pubblica sottoscritta a febbraio. Agrify è quotato come AGFY al Nasdaq.

 

Dati tratti da

The Daily Marijuana Observer | Cannabis Investment News and More… (mjobserver.com)

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->