sabato, Settembre 25

Borsa: canapa, continua il tracollo di USA e Canada Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, come nella settimana precedente, chiudono entrambe in caduta quasi totalmente libera. Anche i titoli alquanto “sicuri” e stabili del settore, solitamente nella medietà delle curve borsistiche settimanali, mostrano segni di particolare sofferenza. “Pesa” su tutto questo il clima di incertezza derivante dall’abbandono delle forze militari USA e NATO dall’Afghanistan ma soprattutto perché tutto questo introduce un clima di particolare incertezza sul quadrante dell’Asia Centrale in termini di trasporto, commercializzazione, tratte commerciali via terra e in special modo via mare.

I tre principali titoli sulla Borsa canadese e sui quali conviene investire nel mese di settembre 2021

Planet 13 Holdings Inc.

PLNHF

Jushi Holdings Inc.

Planet 13 Holdings Inc.

Planet 13 Holdings Inc. una società di cannabis, coltiva, produce, distribuisce e commercializza cannabis e prodotti a base di cannabis e prodotti correlati per i mercati di cannabis medica e al dettaglio in Nevada, Stati Uniti. Nelle notizie recenti, la società ha pubblicato i suoi guadagni del secondo trimestre 2021. Durgin questa volta ha generato un fatturato di 32,8 milioni di dollari. Ciò comporta un aumento del 205% rispetto al secondo trimestre del 2020. Inoltre, la società durante il secondo trimestre del 2021 ha avuto un EBITDA rettificato [1] di $ 7,2 milioni.

PLNHF

Negli ultimi 2 mesi di negoziazione il titolo PLNHF ha lavorato su un percorso migliore per recuperare, dall’inizio di luglio il titolo PLNHF è stato scambiato al ribasso con l’eccezione di alcuni rialzi volatili. Gran parte di luglio è stata una perdita nel commercio per l’azienda. Per quanto riguarda il trading ad agosto, la prima settimana e mezza di azioni PLNHF ha iniziato a vedere un po’ di scambi al rialzo prima di scendere ancora una volta. Tuttavia, dalla fine del 27 agosto, il titolo PLNHF ha iniziato a risalire lentamente sul mercato. Quindi, con una nuova settimana di trading qui, è possibile vedere questo titolo di marijuana sostenere la sua posizione di mercato.

Jushi Holdins Inc.

Jushi Holdings Inc. è un’azienda di cannabis integrata verticalmente, impegnata nella coltivazione, lavorazione, vendita al dettaglio e distribuzione di prodotti medici e per adulti. Si concentra sulla costruzione di un portafoglio di beni di cannabis in varie giurisdizioni negli Stati Uniti. Nell’ultimo aggiornamento della società hanno annunciato di aver completato l’acquisizione precedentemente annunciata di Franklin Bioscience OH, LLC.

: AMMJ ($.173)

AMMJ Stock– American Cannabis Company Inc. è una società di consulenza che fornisce un negozio all-in-one per l’imprenditore in erba. Hanno diversi anni di esperienza nell’aiutare le aziende di marijuana a crescere da zero. Oltre alla fase di installazione che le aziende di marijuana attraversano, American Cannabis fornisce anche soluzioni di marketing, branding e personale per i propri clienti. Con il crescente sentimento positivo sulla marijuana negli Stati Uniti, questa azienda si sta posizionando in un settore che continuerà a guadagnare popolarità.

Andamento borsistico aggiornato in data 3 settembre 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 3 settembre 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

L’USDA invierà il primo sondaggio sulla superficie e sulla produzione di canapa a ottobre

I coltivatori di canapa dovrebbero controllare le loro cassette postali in ottobre per il primo sondaggio sulla canapa del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. L’USDA ha annunciato venerdì che il National Agricultural Statistics Service dell’agenzia invierà per posta la sua prima indagine sulla superficie e sulla produzione di canapa alla ricerca di informazioni sulla superficie totale di canapa coltivata e raccolta, nonché sulla resa, la produzione e il valore del raccolto. Il sondaggio, commissionato tramite il Programma di canapa per uso domestico dell’USDA Agricultural Research Service, fornirà dati sull’industria della canapa, incluso il valore della canapa negli Stati Uniti, per assistere produttori, agenzie di regolamentazione, governi statali, trasformatori e membri del settore nel prendere decisioni su il raccolto. I produttori di canapa possono anche completare il sondaggio online utilizzando un codice che si trova sull’etichetta postale del sondaggio, oppure completare e inviare il sondaggio utilizzando una busta di ritorno fornita

 

Sleeper hit: come le vendite di CBN sono diventate un successo a sorpresa nella vendita al dettaglio di marijuana

Mentre il delta-8 THC sta sicuramente rubando i riflettori, il CBN potrebbe essere solo il cannabinoide dormiente dell’estate – gioco di parole. Nell’ultimo anno, le aziende di cannabis hanno sfruttato la reputazione del composto come aiuto per dormire con crescente successo. Conosciuto anche come cannabinolo, il CBN è stato scoperto per la prima volta quasi un secolo fa. In quel periodo, le aziende hanno fatto poco con il CBN, dato il lungo processo di produzione del cannabinoide. Ma questo sta cambiando, grazie allo sviluppo di nuovi metodi di produzione. E la domanda è in aumento. Secondo i dati forniti dalla società di analisi dei dati con sede a Seattle, negli ultimi quattro trimestri le vendite di prodotti contenenti CBN – quasi interamente commestibili, a questo punto – hanno totalizzato oltre $ 65 milioni negli ultimi quattro trimestri per i rivenditori per adulti in California, Colorado, Nevada e Oregon. Headset e FloraWorks, un fornitore dell’Oregon di cannabinoidi derivati ​​dalla canapa come il CBN. Non dovrebbe sorprendere che la California abbia avuto le maggiori entrate dei quattro mercati. I prodotti CBN hanno fornito nello stato 16,1 milioni di dollari di vendite per il secondo trimestre di quest’anno, in crescita del 6,6% rispetto al trimestre precedente e del 120% rispetto al terzo trimestre del 2020.

Preparare la canapa per l’estrazione può fare una grande differenza

Il vecchio adagio di “fire in, fire out” sta spingendo gli estrattori ad assicurarsi che i loro input di cannabis siano gestiti in un modo che dia loro le migliori possibilità di successo. Questo perché l’aumento della concorrenza e il calo dei prezzi all’ingrosso hanno reso l’estrazione della cannabis un gioco dai margini ristretti. Un trasformatore in grado di ottenere prodotti finali di maggior valore utilizzando le stesse macchine e gli stessi solventi supererà la concorrenza di quelli che utilizzano biomassa di qualità inferiore. “Più ricco è l’ingrediente grezzo, maggiori sono le possibilità di ottenere un estratto di alta qualità”, ha affermato Lior Chatow, capo della ricerca e sviluppo per Eybna Technologies, un produttore di terpeni con sede a Long Beach, in California. Ciò rende fondamentale per gli estrattori assicurarsi che la cannabis sia stata correttamente raccolta, essiccata e stagionata prima dell’estrazione. Se una pianta di cannabis si ammuffisce o perde potenza o terpeni durante l’essiccazione e la conservazione, non c’è nulla che un estrattore possa fare per migliorare le cose, ha affermato Deepank Utkhede, COO di VantageHemp, un produttore di cannabinoidi a Greeley, in Colorado. “Se hai materiale che non è stato immagazzinato ed elaborato correttamente, il danno è fatto. Non sarai in grado di invertire ciò”, ha detto.L’importanza di un’adeguata preparazione della cannabis prima dell’estrazione ha spinto alcuni estrattori su larga scala a investire nella preparazione della cannabis stessa. È il caso di Papa+Barkley a Eureka, in California, che produce tinture e topici in tutto lo spettro del THC, alcuni abbastanza bassi per la vendita nazionale e altri per il mercato della marijuana per adulti in California. L’azienda assume lavoratori interinali e li manda a contrarre coltivatori di cannabis per tagliare e preparare la cannabis secondo le specifiche dell’azienda, ha affermato Guy Rocourt, chief product officer di Papa+Barkley.

Ballard Spahr lancia il tracker della legislazione sulla cannabis per identificare le tendenze e le opportunità del settore

Man mano che più stati legalizzano la cannabis in una certa misura, il risultante mosaico di leggi diventa sempre più difficile da navigare per imprenditori, legislatori, giornalisti e consumatori. Il Cannabis Group di Ballard Spahr ha creato il Cannabis Legislation Tracker, una soluzione tecnologica per mantenere aggiornati tutti gli attuali e aspiranti stakeholder in questo mercato multimiliardario. “Il nostro Cannabis Legislation Tracker è uno strumento che aiuta gli utenti a seguire la legislazione che interessa il settore della cannabis”, ha affermato Beth Moskow-Schnoll, capo del Cannabis Group di Ballard Spahr e managing partner dell’ufficio del Delaware dell’azienda. “È una risorsa a disposizione di chiunque sia interessato a questo settore in continua evoluzione”. In consultazione con il Cannabis Group, il Client Value and Innovation Team di Ballard Spahr ha identificato le giurisdizioni chiave e gli argomenti del settore e quindi ha sviluppato un tracker Ballard360 per mostrare sia la legge esistente che la legislazione in sospeso negli Stati Uniti. Il Cannabis LegislationTracker è il primo strumento Ballard360 a concentrarsi su un settore specifico e rappresenta un nuovo modo per gli avvocati e i clienti di Ballard Spahr di collaborare e condividere informazioni. È progettato per essere un riferimento di facile utilizzo per aiutare i clienti a individuare rapidamente i problemi emergenti. “Il Cannabis Legislation Tracker può adattarsi alle mutevoli esigenze dei nostri clienti man mano che questo settore di attività si sviluppa e matura”, ha affermato Melissa Prince, Chief Client Value and Innovation Officer di Ballard Spahr. “Alcuni stati continuano a lottare con la legalizzazione, mentre altri sono passati ad affrontare problemi di etichettatura, marketing e finanziari. Questo strumento aiuterà i nostri avvocati e clienti a valutare dove è diretta ciascuna giurisdizione e a collaborare per intraprendere le azioni appropriate”.

Medtera è una società quotata in Borsa?

Il marchio CBD più venduto Medterra è stato fondato da una manciata di persone con una grande passione per il potere dei prodotti a base di cannabidiolo. Inoltre, Medterra ritiene che il CBD dovrebbe essere disponibile per tutti coloro che ne hanno bisogno a un prezzo accessibile. Attualmente offrendo tinture di olio di CBD, caramelle gommose al CBD, creme e prodotti topici al CBD, integratori di CBD e altro ancora, Medterra offre prodotti di alta qualità per ogni tipo di consumatore, anche cani e gatti. Come risultato della rapida crescita e del successo di Medterra, molti investitori ci hanno chiesto: “Medterraè quotata in borsa?” e “Puoi acquistare azioni in Medterra?” Ci sono centinaia di titoli di marijuana e canapa quotati nei mercati NASDAQ, NYSE, TSX, CSE, OTC e altri mercati, ma sfortunatamente Medterranon è uno di questi, al momento. Dato il successo dell’azienda, non sarebbe sorprendente se Medterra decidesse di IPO o di diventare pubblico tramite fusione inversa. Detto questo, non sarebbe nemmeno uno shock se Medterra venisse acquisita strategicamente da una società molto più grande legata alla cannabis o di integratori/nutraceutici con l’interesse a portare il marchio nel loro ombrello. Chi possiede Medterra? Questa risposta porta molti a chiedersi chi possiede Medterra, se non il pubblico? Secondo il sito web di Medterra, “Medterra CBD, LLC” è l’entità che gestisce l’e-store. I documenti dell’USPTO mostrano che Medterra CBD, LLC è anche il proprietario di più marchi.

 

 

Dati tratti da

The Daily Marijuana Observer | Cannabis Investment News and More… (mjobserver.com)

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->