mercoledì, Giugno 16

Borsa: canapa, chiusura positiva per Canada, negativa per USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, questa settimana chiudono in maniera differente. La Borsa canadese, infatti, chiude in netto positivo e -nonostante la forte aleatorietà delle piazze internazionali- mostra segni ottimistici, viste le premesse. Nel caso USA, invece, l’andamento settimanale è stato sempre alquanto asfittico, la chiusura -in lieve negativo- mostra una certa debolezza ed incapacità di reagire.

Indice Marijuana Canada 246.43

In data 11/6/2021 è

Positivo: +3,41

Costituenti: 13

Cambio: 1,40 %

Prezzo di apertura: 245.13

Volume Totale: 392.22 m

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

3 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 250,36

4 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 237,07

7 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 239,20

8 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 242.31

9 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 251.40

9 giugno 2021 ore 04.00 PM raggiunto 246.47

 

Indice Marijuana Stati Uniti 117.00

In data 11/6/2021

Negativo: -0.82

Costituenti: 28

Cambio: -0.70%

Prezzo di apertura: 118.00

Volume Totale: 13.32 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

3 giugno 2021 ore 10.30 AM raggiunto 119.06

4 giugno 2021 ore 10.30 AM raggiunto 117.53

7 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 117.88

8 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 118.89

9 giugno 2021 ore 10,30 AM raggiunto 117,59

9 giugno 2021 ore 04,00 PM raggiunto 117,00

Andamento borsistico aggiornato in data 11 giugno 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 11 giugno 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Produttore di canapa riceve una sovvenzione dal Governo federale canadese        

Un produttore di canapa fa parte di un gruppo di piccole e medie imprese del Saskatchewan che ha ricevuto finanziamenti dal governo federale canadese. Blue Sky Hemp Ventures, con sede a Saskatoon, ha ricevuto 749.115 dollari canadesi (618.800 dollari) per aggiornare un impianto nel Saskatchewan per la spremitura dell’olio di canapa e la raffinazione del petrolio di CBD, secondo l’annuncio di Western Economic Diversification Canada. Il finanziamento faceva parte di 11,5 milioni di dollari canadesi suddivisi tra 11 progetti selezionati nell’ambito del programma Business Scale-up and Productivity. Il programma ha lo scopo di creare opportunità per le imprese “ad alta crescita” in nuovi mercati. “Si prevede che questi investimenti comporteranno un aumento delle vendite all’esportazione e una crescita dei ricavi aziendali, nonché la creazione di nuovi posti di lavoro”, secondo un comunicato stampa del Governo.

La Dogana accusa una compagnia della canapa dell’Oregon per contrabbando internazionale di droga            

I funzionari doganali federali affermano che l’anno scorso una società di canapa dell’Oregon stava trasportando marijuana, non canapa, in Svizzera e che la biomassa dovrebbe essere distrutta.

L’accusa della US Customs and Border Protection è arrivata lunedì in una causa da We CBD, un produttore di canapa con sede a Sandy, in Oregon.

We CBD sta facendo causa per la restituzione di oltre 3.000 libbre di canapa.

I funzionari federali insistono sul fatto che la società stava potenzialmente commettendo frode durante il tentativo di contrabbandare droga fuori dagli Stati Uniti, perché la maggior parte della spedizione era costituita da marijuana illegale a livello federale e We CBD non ha dichiarato il suo prodotto sul volo di novembre, secondo quanto riportato dalla legge 360.

In una lettera che chiedeva a un tribunale federale della Carolina del Nord di respingere la causa di We CBD, il CBP ha affermato che la maggior parte delle piante testate a caldo, al di sopra del limite di THC legale federale. L’agenzia ha anche presentato un reclamo separato chiedendo al tribunale di incamerare le restanti 550 libbre della spedizione che sono state testate entro i limiti legali di THC come canapa.

Il materiale testato a caldo è stato sequestrato e distrutto a marzo. Ma le restanti piante di canapa sono ancora in possesso dei pubblici ministeri e la società le vuole indietro.

Nella sua causa, We CBD ha accusato la dogana di aver portato il materiale “in un manto di segretezza e ombra”, anche se il corriere ha portato documenti dalle autorità dell’Oregon che mostrano che il materiale vegetale è stato coltivato legalmente e destinato all’esportazione legale.

Ma la dogana ha sostenuto che We CBD ha caricato il suo jet noleggiato con 93 borsoni e sacchi della spazzatura pieni di piante di cannabis e ha presentato documenti che l’aereo trasportava solo membri dell’equipaggio e nessun carico.

L’agenzia ha detto che c’erano membri di We CBD presenti sull’aereo quando gli agenti federali hanno esaminato e testato la spedizione quando l’aereo è atterrato a Charlotte, nella Carolina del Nord, in rotta verso la Svizzera, e che l’agenzia ha comunicato con la compagnia in merito al sequestro della spedizione e ha offerto la sua canapa parte indietro a condizione che accetti di non citare in giudizio per il sequestro della spedizione.

La National Football League e la NFL Player Association forniranno un milione di dollari per la ricerca sulla gestione del dolore con cannabinoidi           

Il comitato per la gestione del dolore della National Football League e la NFL Players Association hanno annunciato martedì che forniranno $ 1 milione per finanziare fino a cinque borse di ricerca sulla gestione del dolore e sui cannabinoidi. Le sovvenzioni dovrebbero essere assegnate a novembre. L’interesse per l’uso dei cannabinoidi, compresa la marijuana medica, supera le prove disponibili, secondo il dott. Kevin Hill, copresidente del comitato per la gestione del dolore della NFL e direttore della psichiatria delle dipendenze presso il Beth Israel Deaconess Medical Center, un ospedale universitario della Harvard Medical School di Boston. Hill, che ha scritto “Marijuana: la verità imparziale sull’erba più popolare al mondo”, ha affermato che il comitato ha ascoltato risultati contrastanti sull’uso della cannabis per curare il dolore e che la marijuana medica e il CBD possono essere rischiosi, citando la ricerca sulla tossicità epatica. Ha affermato che la lega ha bisogno di “migliori informazioni, migliore scienza” per garantire che l’uso del CBD per trattare il dolore negli atleti d’élite sia sicuro ed efficace. L’ufficiale medico capo della lega, il dottor Allen Sills, ha affermato che attraverso la sua ricerca finanziata, la NFL spera di capire come l’uso del CBD e della marijuana medica per trattare il dolore influenzerà le prestazioni degli atleti d’élite.L’annuncio delle sovvenzioni finanziate dalla NFL arriva quattro mesi dopo che la lega ha richiesto la ricerca del settore sul CBD e altri cannabinoidi per la gestione del dolore, ma ha affermato che non avrebbe pagato per le informazioni. La NFL ha aggiornato la sua politica lo scorso autunno per scoraggiare gli atleti dall’approvare prodotti che contengono CBD o altri cannabinoidi.

La Creso Pharma estende il contenuto dell’accordo di distribuzione dei propri prodotti in varie Nazioni    

L’australiana Creso Pharma Limited (ASX:CPH) ha annunciato la scorsa settimana l’espansione di un accordo di distribuzione che vedrà i suoi prodotti disponibili in Ecuador. Nel febbraio di quest’anno, Creso Pharma ha siglato un accordo con Route2 Pharm Pvt Ltd, con sede in Pakistan, che prevede la distribuzione di cannaQIX e cannaDOL derivati ​​dalla canapa di Creso in Pakistan, Afghanistan, Azerbaigian, Bangladesh, Cambogia, Georgia, Maldive, Myanmar, Filippine, Tagikistan , Turkmenistan, Uzbekistan e Vietnam. Entrambe le linee di prodotti contengono cannabidiolo (CBD), con cannaQIXcostituito da prodotti ingeribili (tè e pastiglie) e cannaDOL un gel topico per la cura della pelle. L’Ecuador è ora incluso nell’accordo ampliato recentemente annunciato, che fornisce a Creso Pharma l’accesso al mercato del CBD latinoamericano che sta crescendo rapidamente.

 

Uno studio scientifico per verificare il potenziale di CBD e CBN per migliorare la cura del sonno    

Charlotte’s Web Holdings sta collaborando con l’Università del Colorado-Boulder per indagare sul supporto del sonno migliorato con due cannabinoidi. Molte persone avrebbero familiarità con il cannabinoide CBD (cannabidiolo) in questi giorni, ma è solo uno dei tanti cannabinoidi presenti nella cannabis. Un altro è il CBN – cannabinolo, che si trova solo in tracce nella pianta. Charlotte’s Web afferma che mentre ci sono alcune prove aneddotiche per il CBN a sostegno di un sonno migliore, ci sono poche prove cliniche o precliniche comprovate a sostegno di queste affermazioni. La divisione CW Labs di Charlotte Web sta collaborando con il Centro REACH (Research and Education Addressing Cannabis and Health) dell’Università del Colorado-Boulder per studiare le formulazioni di canapa a spettro completo dell’azienda con CBN (cannabinolo) e CBD (cannabidiolo) per esaminare l’impatto su ansia e sonno qualità. Queste formulazioni contengono meno dello 0,3% di THC.

 

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->