giovedì, Gennaio 27

Borsa: canapa, Canada e USA volgono al rosso Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, chiudono questa settimana col segno negativo. Rispetto ai primi giorni dell’anno, caratterizzati da debole positivo, questa settimana si chiude con lieve rosso. Tutto ciò conferma un estremo livello di volatilità sulle piazze internazionali. Per avere dei raffronti nel settore parallelo della cannabis, si constata che l’indice generale Global Cannabis Stock Index chiude a 32.58, -0,42 (-1,27%). L’American Cannabis Operator Index chiude a 42,09, -0,09 (-0,21%). L’Ancillaris Cannabis Index chiude a 61,47, -0,60 (-0,97%). Il Canadian Cannabis LP Index chiude a 198.15, -1,06 (-0,53%).

Gli aggiornamenti del settore canapa/cannabis e le azioni da seguire con maggior attenzione nel mese di gennaio 2022

Quando si tratta di investire in azioni di marijuana, ci sono diverse cose da considerare. Innanzitutto, bisogna capire come si comporta il settore. Ciò significa che la maggior parte delle azioni di marijuana viene scambiata con un certo livello di volatilità. Ciò significa che con il nostro avvertimento, ad esempio, la stessa rapidità con cui un’azione può salire è veloce quanto può diminuire. Che è stato mostrato in modo aggressivo per gran parte del 2021. Un’altra cosa che si dovrà fare è imparare a fare trading e investire anche se si ha solo una conoscenza di base.

Sapere come fare trading darà un punto di partenza migliore quando arriva il momento di farlo. Ora il prossimo passo dovrebbe essere quello di creare una lista di titoli azionari di cannabis. Costruendo un piccolo elenco di aziende da tenere d’occhio, puoi quindi avviare la tua due diligence. Una volta che hai la tua lista, dovresti iniziare a ricercare e imparare tutto ciò che puoi su ogni stock di marijuana. Vuoi sapere cosa sta facendo l’azienda, come appaiono i loro dati finanziari e la storia commerciale passata. Usarlo come punto di partenza per conoscere ogni possibile azione di cannabis da acquistare aiuterà a mitigare il rischio. Inoltre, si dovrebbero anche conoscere i diversi tipi di aziende di cannabis. Ad esempio, meglio avere una scorta di marijuana pura.

Le azioni di cannabis Pure Play sono società che lavorano direttamente con la pianta di cannabis. Inoltre, hai operatori multistatali o meglio conosciuti come azioni di marijuana MSO. Il vantaggio di MSO è che nella maggior parte dei casi hanno la capacità di lavorare in altri mercati legali. E nel futuro prossimo potrebbero essere considerate scorte ausiliarie di marijuana. Le aziende ausiliarie di cannabis il più delle volte offrono un prodotto o un servizio che non è destinato solo a un tipo di industria. Ancillary e MSO presentano anche la minor quantità di preoccupazione all’interno di un settore che presenta molti rischi. Il motivo è che esiste più di uno sbocco affinché questi tipi di attività rimangano redditizie.

Azioni Di Marijuana E Investire Nel Futuro

Ora che abbiamo esaminato i modi per investire in azioni di marijuana, il 2022 arriva con la sua giusta dose di preoccupazione e ottimismo. Ciò è dovuto principalmente all’andamento negativo del settore nel 2021. Oltre a tutti i progressi avvenuti al di fuori del mercato, alcuni vedono questo nuovo anno con speranza. L’industria della cannabis nel suo insieme sta crescendo e prosperando giorno dopo giorno. È inevitabile che un giorno arriverà presto la fine del proibizionismo sulla cannabis. Eppure in questo momento, più stati stanno cercando di diventare legali nel 2022. Quindi, con solo le basi su come investire e scambiare le migliori azioni di marijuana, il 2022 potrebbe essere un momento migliore per alcuni. Le seguenti società di cannabis sono diverse azioni di marijuana che hanno catturato l’attenzione degli investitori.

Titoli da seguire con attenzione nel 2022

1. Fire & Flower Holdings Corp. (OTC:FFLWF)
2. 4Front Ventures Corp. (OTC:FFNTF)
3. Planet 13 Holdings Inc. (OTC:PLNHF)

Fire & Flower Holdings Corp.

Fire & Flower Holdings Corp. attraverso la sua controllata, Fire & Flower Inc., opera come rivenditore indipendente. Un’azienda che offre prodotti e accessori a base di cannabis. Ciò avviene attraverso i suoi punti vendita situati nelle province di Alberta, Saskatchewan, Manitoba, Ontario e Yukon. Si occupa anche della vendita all’ingrosso di prodotti e accessori a base di cannabis regolamentati nel Saskatchewan. Inoltre gestisce la vendita al dettaglio digitale Hifyre e l’analisi della piattaforma di e-commerce di cannabis regolamentata.

Negli ultimi guadagni dell’azienda, Fire & Flower ha prodotto risultati solidi. L’azienda ha visto il suo fatturato trimestrale aumentare del 37% anno su anno a 45,4 milioni di dollari. Inoltre, la società ha anche registrato il suo sesto trimestre consecutivo di EBITDA rettificato positivo di $ 2,1 milioni. Ciò viene confrontato con l’EBITDA rettificato positivo di $ 2,0 milioni per il terzo trimestre del 2020. Da questo progresso, altri si sono interessati di più. In particolare con l’eventuale investimento in questo titolo di marijuana di punta. Quindi, poiché il 2022 sta appena iniziando, c’è ancora molto da vedere.

4Front Ventures Corp.

4Front Ventures Corp. possiede e gestisce impianti di cannabis con licenza nei mercati con licenza statale negli Stati Uniti. L’azienda opera in due segmenti, THC Cannabis e CBD Wellness. Produce e vende cannabis e CBD. Nel 2021, come molte altre azioni di cannabis, le azioni FFNTF non hanno registrato troppi scambi al rialzo. Tuttavia, al di fuori del mercato, l’azienda ha lavorato molto in preparazione per il 2022. Alcuni dei quali sono stati avviati attraverso acquisizioni di diverse società.

Oltre ad apportare aggiornamenti al suo gruppo dirigente. Già a metà novembre, l’azienda è stata in grado di mostrare forti guadagni. Durante il terzo trimestre del 2021 la società ha visto il suo EBITDA rettificato aumentato del 103% a 7,5 milioni di dollari. Questa cifra viene confrontata con 3,7 milioni di dollari nel terzo trimestre 2020, che rappresenta un margine EBITDA rettificato del 23%. Con questi progressi e il continuo successo, il 2022 potrebbe essere un buon anno per questo stock di marijuana.

Planet 13 Holdings Inc.

Planet 13 Holdings Inc. una società integrata di cannabis, coltiva, produce, distribuisce cannabis. E commercializza cannabis e prodotti a base di cannabis per i mercati della cannabis medica e al dettaglio in Nevada, negli Stati Uniti. Gestisce anche dispensari. La società anche nel 2021 è stata in grado di mostrare solidi guadagni. Nel terzo trimestre del 2021 le entrate dell’azienda hanno raggiunto i 33,0 milioni di dollari.

Si tratta di un aumento del 45 percento rispetto al terzo trimestre del 2020. Inoltre, l’azienda nell’ultimo anno è stata in grado di espandersi ulteriormente. Queste espansioni sono avvenute aprendo nuovi negozi e aggiungendo nuovi prodotti da vendere. Poiché la società continua a mostrare più successo, le azioni PLNHF potrebbero favorire il suo trading al rialzo. Con più progressi, la società è sotto l’ombrello delle migliori azioni di marijuana da tenere d’occhio.

Dati tratti da https://www.marijuanastocks.com

Andamento borsistico aggiornato in data 14 gennaio 2022

Uno sguardo contestualizzato alla data del 14 gennaio 2022. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Curaleaf risolve dieci cause intentate per etichettatura errata su tinture infuse di CBD

La Curaleaf Holdings, con sede nel Massachusetts, ha risolto 10 cause intentate dopo che una sussidiaria dell’Oregon ha venduto erroneamente tinture infuse di THC etichettate come contenenti solo CBD non inebriante. Secondo Willamette Week, l’operatore multistatale ha pagato $ 50.000 per risolvere una delle cause intentate dai consumatori che hanno acquistato le tinture. I termini degli altri nove accordi non sono stati divulgati e la società deve ancora affrontare tre cause attive per le “gocce per il benessere” etichettate erroneamente. Le tinture che hanno portato alla tempesta di fuoco legale sono state prodotte ed etichettate da Cura Cannabis, una società di Portland, Oregon, di proprietà di Curaleaf e che gestisce il marchio di marijuana Select. Il problema dell’etichettatura errata è emerso per la prima volta a settembre e i consumatori hanno immediatamente iniziato a intentare causa contro Cura e Curaleaf. Tra le cause non ancora risolte figurava almeno una richiesta di morte illecita. Il cliente che ha risolto la sua causa con Curaleaf, Ayuba Agbonkhese, servirà come testimone nei prossimi casi che coinvolgono le tinture, ha detto il suo avvocato a Willamette Week, anche nel caso di omicidio colposo. Quei casi potrebbero essere ascoltati in tribunale quest’estate o in autunno, ha riferito l’outlet.

L’USDA approva piani di produzione canapa per Oregon e Connecticut

Le autorità di regolamentazione dell’agricoltura federale hanno dato il via libera ai piani di produzione di canapa sia per l’Oregon che per il Connecticut, consentendo loro di andare avanti con la regolamentazione della canapa e la registrazione dei produttori per la stagione 2022. La produzione di canapa negli Stati Uniti deve ora essere conforme alle normative finali sviluppate per il programma di produzione di canapa domestica del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti nell’ambito del Farm Bill 2018. I produttori di canapa registrati in quegli stati devono presentare nuovamente domanda nell’ambito del nuovo programma per produrre canapa quest’anno. Alcuni cambiamenti chiave ai sensi delle regole federali ai programmi di canapa di entrambi gli stati includevano requisiti per i partecipanti a: • Presentare una storia criminale. • Segnalare l’ubicazione e la superficie coltivata a canapa. • Raccogliere campioni di canapa per i test 30 giorni prima del raccolto. • Registrati presso la Farm Service Agency dell’USDA. Il Dipartimento dell’agricoltura dell’Oregon, che ha regolato il suo programma di canapa nell’ambito del programma di ricerca pilota di Farm Bill del 2014, non ha segnalato la sua superficie o il numero di produttori autorizzati a Hemp Industry Daily, sebbene lo stato sia stato uno dei primi leader nella produzione di canapa sin dal programma pilota è stato creato. A settembre, è stato scoperto che più di 100 produttori di canapa autorizzati nella regione coltivavano marijuana illegalmente, secondo la Oregon Liquor and Cannabis Commission, le autorità di regolamentazione della marijuana dello stato, che hanno iniziato ad ispezionare le coltivazioni di canapa ad agosto per sradicare i coltivatori illegali di cannabis. In confronto, il Connecticut è il terzo stato più piccolo con pochi terreni agricoli e nel 2021 ha concesso in licenza 98 produttori che hanno piantato 85 acri all’aperto e circa 10 acri di produzione indoor. Tuttavia, il dipartimento agricolo statale del Connecticut, che ha anche condotto la sua stagione di produzione di canapa 2021 nell’ambito del programma pilota 2014, trova utile mantenere il programma statale.

CV Sciences fissa un nuovo accordo per la distribuzione con la GNC di Pittsburgh

Il produttore di CBD della California CV Sciences ha aggiunto 770 nuovi negozi a livello nazionale alla sua rete di distribuzione dopo aver firmato un nuovo accordo con GNC, un rivenditore di salute e benessere con sede a Pittsburgh. A partire dall’inizio di quest’anno, i consumatori potranno acquistare i prodotti ingeribili a marchio +PlusCBD di CV Sciences nei negozi GNC in tutto il Paese. L’assortimento iniziale di prodotti disponibile nei negozi GNC comprende caramelle gommose, softgel e tinture extra forti, insieme a caramelle gommose per dormire e calmanti. Il CEO di CV Sciences, Joseph Dowling, ha affermato che la società considera la sua nuova partnership con GNC “una pietra miliare importante” nella sua strategia di espansione della distribuzione.”Questo accordo è anche un riflesso positivo dello slancio normativo favorevole che sta iniziando a svilupparsi in seguito al recente passaggio dell’AB 45 in California, che dovrebbe fungere da quadro per una legislazione responsabile sulla CBD in altri stati e, infine, a livello federale”, Dowling detto in una dichiarazione.CV Sciences, che opera sui mercati da banco con il simbolo CVSI, ha avviato la distribuzione anticipata dei suoi prodotti nei principali rivenditori nel 2019, tra cui Kroger Co. e CVS Pharmacy, e da allora ha continuato ad espandersi ad altre catene come Harris Teeter e The Vitamin Shoppe.

Il produttore di birra AB InBev e Tilray concludono la loro partnership per la produzione di bevande a base di CBD

Il principale produttore mondiale di birra, AB InBev, e il principale produttore canadese di cannabis per quota di mercato, Tilray, hanno concluso la loro partnership per la produzione di bevande a base di CBD e THC.

La joint venture, Fluent Beverage Co., continuerà come filiale di Labatt Breweries of Canada, una delle filiali canadesi di AB InBev, ha affermato Tamar Nersesian, direttore delle comunicazioni per Labatt Breweries of Canada. Tilray fungerà da partner di co-produzione di Fluent. Fluent ora si concentrerà sulle bevande analcoliche al CBD in Canada, ha detto Nersesian a Hemp Industry Daily. “Non ci aspettiamo che questi cambiamenti abbiano un impatto significativo sulle operazioni quotidiane di Fluent poiché rimane concentrata sulla commercializzazione di bevande analcoliche a base di CBD in Canada”, ha affermato Nersesian via e-mail. La notizia è stata riportata per la prima volta dalla pubblicazione di settore Just Drinks e confermata lunedì in un deposito normativo. AB InBev e Tilray hanno annunciato per la prima volta la partnership alla fine del 2018, poco dopo che il Canada ha legalizzato la cannabis per uso adulto. Tilray non ha risposto immediatamente alle domande di Hemp Industry Daily.Al momento dell’annuncio dell’accordo, il produttore di Budweiser AB InBev e Tilray si sono impegnati a investire 50 milioni di dollari (63,4 milioni di dollari canadesi) in Fluent Beverage Co. Ogni società aveva una quota di proprietà del 50%.Alla fine di InBev, la joint venture era stata guidata da Labat Breweries e High Park Co., con sede a Toronto, una sussidiaria di Tilray che sviluppava e distribuiva prodotti a base di cannabis. La partnership è stata costituita prima che Tilray si fondesse con Aphria.

I ricercatori del settore canapa del Texas lavorano per eliminare variabili genetiche instabili

I ricercatori della canapa del Texas stanno lavorando per eliminare alcune delle variabili della genetica incoerente e instabile della canapa sul mercato sviluppando caratteristiche fenotipiche e caratteristiche ottimali per prevenire le piante che superano la soglia legale federale di THC dello 0,3%. Una partnership tra Texas A&M AgriLife Research e Growing Together Research Inc., un’azienda di biotecnologie con sede nell’Indiana focalizzata sulla genomica computazionale e sulla bioingegneria della canapa, mira a fornire una genetica di canapa stabile in qualsiasi ambiente.La partnership, iniziata nell’agosto 2020, ha prodotto una svolta dimostrando la trasformazione e la rigenerazione stabili di successo di una cultivar di canapa industriale, secondo Michael Thomsen, un allevatore di piante di AgriLife Research e leader del progetto. “Insieme stiamo sviluppando una linea di canapa che essenzialmente produrrà zero delta-9 THC e quindi garantirà livelli di THC inferiori allo 0,3% in qualsiasi ambiente di coltivazione”, ha affermato Thomsen in una nota. La canapa ha un basso tasso di rigenerazione dei germogli, il che rende difficile eseguire una trasformazione genetica stabile, secondo Marco e Mayra Molina, un team di ricercatori di piante della Texas A&M University che lavorano per sviluppare e testare protocolli per la trasformazione della canapa e caratterizzare la progenie trasformata.

 

Dati tratti da

The Daily Marijuana Observer | Cannabis Investment News and More… (mjobserver.com)

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->