venerdì, Maggio 20

Borsa: canapa, Canada e USA sprofondano in rosso Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, mostrano In entrambi i casi la prosecuzione di una curva negativa che -in generale- caratterizza tutto il periodo successivo all’invasione russa dell’Ucraina. Qualche timido segnale di miglioramento s’è fatto registrare la settimana scorsa ma si tratta di segni che confermano solo una grande volatilità in tutte le piazze borsistiche mondiali. Per avere dei raffronti nel settore parallelo della cannabis, si constata che l’indice generale Global Cannabis Stock Index chiude a 22.30, -0,78 (-3,38%). L’American Cannabis Operator Index chiude a 30,74, -1,60 (-4,95%). L’Ancillaris Cannabis Index chiude a 40,67, -0,63 (-1,53%). Il Canadian Cannabis LP Index chiude a 138.13, -0,85 (-0,61%)

I migliori titoli di marijuana per la watchlist di aprile

Marijuana Stocks sta ancora vedendo un grande pullback, tuttavia questo potrebbe cambiare nel prossimo futuro. L’ignoto e la paura di ciò che può o non può accadere stanno affliggendo gli investitori. Sì, al momento è un momento opportuno per trovare i migliori titoli di marijuana da comprare. Eppure c’è stato pochissimo trading al rialzo che può portare a grandi guadagni. Ora, qualsiasi ritorno è meglio del pareggio o di nessun ritorno. Ma ancora coloro che hanno investito in azioni di marijuana sono bloccati in attesa che le cose si riprendano.

Vediamo quindi cosa può aiutare il settore a ottenere più slancio. Il primo è la lotta per far passare la riforma federale della cannabis. Questa è diventata una parte così intricata del settore che gli investitori non hanno usato altri mezzi per scambiare azioni di marijuana. Ciò significa che al di fuori del mercato l’industria della cannabis sta mostrando solide quantità di crescita e successo. Tuttavia, questo successo non ha avuto una risonanza positiva per i titoli di marijuana nell’ultimo anno o giù di lì.

Con gli investitori che non si concentrano sul trading dei fondamentali, alcuni catalizzatori che potrebbero essere positivi per i titoli di marijuana vengono trascurati. Tutto questo si ricollega all’attesa di una legislazione che metta fine alla proibizione della cannabis negli Stati Uniti. Storicamente le notizie positive sull’argomento hanno aiutato i titoli di marijuana a raggiungere livelli di mercato migliori. Ma una volta che emergono notizie su problemi o intoppi, si creano sentimenti di incertezza e portano a un calo del trading.

Gli investitori in azioni di marijuana si stanno concentrando sul futuro del settore della cannabis

Tuttavia, quelli con ottimismo sul futuro stanno comprando i cali e mantenendo le loro posizioni. Il tutto mentre capitalizzano su qualsiasi rapido schiocco volatile nel trading. È tutta una questione di tempismo, pazienza ed esecuzione, specialmente nell’imprevedibile settore del commercio degli stock di marijuana. Se state cercando di investire in azioni di cannabis fate attenzione al settore. Oltre a educare te stesso sulle aziende, si sente sono buoni investimenti. Una corretta due diligence può molti da fare l’investimento sbagliato. Le aziende qui sotto sono alcune opzioni da considerare quando si cerca la migliore marijuana

Le migliori azioni di marijuana da seguire ora nel mese di aprile 2022

Verano Holdings Corp. (OTC:VRNOF)

Cresco Labs Inc. (OTC:CRLBF)

Ascend Wellness Holdings, Inc. (OTC:AAWH)

Verano Holdings Corp. 

Verano Holdings Corp. opera come un operatore di cannabis multistato verticalmente integrato negli Stati Uniti. Si impegna nella coltivazione, lavorazione e licenza di vendita al dettaglio della cannabis in tutti gli Stati Uniti. Il 15 aprile la compagnia ha annunciato di aver iniziato la vendita di cannabis legale nel suo dispensario Zen Leaf nel New Jersey. Verano è l’unica compagnia di cannabis attualmente autorizzata a iniziare le vendite per uso personale nella regione centrale del New Jersey. Essendo l’azienda uno dei pochi rivenditori di cannabis nella regione, questo avrà una buona risonanza con le azioni VRNOF.

Nell’ultimo mese di trading le azioni VRNOF, come molti altri titoli di marijuana, sono scese. Ma con più successo al di fuori del mercato, forse gli investitori vedranno il progresso come un mezzo per commerciare. Come la maggior parte dei titoli di marijuana quando sono in declino ci sono momenti di rialzi e le azioni VRNOF non sono state diverse. Tuttavia, con un nuovo mese che sta per iniziare, forse questo titolo di marijuana da tenere d’occhio inizierà a prendere slancio.

Cresco Labs Inc.

Cresco Labs Inc. insieme alle sue filiali coltiva, produce e vende prodotti di cannabis medica e al dettaglio negli Stati Uniti. Nelle ultime settimane le azioni CRLBF hanno avuto problemi di slancio. All’inizio di aprile le azioni CRLBF avevano una buona posizione sul mercato. Tuttavia, l’azienda non è stata in grado di sostenere questa posizione al rialzo e alla fine le azioni CRLBF sono scese.

Laboratori Cresco

Questo declino iniziale per dare il via ad aprile è stato significativo e ha creato più preoccupazione per alcuni investitori. Per tutto il mese del suo declino, piccoli picchi volatili si sono verificati per questo stock di marijuana. Tuttavia, la società non è stata ancora in grado di tornare al livello in cui si trovava all’inizio del mese. Attualmente le azioni CRLBF sono in calo, ma con maggio dietro l’angolo, c’è il potenziale per vedere un recupero per queste azioni di marijuana.

Ascend Wellness Holdings, Inc

Ascend Wellness Holdings, Inc. è impegnata nella coltivazione, produzione e distribuzione di beni di consumo a base di cannabis. Le sue categorie di prodotti a base di cannabis includono fiori, pre-roll, concentrati, vape, commestibili e altri prodotti legati alla cannabis. Al 31 dicembre 2021, l’azienda gestiva 20 punti vendita. Il giorno dopo il 20 aprile l’azienda ha annunciato l’inizio delle vendite di cannabis ricreativa nel loro dispensario Ascend a Rochelle Park, New Jersey.

Questo annuncio segue la recente approvazione di AWH da parte della Commissione di regolamentazione della cannabis del New Jersey. Che è ora una delle sette licenze per rivenditori di Classe 5 ora autorizzate a vendere cannabis ricreativa ai consumatori nel New Jersey.

Negli ultimi scambi, le azioni AAWH hanno iniziato a vedere una ripresa degli scambi. Tuttavia, all’inizio di aprile le azioni AAWH non sono state in grado di mantenere la loro posizione e hanno iniziato a scendere. Tuttavia, a partire da quest’ultima settimana, le azioni di marijuana sono in rialzo. Speriamo che le azioni AAWH possano continuare il loro recupero per chiudere il mese.

Dati tratti da https://www.marijuanastocks.com

Andamento borsistico aggiornato in data 29 aprile 2022

Uno sguardo contestualizzato alla data del 29 aprile 2022. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Il rivenditore canadese di cannabis Choom ha ottenuto la protezione dei creditori

Il rivenditore canadese di cannabis in difficoltà Choom Holdings e le sue filiali hanno ricevuto un ordine di protezione dei creditori dalla Corte Suprema della British Columbia.

In un documento del tribunale, Choom ha detto che il suo business ha sofferto delle misure di blocco di emergenza che i governi di tutto il Canada hanno adottato per combattere la diffusione del COVID-19.

Choom ha anche detto che le sue vendite sono diminuite nel corso dell’ultimo anno a causa della concorrenza nel settore della vendita al dettaglio, nonché “la perdita dei principali rivenditori di prezzi in Alberta”.

Al 31 dicembre 2021, le passività ammontavano a 22,4 milioni di dollari canadesi (17,8 milioni di dollari).

Il deposito del tribunale ha detto che più della metà dei negozi al dettaglio in affitto dell’azienda ha generato costi superiori alle entrate. Tre sedi avevano chiuso in Alberta nel marzo 2020 a causa della pandemia di COVID-19 e non sono mai state riaperte.

Al 1° marzo 2022, Choom aveva 12 negozi in funzione in Alberta, due in British Columbia e tre in Ontario, con licenze in mano o in sospeso per altri sei punti vendita.

Choom ha riportato una perdita netta di CA$5.8 milioni per il suo trimestre terminato il 31 dicembre 2021, su vendite di CA$4.2 milioni.

Secondo un comunicato stampa, Choom e le sue filiali stanno cercando la protezione dei creditori per condurre una vendita e un processo di sollecitazione degli investimenti (SISP) e facilitare una transazione che permetta loro di affrontare i loro problemi di liquidità e stabilizzare le operazioni.

Choom intende operare il suo business durante i procedimenti del Companies’ Creditors Arrangement Act (CCAA) e mentre conduce il SISP.

Come parte dell’ordine del tribunale, Choom e le sue filiali sono state autorizzate a stipulare un term sheet di finanziamento provvisorio con Aurora Cannabis, che ha accettato di anticipare 800.000 dollari per finanziare le operazioni in corso di Choom e le procedure CCAA.

Choom ha un debito garantito di CA$6 milioni verso Aurora.

L’8 luglio 2021, Choom ha completato una ristrutturazione del debito in cui Aurora ha accettato di estinguere il capitale di CA$20 milioni e gli interessi maturati per circa CA$2.2 milioni.

In cambio, Choom ha emesso ad Aurora un’obbligazione convertibile del valore di CA$6 milioni e con scadenza 23 dicembre 2024.

L’azienda tecnologica di marijuana Lucid Green raccoglie 10 milioni di dollari di capitale

Lucid Green, con sede a New York, che fornisce una piattaforma high-tech di gestione dell’inventario per l’industria della marijuana, ha raccolto 10 milioni di dollari di capitale per un’ulteriore crescita.

Gron Ventures ha guidato il round di finanziamento, con la partecipazione di Gotham Green Partners. Entrambe le società hanno sede in California.

La tecnologia di Lucid Green utilizza i codici QR per aumentare l’efficienza della supply-chain per i marchi di cannabis, i distributori e i rivenditori.

La piattaforma permette alle aziende di aggiungere informazioni su un prodotto attraverso il suo ciclo di vita, piuttosto che ricorrere all’etichettatura tradizionale.

Lucid Green, che è stata fondata nel 2018, ha anche un’applicazione attraverso la quale i consumatori possono riscattare prodotti gratuiti come parte dei programmi aziendali di fedeltà al marchio.

“Le inefficienze e i metodi obsoleti nella catena di approvvigionamento stanno trattenendo l’industria della cannabis dal raggiungere il suo pieno potenziale”, ha detto Wilder Ramsey, managing partner di Gron Ventures, in un comunicato stampa.

Ramsey ha detto che Gron Ventures ha investito in Lucid Green “perché la potenza e la promessa della loro tecnologia e delle loro soluzioni possono far risparmiare a tutte le parti interessate tempo e denaro, aumentando nel contempo l’educazione e la fiducia tra i consumatori”.

Il rivenditore di cannabis Fire & Flower registra un calo delle entrate e cita la concorrenza

La catena di vendita al dettaglio di cannabis Fire & Flower Holdings, con sede a Toronto, ha riportato un calo sequenziale delle entrate al dettaglio per il quarto trimestre del suo anno fiscale, citando una maggiore concorrenza al dettaglio.

Le entrate per il trimestre terminato il 29 gennaio sono state di 42.7 milioni di dollari canadesi (33.3 milioni di dollari), in calo del 6% rispetto al trimestre precedente e dell’1.2% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

L’azienda ha attribuito il suo calo delle entrate trimestre su trimestre “alla crescente concorrenza delle nuove licenze (al dettaglio) emesse e alle pressioni sui prezzi nel mercato al dettaglio”.

La catena di vendita al dettaglio focalizzata sulla tecnologia ha riportato un fatturato annuo di CA$175.5 milioni, in crescita del 37% rispetto all’anno fiscale precedente.

La perdita netta trimestrale di Fire & Flower è stata di CA$19.5 milioni, con una perdita netta annuale di CA$63.6 milioni.

La compagnia ha aperto 32 negozi durante l’anno fiscale, con 105 sedi operative alla fine di gennaio.

Fire & Flower ha anche acquisito il servizio canadese di consegna di cannabis Pineapple Express e i siti web di marijuana PotGuidee Wikileaf.

Più di 420.000 canadesi sono iscritti al programma di fedeltà di Fire & Flower, ha detto la compagnia in una presentazione agli investitori.

Il principale investitore di Fire & Flower, Alimentation Couche-Tard, ha recentemente annunciato piani per aumentare la sua partecipazione nel rivenditore al 35%.

Le azioni di Fire & Flower sono scambiate alla Borsa di Toronto come FAF, e il rivenditore prevede di quotare le sue azioni al Nasdaq.

Cresco cerca 38 milioni di dollari in agevolazioni fiscali per il sito di produzione di marijuana di New York

L’operatore multistatale Cresco Labs sta inseguendo agevolazioni fiscali per un valore di 38 milioni di dollari per il suo sito di produzione e fabbricazione di marijuana pianificato nella contea di Ulster, New York, secondo i media locali.

L’Ulster County Industrial Development Agency (UCIDA) ha accettato la domanda di Cresco con sede a Chicago per gli incentivi finanziari in una riunione del 20 aprile, ha riferito il MidHudson News.

Le agevolazioni fiscali includono 28 milioni di dollari in sgravi fiscali sulla proprietà in 15 anni, così come 10 milioni di dollari in sgravi sulle tasse di vendita per i materiali da costruzione, ha riferito il Middletown Times Herald-Record.

La Cresco, che secondo quanto riferito prevede di iniziare la costruzione a luglio, ha detto che la struttura creerà 375 posti di lavoro permanenti.

Ad altre compagnie di cannabis sono state concesse agevolazioni fiscali relative a strutture nell’adiacente Orange County, secondo l’Herald-Record.

L’esecutivo della contea di Ulster, Pat Ryan, sostiene le agevolazioni fiscali, ha osservato l’Herald-Record.

New York ha rilasciato la prima serie di licenze di coltivazione di marijuana ricreativa in vista del lancio del mercato dell’uso per adulti previsto quest’anno.

Cresco sta perseguendo una fusione da 2 miliardi di dollari con la società di marijuana di New York Columbia Care.

Una banca della Carolina del Nord offrirà servizi finanziari alle società di cannabis

Una banca di Raleigh, North Carolina, ha lanciato un programma bancario dedicato alle aziende di marijuana e CBD.

Secondo il Winston-Salem Journal, la West Town Bank & Trust ha creato un team bancario per la cannabis composto da sette professionisti dei servizi finanziari e spera che il programma possa interessare le aziende di tutto il paese.

La banca ha detto di aver sviluppato un programma bancario sulla canapa dopo il Farm Bill federale del 2018.

West Town si unisce ad altre banche negli Stati Uniti che stanno sempre più abbracciando l’industria, compresi un paio di esempi recenti in Massachusetts.

Le aziende di cannabis continuano a spingere per una riforma bancaria e stanno esortando i membri del Congresso degli Stati Uniti ad approvare una legislazione che consentirebbe alle istituzioni finanziarie di servire le imprese legate alla cannabis senza temere una punizione federale.

La segretaria del Tesoro Janet Yellen ha anche recentemente criticato l’inazione del Congresso sulla riforma bancaria della marijuana.

La maggior parte delle imprese di marijuana operano ancora solo in contanti, il che le mette a rischio di attività criminali come le rapine a mano armata.

 

 

Dati tratti da

The Daily Marijuana Observer | Cannabis Investment News and More… (mjobserver.com)

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->