martedì, Maggio 11

Borsa: canapa, Canada e USA in ripresa Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, questa seconda settimana d’aprile chiudono entrambe con curve positive, soprattutto nel caso della Borsa canadese. Tutto questo rappresenta una boccata d’ossigeno dopo due settimane di chiusure drammaticamente negative. Il canale di Suez riaperto, nel mezzo di una pandemia che tende a non spegnersi affatto, fa accogliere con favore questa ventata d’ottimismo -seppur volatile- nel contesto borsistico mondiale, mostrando timidi segnali di primavera nelle Borse di tutto il Mondo.

Indice Marijuana Canada 273.19

In data 9/4/2021 è

Positivo: +10,01

Costituenti: 15

Cambio: 3,80

Prezzo di apertura: 275.46

Volume Totale: 329.13 m

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana

1° aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 282.37

5 aprile 2021 ore 10.30 AM raggiunto 279.08

6 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 276.97

7 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 270,23

8 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 276,15

8 aprile 2021 ore 04,30 PM raggiunto 273.22

Indice Marijuana Stati Uniti 119.21

In data 9/4/2021

Positivo: +2.12

Costituenti: 30

Cambio: 1,81

Prezzo di apertura: 117.70

Volume Totale: 13.89

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

1° aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 122.18

5 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 122.57

6 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 121,19

7 aprile 2021 ore 10,30 AM raggiunto 120,42

8 aprile 2021 ore 10.30 AM raggiunto 118.76

8 aprile 2021 ore 10.30 PM raggiunto 119.21

Andamento borsistico aggiornato in data 9 aprile 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 9 aprile 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

La Tenacious Labs della Gran Bretagna lancia il Marchio CBD “Acquista e Costruisci” con una acquisizione societaria negli Stati Uniti        

Un gruppo globale di cannabinoidi “compra e costruisci” con sede a Londra è stato lanciato questa settimana dopo l’acquisizione del marchio CBD con sede a Denver Press Pause, un marchio focalizzato sullo sviluppo di prodotti CBD per le donne. Tenacious Labs, co-fondato dal CEO Nicholas Morland e dal CCO Adrian Clarke, aspira a diventare un gruppo globale di cannabinoidi leader incentrato sul consumatore. Morland ha affermato che la prima acquisizione da parte della società di Press Pause è una “pietra miliare” nella sua strategia, poiché non sono stati resi noti i termini di acquisizione di contanti e azioni degli Stati Uniti con un marchio consolidato diretto al consumatore. La co-fondatrice di Press Pause Dawn Stable si unisce a Tenacious Labs come Head of Pause Lifestyle Brands, per guidare la crescita internazionale e creare prodotti in linea con la missione del marchio di promuovere l’importanza della cura di sé. Tenacious Labs ha dichiarato che annuncerà ulteriori acquisizioni “nei prossimi giorni”, supportate dal lancio di due nuovi marchi incentrati sul Regno Unito: Walker & Morland, un marchio CBD focalizzato su dolore cronico e ansia, e Hoo Raa, un marchio CBD progettato per gestire gli stati d’animo. Tenacious Labs intende sostenere “rigore scientifico, regolamentazione efficace e qualità del prodotto”. “Poiché l’atteggiamento dei consumatori nei confronti dei cannabinoidi cambia, vediamo un enorme potenziale per la creazione di valore all’interno del settore”, ha affermato Clarke.

Rapporto: PepsiCo lancia la bevanda alla canapa in Germania        

Rockstar Energy, un marchio di bevande di proprietà di PepsiCo, ha lanciato una linea di bevande a base di canapa in Germania. Just-Drinks riporta che Rockstar Energy + Hemp è stato rilasciato sabato in tre gusti. Le bevande contengono estratto di semi di canapa, caffeina e taurina. PepsiCo dice alla pubblicazione che le bevande hanno un sapore “intenso” di canapa. Le bevande saranno vendute solo in Germania. PepsiCo non ha annunciato proiezioni di vendita o cosa le farebbe prendere in considerazione l’espansione delle bevande alla canapa in più mercati. PepsiCo ha acquistato Rockstar Energy lo scorso anno per 3,86 miliardi di dollari. PepsiCo negozia sul Nasdaq come PEP.

I Membri del Congresso avvertono che la regola dell’estrazione della DEA fa fallire i trasformatori di canapa          

Alcuni trasformatori di canapa stanno chiudendo piuttosto che navigare nelle regole emesse dalla Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti sui livelli elevati di THC, hanno detto due membri del Congresso all’agenzia opponendosi alle regole. Il presidente della House Agriculture David Scott e il rappresentante Sanford Bishop, entrambi democratici della Georgia, hanno scritto al procuratore generale Merrick Garland, che sovrintende alla DEA. “I trasformatori di canapa sono stati confusi sulla legalità delle loro operazioni di lavorazione”, hanno scritto. “A causa di questa confusione, alcuni processori hanno interrotto del tutto le operazioni.” I legislatori non hanno elaborato i processori chiusi. Hanno detto che la regola di estrazione della DEA contrasta l’intenzione del Congresso di autorizzare la lavorazione della canapa, ha riferito Natural Products Insider. Affermano anche che la regola “soffocherà l’innovazione, il progresso e lo sviluppo del prodotto in un settore pronto per una crescita robusta”. La DEA ha pubblicato la regola ad agosto per allineare i suoi regolamenti con la legalizzazione della canapa ai sensi del Farm Bill 2018. L’agenzia ha ricevuto commenti sulla regola fino a ottobre, ma non ha ancora reso la regola permanente. La Hemp Industries Association e un produttore di CBD della Carolina del Sud hanno citato in giudizio la DEA per la regola a settembre. La controversia non è stata risolta.

La principale azienda SaaS KlĒR annuncia un set di funzionalità rivoluzionarie per il monitoraggio e la conformità dei prodotti

KLĒR, leader nel software di gestione delle operazioni sulla cannabis, ha svelato KLĒR Track, un nuovo set di funzionalità come parte della sua piattaforma software seed-to-sale costruita appositamente per i mercati della canapa e del CBD. L’annuncio arriva in un momento in cui i trasformatori richiedono opzioni di monitoraggio della conformità più ampie per la biomassa disponibile e gli agricoltori di canapa si trovano ad affrontare ostacoli crescenti nella vendita di prodotti senza un chiaro monitoraggio della conformità. La principale azienda SaaS KL & # 274; R annuncia un set di funzionalità rivoluzionarie per il monitoraggio dei prodotti & # 038; Conformità. Con le attuali restrizioni di marketing e pubblicità messe in atto sul mercato della cannabis, avere un percorso diretto al consumatore è diventato un imperativo aziendale. KLĒR Track offre agli agricoltori la possibilità di condividere certificati di analisi (COA), origine del prodotto e dettagli del raccolto con i processori durante o prima della vendita tramite l’uso di etichette con codice QR o collegamenti condivisi attraverso un unico portale. La nuova offerta limiterà le barriere per gli agricoltori e ridurrà la quantità di tempo che i trasformatori dedicheranno all’aggiornamento degli agricoltori sullo stato della loro biomassa. “Alla fine, dipende sempre dal cliente e desidera una maggiore trasparenza sull’origine e la sicurezza dei propri prodotti”, afferma Jason Saunders, CEO di KLĒR. “Questo è vero con tutti gli integratori per la salute e la FDA si sta preparando a stabilire gli standard. Ci aspettiamo che la FDA inizi con il CBD e richieda presto i risultati dei test di laboratorio, l’origine del prodotto e gli ingredienti sui prodotti CBD “. Attraverso il track-and-trace della catena di approvvigionamento di KLĒR, i rivenditori sono facilmente in grado di etichettare i loro prodotti con codici QR che richiamano l’origine di KLĒR Track di tali prodotti, COA, ingredienti e altro.

La legge sulla marijuana di New York apporta anche cambiamenti radicali alle regole della canapa

La nuova legge sulla marijuana di New York include una radicale revisione del modo in cui è regolamentata l’industria statale della canapa. Il cambiamento potrebbe potenzialmente inviare una marea di operatori di canapa verso il lato ad alto contenuto di THC del settore. Ma lascia anche alcune grandi domande sul futuro degli estratti di canapa come il CBD. La legge firmata dal governatore Andrew Cuomo la scorsa settimana fa un primo tentativo nella nazione di regolamentare gli operatori di canapa che lavorano con prodotti a base di fiori e cannabinoidi nello stesso modo in cui lo stato controlla gli operatori di marijuana, designando una nuova categoria per “canapa cannabinoide” che lo farà essere governato da un nuovo Office of Cannabis Management. Il nuovo comitato di controllo della cannabis di quell’agenzia stabilirà le regole sia per la canapa cannabinoide che per la marijuana. “È uno sportello unico”, ha detto Geoff Whaling della National Hemp Association. La caccia alle balene ha elogiato il piano di New York di centralizzare i regolamenti per tutti gli estratti di cannabinoidi come CBD e THC. “Abbiamo tutti a che fare attualmente con i dipartimenti della salute e dei dipartimenti dell’agricoltura e dei dipartimenti della giustizia e degli avvocati generali, ancora e ancora e ancora”, ha detto. Gli agricoltori di New York che lavorano con varietà di fibre e cereali saranno ancora regolamentati dalle autorità agricole statali, come lo sono stati da quando New York ha legalizzato la coltivazione della canapa nel 2015.

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->