giovedì, Luglio 29

Borsa: canapa, Canada e USA entrambe in picchiata Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Canada e USA -ovvero le due principali piazze borsistiche per quel che riguarda la produzione, il trattamento e la commercializzazione della canapa– nella settimana che volge alla conclusione il 21 gennaio 2021, chiudono entrambe in vistoso rosso. Grande la volatilità sulle piazze internazionali man mano che si diffondono i dati relativi al Covid-19 nel Mondo. Il pessimismo impera ed i suoi effetti sul contesto borsistico sono ben visibili

Indice Marijuana Canada 257.40

In data 21/1/2021 è

Negativo: -7,08

Costituenti: 14

Cambio: -2,68%

Prezzo di apertura: 261.41

Volume Totale: 188.85 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

14 gennaio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 252,73

15 gennaio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 281,77

18 gennaio 2020 ore 10,30 AM raggiunto 270.78

19 gennaio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 274.09

20 gennaio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 274.81

21 gennaio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 255.56

Indice Marijuana Stati Uniti 120.10

In data 21/1/2021

Negativo: -0,92

Costituenti: 27

Cambio: -0,76%

Prezzo di apertura: 123.25

Volume Totale: 17.67 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

14 gennaio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 116.83

15 gennaio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 120.01

19 gennaio 2020 ore 10,30 AM raggiunto 118,90

20 gennaio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 119,76

21 gennaio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 120.73

21 gennaio 2021 ore 02,55 PM raggiunto 121.09

Andamento borsistico aggiornato in data 21 gennaio 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 21 gennaio 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Secondo un rapporto una startup energetica francese ottiene 1,8 milioni di euro per lanciare un impianto alimentato a canapa    

Qairos Energies, una startup che aspira ad utilizzare la biomassa agricola per produrre metano e idrogeno nel nord-ovest della Francia, ha raccolto quasi 18,8 milioni di euro (23 milioni di dollari) per costruire e lanciare una struttura che utilizzerà la canapa locale per produrre carburante per autobus, treni e Francia. principale distributore di gas naturale. Il sostegno a otto cifre per il progetto, riportato dall’outlet francese Les Echos il mese scorso, proviene dalla banca di investimenti Bpifrance e dalla regione francese dei Pays de la Loire. Qairos sta anche cercando assistenza con l’aiuto della società multinazionale di consulenza e contabilità KPMG, ha riferito HempToday questa settimana. Dopo aver ottenuto un permesso di costruzione e il diritto di fornire metano sintetico alla rete energetica francese, Qairos Energies prevede di iniziare la costruzione dell’impianto nel primo trimestre del 2021 e iniziare a commercializzare il suo gas alla fine del 2022, afferma il rapporto Les Echos. Secondo HempToday, la nuova struttura sarà situata a Trangé, vicino a Le Mans, nel nord-ovest della Francia, e utilizzerà la canapa entro un raggio di 22 miglia dai membri della cooperativa agricola Fermiers de Loué.

Avviata la causa intentata da investitori contro una società biotecnologica della canapa di New York        

Un giudice federale di New York ha respinto la causa di un investitore che accusa una società di biotecnologie della canapa di mentire per promuovere il prezzo delle sue azioni. Con sede a Williamsville, il 22nd Century Group ricerca la genetica delle piante di tabacco e cannabis ed è stato accusato di aver tentato di manipolare il prezzo delle sue azioni travisando la sua attività. I querelanti cercavano lo status di class action. Il giudice John Sinatra Jr. ha archiviato il caso la scorsa settimana, affermando che la società non aveva il dovere di rivelare di aver pagato per articoli promozionali. Il CEO del 22nd Century Group James A. Mish ha applaudito il licenziamento e ha affermato in una dichiarazione che la richiesta era “priva di fondamento”. Il 22nd Century Group è quotato alla borsa americana NYSE come XXII.La legge 360 ​​ha segnalato per la prima volta il licenziamento della causa.

Phytol citato come ingrediente potenzialmente pericoloso per l’utilizzo di cannabis da fumo per sigaretta elettronica

Man mano che le cartucce per lo svapo di cannabis sono cresciute in popolarità alla fine del 2019, sono aumentate le preoccupazioni sulla sicurezza dei prodotti, stimolate da segnalazioni di malattie e persino dalla morte di consumatori di sigarette elettroniche. I produttori di vaporizzatori si sono affrettati ad assicurare alle autorità di regolamentazione e ai consumatori che i loro prodotti erano sicuri, nonostante non avessero una chiara comprensione di quali ingredienti potessero effettivamente essere pericolosi. Due degli ingredienti sospetti erano fitolo e glicole propilenico, entrambi utilizzabili come diluenti per estratti di cannabis. Ora, un nuovo studio pubblicato su Inhalation Toxicology, la rivista dell’International Forum for Respiratory Research, ha dimostrato che il fitolo potrebbe essere significativamente più tossico del glicole propilenico. Phytol, un terpene meglio conosciuto per la sua presenza nel tè verde e un promettente antiossidante, si trova in quantità elevate in alcune varietà di cannabis.

Dopo anni di ritardo, le tribù degli indiani d’America hanno ancora difficoltà a realizzare nuove opportunità economiche nel settore della canapa      

Sono passati più di due anni da quando la legalizzazione della canapa a livello nazionale ha offerto un percorso legale alle tribù degli indiani d’America per produrre canapa e CBD e trovare sbocchi commerciali per venderli. Ma non è stata una strada facile per le tribù stabilire la produzione di canapa. Quando il Congresso ha autorizzato per la prima volta la sperimentazione con la canapa legale, attraverso il Farm Bill del 2014, agli stati è stata concessa l’autorità di istituire programmi di ricerca pilota sulla canapa. Ma la legge non ha fornito alle tribù degli indiani d’America l’autorità per attuare i propri programmi di coltivazione della canapa industriale indipendentemente dalla legge statale. La tribù Menominee del Wisconsin l’ha scoperto nel modo più duro nel 2015. La tribù ha cercato di coltivare la canapa industriale, solo per avere agenti federali che sequestrano 30.000 piante dalla sua riserva dopo che un tribunale federale ha stabilito quell’anno che il Farm Bill del 2014 richiedeva che la canapa fosse coltivata in conformità con la legge statale. A quel tempo, la produzione di canapa non era ancora legale in Wisconsin. Il Farm Bill del 2018, mirava a risolverlo, dirigendo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti a sviluppare un sistema per le tribù degli indiani d’America per presentare piani per la produzione di canapa sulle terre tribali.

Circle K vuole bloccare un marchio del settore canapa che assomiglia al suo            

Circle K Stores Inc. vuole impedire a una holding di canapa e marijuana della California di utilizzare un marchio di design con “K” all’interno di un cerchio. In un deposito segnalato per la prima volta dalla legge 360, la catena di minimarket chiede alla US Trademark Trial and Appeal Board di opporsi a una domanda di registrazione da Medical Marijuana Inc. di Poway, California. Medical Marijuana Inc. sta cercando un marchio di design con una “K” all’interno di un cerchio per consulenza di marketing e servizi di vendita al dettaglio relativi a “prodotti botanici e prodotti a base di canapa”, nonché un negozio al dettaglio online per prodotti simili. Il cerchio K dice che il marchio richiesto “assomiglia così tanto” alle proprie registrazioni sui nomi dei negozi che le persone probabilmente confonderebbero i due l’uno con l’altro. Circle K ha quasi 10.000 negozi in Nord America.

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->