sabato, Maggio 21

Borsa: canapa, Canada e USA entrambe a picco Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, dopo circa cinque settimane in rosso, tra gennaio e febbraio, una positiva per entrambe e nella settimana scorsa in differente tendenza, cioè la Borsa canadese in rosso, e la Borsa USA in positivo, nella settimana corrente chiudono entrambe in rosso profondo. La crisi ucraina pesa in modo netto ed evidente. Per avere dei raffronti nel settore parallelo della cannabis, si constata che l’indice generale Global Cannabis Stock Index chiude a 27.95, -1,23 (-4,22%). L’American Cannabis Operator Index chiude a 41,02, -1,51 (-3,55%). L’Ancillaris Cannabis Index chiude a 50,20, -1,32 (-2,56%). Il Canadian Cannabis LP Index chiude a 170.65, -9,00 (-5,01%)

I migliori titoli di marijuana per la watchlist di febbraio

Dall’inizio di febbraio, gli stock di marijuana hanno avuto un aspetto migliore. All’inizio del nuovo anno, il settore ha visto un bel salto per iniziare il 2022. Ora, questo picco non è stato duraturo, ma ha dato qualche speranza per il futuro degli investimenti in azioni di marijuana. Nell’ultima metà di gennaio, il settore ha subito una certa flessione. È stato in questo momento che alcuni hanno potuto approfittare e trovare i migliori titoli di marijuana da comprare.  In questo periodo l’anno scorso il settore della cannabis non era nella posizione migliore. Tuttavia, questa volta le cose sono diverse. Molti stock di cannabis stanno iniziando a vedere una maggiore volatilità del mercato. Il che è una buona cosa per gli azionisti.

Quest’ultimo anno di trading è stato sul lato basso per la maggior parte dei titoli di marijuana. Tuttavia, con una continua spinta ad approvare la legislazione federale sulla cannabis, i titoli della marijuana stanno costruendo più vapore. Ma una grande domanda tra gli investitori è cosa manterrà il settore più in alto che in basso. Questo porta un sacco di preoccupazioni soprattutto se il settore vede una possibile ripetizione dal 2021. Quindi, se questo cambiamento di politica non diventa legge, ci sono ancora cose da considerare. Alcune aziende nel 2021 sono passate attraverso fusioni e acquisizioni.

Questo ha portato a molte nuove iniziative come il rebranding di alcuni dispensari. Così come l’aumento della domanda di cannabis, ci sono state vendite da record nei vari mercati legali statali. Quindi, se la riforma non viene approvata, c’è molto di più nell’industria della cannabis che può portare a un migliore trading.

Azioni di marijuana e ulteriori progressi nel 2022

Con alcune società di cannabis che si preparano a rilasciare i guadagni, potremmo vedere un maggiore slancio risuonare nel settore. Inoltre, diciamo che la riforma federale passa il disegno di legge di Schumer in particolare questo creerebbe un grande ponte che non è stato in grado di essere attraversato a causa delle restrizioni federali. Per non parlare del fatto che quando la proibizione della cannabis non ci sarà più, alcuni ritengono che questo potrebbe portare a vedere una grande ripresa. Ma per ora, il settore ha bisogno di un catalizzatore che possa aiutare a sostenere alcuni di questi scambi al rialzo. Mentre il trading continua a febbraio, le azioni di marijuana da tenere d’occhio qui sotto potrebbero essere buone opzioni per il vostro portafoglio. Assicuratevi solo di fare sempre la vostra ricerca in anticipo. Più si sa su ciò in cui si sta investendo, maggiori sono le probabilità di vedere rendimenti migliori.

Le migliori azioni di marijuana da seguire ora nel 2022

1. Sundial Growers Inc. (NASDAQ:SNDL)
2. OrganiGram Holdings Inc. (NASDAQ:OGI)
3. Aurora Cannabis Inc. (NASDAQ:ACB)

Sundial Growers Inc.

Sundial Growers Inc. è impegnata nella produzione e commercializzazione di prodotti di cannabis per il mercato dell’uso da parte degli adulti in Canada. Produce e distribuisce prodotti inalabili, come fiori, pre-rolls e vapes. Come molti altri titoli di marijuana da tenere d’occhio, le azioni SNDL non erano al meglio all’inizio del nuovo anno.

Così, alla chiusura di gennaio, SNDL ha iniziato a correre progressivamente da allora. Al di fuori di piccole cadute volatili, le azioni SNDL hanno continuato a sostenere il loro slancio e a salire. Se l’azienda può mantenere questo su più persone continueranno a guardare SNDL stock come uno dei migliori titoli di marijuana per comprare

OrganiGram Holdings Inc.

OrganiGram Holdings Inc. attraverso le sue filiali produce e vende cannabis e prodotti derivati dalla cannabis in Canada. Offre prodotti di cannabis medica, inclusi fiori di cannabis, oli di cannabis e vaporizzatori. All’inizio di gennaio le azioni OGI erano in una volatile tendenza al ribasso. Non è stato fino alla chiusura di gennaio che l’azienda ha iniziato a vedere una ripresa. Scambiando dal 27 al 1° febbraio le azioni OGI hanno visto una bella spinta verso l’alto.

Organigramma

Ora, questa piccola corsa è stata incontrata con un pullback nei 2 giorni successivi. 3 giorni a febbraio le azioni OGI hanno cominciato a recuperare e a guadagnare un po’ di slancio. Andando avanti la società è stata in grado di sostenere questo trading al rialzo nei prossimi 8 giorni. Attualmente le azioni OGI stanno affrontando un certo pullback. Tuttavia, con il passare del tempo è possibile vedere un altro recupero nel prossimo futuro. Il mese scorso la società ha rilasciato i suoi guadagni fiscali 2022.

L’azienda ha visto una crescita del 23% delle entrate lorde a 44,3 milioni di dollari dal Q4 fiscale 2021. E il 75% dallo stesso periodo dell’anno precedente. Inoltre, OrganiGram ha raggiunto il più alto fatturato netto trimestrale nella storia della società. Che ha colpito una crescita del 22% a 30,4 milioni di dollari, da 24,9 milioni di dollari nel Q4 Fiscale 2021, e una crescita del 57% da 19,3 milioni di dollari nel Q1 2021. Se l’azienda può continuare a mostrare più successo, è possibile vedere altri scambi al rialzo per questo stock di marijuana.

Aurora Cannabis Inc. 

Aurora Cannabis Inc. produce, distribuisce e vende cannabis e prodotti derivati in Canada e a livello internazionale. Si impegna anche nell’ingegneria degli impianti e nella progettazione dell’allevamento di cannabis, nella ricerca e nella produzione. Così come i derivati, lo sviluppo del prodotto, le attività di distribuzione all’ingrosso e al dettaglio. Nell’ultimo mese, l’azienda ha rilasciato importanti aggiornamenti. Per esempio, Aurora Cannabis ha recentemente rilasciato i risultati del secondo trimestre dell’anno fiscale 2022. In questo periodo la società ha visto un EBITDA rettificato. Che è migliorato del 22% a una perdita di 9,0 milioni di dollari rispetto al Q1 2022.

Inoltre, l’azienda ha riaffermato il suo obiettivo di redditività dell’EBITDA rettificato entro H1/2023. Sempre nei recenti aggiornamenti, Aurora durante la prima settimana del 2022 ha consegnato 10 milioni di dollari di cannabis medica. Questa è stata la più grande spedizione dell’azienda in Israele.

E quella che si crede essere la più grande esportazione di cannabis medica nel mercato israeliano. Il fatto che l’azienda abbia mostrato progressi migliori, ha avuto una buona risonanza con il modo in cui le azioni di marijuana sono state scambiate.

Dati tratti da https://www.marijuanastocks.com

Andamento borsistico aggiornato in data 25 febbraio 2022

Uno sguardo contestualizzato alla data del 25 febbraio 2022. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

La società immobiliare di cannabis acquisisce il produttore di canapa del Colorado

Una società del Nevada che affitta immobili ai rivenditori di cannabis, Diego Pellicer, sta comprando un distributore di canapa del Colorado per 4,4 milioni di dollari, soprattutto in azioni.

La Hemp Choice Distribution LLC di Golden, Colorado, estrae CBD e altri cannabinoidi dalla canapa e li vende ai produttori di prodotti di canapa.

Diego Pellicer pagherà 250.000 dollari in contanti e 4,15 milioni di dollari in azioni ordinarie e privilegiate. La leadership di Hemp Choice rimarrà al suo posto, ma l’azienda diventerà una filiale interamente controllata da Diego Pellicer.

L’acquisizione dà a Diego Pellicer un pezzo di “una categoria di prodotti in rapida crescita”, ha detto il CEO Nello Gonfiantini III in una dichiarazione.

Diego Pellicer commercia sui mercati over-the-counter come DPWW.

Cannabis real estate company acquires Colorado hemp manufacturer (hempindustrydaily.com)

L’anno scorso gli Stati Uniti hanno prodotto 824 milioni di dollari di canapa su 54.200 acri, secondo il rapporto dei federali

Gli agricoltori statunitensi hanno coltivato circa 54.000 acri l’anno scorso per un valore stimato di 824 milioni di dollari, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti in una prima contabilità nazionale della produzione di cannabis pubblicata giovedì.

I risultati dell’indagine del Servizio Statistico Agricolo Nazionale dell’USDA sono lo sguardo più completo finora sulle dimensioni e il valore della giovane industria della canapa. L’agenzia ha contato le superfici in tutti i 50 stati e ha ottenuto dati sui prezzi e sulla produzione mai disponibili prima sulla coltivazione della cannabis. L’USDA ha contato 33.500 acri all’aperto di produzione di canapa per un valore di 712 milioni di dollari, e 15,6 milioni di piedi quadrati di coltivazione di canapa al chiuso per un valore di 112 milioni di dollari.

Il fiore è stato di gran lunga il prodotto di canapa più redditizio coltivato l’anno scorso. L’USDA ha contato 623 milioni di dollari nella produzione di fiori di canapa, seguiti da 41,4 milioni di dollari per la fibra di canapa, 41,5 milioni di dollari per i semi di canapa e 5,99 milioni di dollari per la fibra di grano. L’USDA ha anche contato i cloni e le giovani piante, che hanno totalizzato 20,2 milioni nel 2021. Il Colorado ha piantato più canapa all’aperto di qualsiasi altro stato l’anno scorso, con 10.100 acri. Ma il Montana ha raccolto più canapa all’aperto, con 4.500 acri, secondo l’agenzia. Per la canapa indoor, la California è stata di gran lunga il leader nazionale per il 2021, con 3,9 milioni di piedi quadrati. Il Colorado è stato il prossimo, con poco meno di 2 milioni di piedi quadrati, seguito dall’Oregon con 1,7 milioni di piedi quadrati.

US produced $824M worth of hemp on 54,200 acres last year, feds report (hempindustrydaily.com)

Il disegno di legge che permette ai coltivatori di canapa di New York di coltivare la marijuana va al governatore

Una legge che fornirebbe ai coltivatori di canapa di New York una licenza condizionata per coltivare, lavorare e distribuire prodotti di marijuana per uso adulto sta andando sulla scrivania del governatore dopo essere stata approvata dall’assemblea statale. Il Senato dello stato ha approvato la sua versione all’inizio di questa settimana. La legislazione è progettata per aiutare a far partire l’industria della marijuana ricreativa dello stato, prevista per 2,5 miliardi di dollari, fornendo più offerta iniziale e sostenendo gli obiettivi di equità sociale del programma. La misura include una disposizione per fornire un tutoraggio ai coltivatori di minoranza.Due soci dello studio legale sulla cannabis di Greenspoon Marder hanno scritto in un post sul blog che il progetto di legge è una “soluzione potenzialmente chiara ed elegante” a quelli che potrebbero essere gravi limiti di fornitura. Gli esperti si sono preoccupati dell’offerta sia per il mercato della cannabis medica che per quello dell’uso da parte degli adulti, perché lo stato ha autorizzato solo 10 operatori MMJ. Ma il successo di un programma per coltivatori di canapa dipenderà da diversi fattori, hanno scritto gli avvocati Irina Dashevsky e Douglas Sargent della Greenspoon Marder di Chicago, tra cui:

La capacità dei regolatori di promulgare rapidamente i regolamenti e gestire un processo di applicazione e licenza per i coltivatori di canapa.

La capacità dei coltivatori di canapa di passare rapidamente alla coltivazione della marijuana e la complessità dei prodotti.

Quanto volume i coltivatori di canapa possono portare sul mercato di prodotti di marijuana sicuri.

Bill allowing New York hemp farmers to grow marijuana heads to governor (hempindustrydaily.com)

L’australiana Creso Pharma fa un’acquisizione di CBD da 21 milioni di dollari per entrare nei mercati statunitensi

Il produttore australiano di marijuana Creso Pharma Ltd. è l’ultima azienda che entra negli Stati Uniti tramite un produttore di CBD. Creso Pharma ha annunciato questa settimana che sta comprando Sierra Sage Herbs in un accordo azionario del valore di 21 milioni di dollari. Con sede a Lyons, Colorado, Sierra Sage Herbs produce una gamma di prodotti per il benessere, compresi alcuni con e senza CBD. L’azienda possiede la linea Green Goo di pomate al CBD derivate dalla canapa e la linea Southern Butter di prodotti per il benessere sessuale senza CBD. Ha una distribuzione in più di 110.000 punti vendita a livello nazionale, tra cui Walmart e CVS Pharmacy. L’accordo da 21 milioni di dollari include anche il potenziale per futuri pagamenti di azioni nel 2022 e 2023 se Sierra Sage Herbs colpisce determinati obiettivi di entrate. L’amministratore delegato Jodi Scott diventerà il presidente delle operazioni statunitensi di Creso Pharma. “Il panorama CBD degli Stati Uniti è abbastanza frammentato, e c’è un’opportunità lì”, ha detto il CEO di Creso Pharma Will Lay agli investitori durante un livestream su YouTube sull’acquisizione. L’azienda ha anche detto agli investitori in una presentazione che l’acquisizione le dà una “piattaforma per entrare rapidamente nei mercati statunitensi del THC su qualsiasi potenziale cambiamento normativo”. Creso Pharma ha anche detto che inizierà “sforzi immediati per iniziare a (lavorare) su prodotti funzionali a base di funghi” con la direzione di Green Goo. Creso Pharma è quotata alla borsa australiana come CPH. Oltre all’Australia e agli Stati Uniti, l’azienda ha operazioni in Canada, Colombia, Pakistan, Sud Africa, Svizzera, Sri Lanka e Uruguay.

Australia’s Creso Pharma makes $21 million CBD acquisition to enter US markets (hempindustrydaily.com)

Il produttore statunitense di cannabis Audacious spedisce semi di canapa in Asia per dare il via all’alleanza con la Thailandia

Un operatore della marijuana di Las Vegas ha inviato la sua prima spedizione di semi di canapa CBD in Asia, come parte di una nuova partnership con una società con sede in Thailandia. Audacious Brands ha stretto una partnership con Golden Triangle Health, una sussidiaria della NRF, quotata in borsa, per fornire alle principali aziende di beni di consumo confezionati prodotti in bianco e di marca. I semi saranno coltivati e utilizzati per prodotti alimentari e per l’estrazione del CBD. Secondo Audacious, l’azienda è la prima ditta nordamericana a spedire in Asia semi di canapa per la produzione di CBD. Le due aziende stanno lavorando ad un ampio programma commerciale per espandersi in tutta l’Asia e a livello internazionale, secondo una dichiarazione dell’azienda. La partnership con Audacious rafforza le capacità operative di GTH nella cannabis, secondo il co-fondatore di GTH Tom Kruesopon. “Abbiamo molte opportunità e stiamo sfruttando la nostra rete di contatti di distribuzione internazionale per eseguire rapidamente” nel mercato della cannabis dell’Asia-Pacifico, ha detto in una dichiarazione. Audacious Brands, precedentemente conosciuta come Australis Capital, è quotata sotto il simbolo AUSA e sui mercati americani over-the-counter come AUSAF.

US cannabis producer Audacious ships hempseeds to Asia to kick off Thai alliance (hempindustrydaily.com)

 

 

Dati tratti da

The Daily Marijuana Observer | Cannabis Investment News and More… (mjobserver.com)

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->