venerdì, Aprile 23

Borsa: canapa, Canada e USA di nuovo in rosso Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Canada e USA -ovvero le due principali piazze borsistiche per quel che riguarda la produzione, il trattamento e la commercializzazione della canapa- nella settimana che conclude al 30 dicembre 2020, chiudono entrambe con valori assolutamente negativi, un vero e proprio crollo. Le tardive scelte di Trump di sostenere l’economia americana, la scure nera e dura del Covid e l’incertezza che regna suprema in un apparato produttivo mondiale connotato da chiusure e indici negativi, caratterizzano nella chiusura il senso dell’intero anno borsistico, una vera e propria debacle.

Indice Marijuana Canada 181.90

In data 30/12/2020 è

Negativo: -9,93

Costituenti: 14

Cambio: -5,18%

Prezzo di apertura: 188.58

Volume Totale: 98.72 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

22 dicembre 2020 ore 10,30 PM raggiunto 195.57

23 dicembre 2020 ore 10.30 AM raggiunto 177.54

24 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 194.29

29 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 187,12

29 dicembre 2020 ore 1,36 PM raggiunto 181.50

Indice Marijuana Stati Uniti 84.78

In data 29/12/2020

Negativo: -3,30

Costituenti: 29

Cambio: -3,75%

Prezzo di apertura: 86.44

Volume Totale: 17.06 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

22 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 81,23

23 dicembre 2020 ore 10.30 AM raggiunto 80.85

24 dicembre 2020 ore 10,00 AM raggiunto 83.13

28 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 86.53

29 dicembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 86,84

29 dicembre 2020 ore 1,45 PM raggiunto 84,51

Andamento borsistico aggiornato in data 30 dicembre 2020

Uno sguardo contestualizzato alla data del 30 dicembre. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Charlotte’s Web afferma che un’altra causa in materia di etichettatura attende il parere della FDA    

Charlotte’s Web Holdings afferma che l’etichettatura di cause legali contro i produttori di CBD deve aspettare mentre le autorità di regolamentazione federali considerano come regolare l’estratto di canapa. La società ha discusso la scorsa settimana in un tribunale federale in California, dove chiede a un giudice di seguire le indicazioni di altri giudici federali e respingere le cause di etichettatura del CBD come premature. Charlotte’s Web ha affermato che la FDA ha “autorità di regolamentazione e applicazione esclusive per quanto riguarda l’etichettatura e la commercializzazione del prodotto CBD”, rendendo improprio per un tribunale decidere se i produttori di CBD possono descrivere i loro prodotti come integratori alimentari. La legge 360 ​​ha segnalato per prima il deposito. Almeno quattro giudici federali hanno sospeso o respinto le azioni legali sull’etichettatura del CBD a causa di un’azione in sospeso della FDA. L’agenzia federale ha detto questa settimana che continua a rivedere la sicurezza del CBD da banco ma non ha detto quando aspettarsi regolamenti.

L’Agenzia Europea sulle Droghe segnala problemi del mercato CBD nel resocontare i prodotti di cannabis a basso contenuto di THC        

L’Agenzia dell’Unione Europea per le Droghe ha segnalato che stariflettendo sullo status legale e commerciale del CBD e dei prodotti a base di cannabis in Europa in un nuovo rapporto.Lunedì, l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze con sede a Lisbona ha pubblicato il rapporto, descrivendo i risultati di uno studio avviato nel 2018 e volto a fornire informazioni sulla vendita aperta di prodotti a basso contenuto di THC in Europa. “Gli obiettivi specifici erano identificare ed esplorare ulteriormente i tipi di prodotto disponibili e la gamma di punti vendita, profili utente, danni associati e risposte prese in diversi paesi dell’UE”, hanno scritto gli autori. Il Centro ha preso atto di diversi problemi evidenti con il marketing e la promozione di alcuni prodotti CBD in Europa, tra cui:Etichettatura del prodotto inadeguata. Contenuto del prodotto incoerente. Potenzialmente scarsa qualità del prodotto. Mancato riconoscimento dei limiti, o esagerazione, delle prove riguardanti l’efficacia dei prodotti CBD per uso terapeutico. Mancanza di informazioni sulla sicurezza o informazioni su potenziali danni e possibili controindicazioni. Gli autori hanno riconosciuto diversi sviluppi normativi in ​​Europa da quando la ricerca è stata avviata nel 2018. Questi includevano una sentenza storica a novembre del tribunale supremo dell’UE sul divieto del CBD in Francia e la decisione della Commissione europea di fare marcia indietro rispetto alla sua decisione di classificare il CBD come narcotico.

Gigante olandese dei biocontrolli acquisisce un’azienda brasiliana di agricoltura di precisione  

Un gigante olandese dei biocontrolli che si è introdotto nello spazio della cannabis, Koppert Biological Systems, ha acquisito un’azienda brasiliana di droni nel tentativo di utilizzare i droni per applicare i suoi biocontrolli sostenibili in Brasile. Koppert ha affermato che la sua acquisizione di Geocom l’aiuterà ad “accelerare l’agricoltura di precisione, che è fondamentale per portare i prodotti biologici nei campi”, secondo una dichiarazione dell’azienda. I termini dell’acquisizione non sono stati divulgati.Geocom è una società privata e ha sede a Lençóis Paulista a San Paolo, Brasile. I fondatori di Geocom, Antonio Donizeti de Oliveira e Gláucio Carrit Antiga, rimarranno coinvolti come consulenti. Il direttore della divisione Agri di Koppert BiologicalSystems, Martin Koppert, ha affermato che l’acquisizione è stata “una decisione strategica che può favorire l’intera azienda scambiando esperienze e tecnologie con altre filiali in tutto il mondo”.

 

Instillatori di collirio presi di mira dall’FDA nell’ultimo round sulle avvertenze per CBD

Altri cinque produttori di CBD hanno ricevuto lettere di avvertimento dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti per aver presentato affermazioni mediche illegali, con l’agenzia che ha lanciato l’allarme martedì a causa del modo in cui alcuni dei prodotti vengono presi – inalati o lasciati cadere negli occhi.L’agenzia ha affermato che l’ultimo round di prodotti CBD mirati è “particolarmente preoccupante dal punto di vista della salute pubblica a causa della via di somministrazione, tra cui nasale, oftalmica e inalatoria”. Gli avvisi sono andati a: Bee Delightful di Austin, Texas. G&L Wellness di Wisconsin Rapids, Wisconsin. NextL3vel Services Group di Las Vegas. Wellness Biosciences Rxdi Houston.

Red White & Bloom prende in prestito 60 milioni di dollari per acquistare impianti di coltivazione della marijuana in Illinois            

Una società di marijuana di Toronto che coltiva la canapa in Illinois, la Red White & Bloom Brands, si è assicurata un prestito di $ 60 milioni e ha firmato un accordo definitivo per acquisire una struttura di coltivazione medica e ricreativa dell’Illinois per $ 32,5 milioni. L’acquisto da parte di Red White & Bloom di Cannabis Capital Partners dell’Ontario include: I diritti di un impianto di coltivazione e produzione di 23.572 piedi a Shelbyville, Illinois. Inventario associato all’operazione. 2 acri di terreno. L’impianto di coltivazione era una delle 21 “super licenze” originali rilasciate dalle autorità dell’Illinois, si legge nel comunicato.

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->