sabato, Luglio 24

Borsa: canapa, Canada e USA ancora in profondo rosso Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Canada e USA chiudono anche questa settimana in rosso, come è accaduto anche la scorsa settimana. Il clima di certo ottimismo che aveva ‘salutato’ l’ingresso ufficiale di Biden all’Amministrazione USA ha presto ceduto il passo al vento gelido delle incertezze diffuse dal Covid su tutto l’apparato produttivo ed economico-finanziario internazionale. Il clima cupo ed aleatorio mondiale non risparmia nessuna fetta di territorio a livello globale

Indice Marijuana Canada 372.88

In data 19/2/2021 è

Negativo: -9,44

Costituenti: 14

Cambio: -2,47%

Prezzo di apertura: 388.76

Volume Totale: 340.27 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

11 febbraio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 483.96

12 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 362.51

16 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 394,17

17 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 395,67

18 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 393.11

18 febbraio 2021 ore 01,31 PM raggiunto 372.40

Indice Marijuana Stati Uniti 139.66

In data 19/2/2021

Negativo: -3,72

Costituenti: 27

Cambio: -2,59%

Prezzo di apertura: 141.81

Volume Totale: 21.63 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

11 febbraio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 159.36

12 febbraio 2021 ore 10.30 AM raggiunto 138.73

16 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 148.43

17 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 146.09

18 febbraio 2021 ore 10,30 AM raggiunto 142,48

18 febbraio 2021 ore 02,05 PM raggiunto 139,75

Andamento borsistico aggiornato in data 19 febbraio 2021

Uno sguardo contestualizzato alla data del 19 febbraio 2021. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Un produttore di canapa della California fa causa alla Contea di Santa Cruz per un errato campionamento della canapa, che ha portato alla perdita del raccolto      

Sungrown Organic Hemp, un produttore di canapa in California, afferma che la Contea gli deve $9,6 milioni per aver campionato in modo errato il suo raccolto di canapa del 2019, il che ha portato a una falsa determinazione che il raccolto era marijuana. La fattoria di Watsonville ha intentato la causa martedì presso il Tribunale della Contea, sostenendo che il dipartimento dell’agricoltura della contea di Santa Cruz ha utilizzato un campionamento difettoso che ha ritardato il produttore nella raccolta del raccolto di 15 acri fino a quando il problema non è stato risolto. A quel punto il 90% del fiore era rovinato a causa dell’umidità, secondo la causa. Dopo la raccolta, la canapa biologica Sungrown ha recuperato $300.000 dei suoi $620.000 di costi, con una perdita netta di $9,6 milioni. I danni sono stati calcolati utilizzando l’indice di riferimento della canapa del gennaio 2020, determinando che la certificazione biologica dell’azienda ei protocolli di coltivazione biodinamica avrebbero prodotto $675 per libbra di canapa.

Canapa canadese, il produttore di marijuana Tilraysegnala 271 milioni di dollari di perdite su base annua

Il produttore canadese di canapa e marijuana Tilray ha ridotto la sua perdita annuale a 271 milioni di dollari per il 2020, un miglioramento rispetto alla perdita di 321 milioni di dollari di Nanaimo, società della British Columbia nel 2019, secondo i risultati dell’intero anno e del quarto trimestre pubblicati mercoledì. Tilray, che è sul punto di essere fusa con la pari canadese Aphria, ha perso solo $ 3 milioni nel quarto trimestre conclusosi il 31 dicembre 2020. L’EBITDA rettificato è stato di $ 2,2 milioni. Tilray riporta i suoi dati finanziari in dollari USA. I ricavi complessivi sono aumentati a $ 56,6 milioni nel trimestre, rispetto ai $ 51,4 milioni per il periodo luglio-settembre. Le entrate attribuite alla cannabis sono state di $ 41,2 milioni, in aumento rispetto ai $ 31,4 milioni del trimestre precedente. Le entrate della canapa, d’altra parte, sono diminuite del 23% su base trimestrale a $ 15,3 milioni. Le azioni Tilray vengono scambiate come TLRY sulla borsa del Nasdaq e le azioni Aphria come APHA sul Nasdaq e sulla Borsa di Toronto.

Una azienda di proprietà della H&M debutta nel settore dei tessuti a base di canapa

Un produttore di denim di proprietà del Gruppo H&M ha presentato una linea di denim di canapa tinto con avocado e cipolle rosse.Weekday, un marchio di moda sostenibile con sede in Svezia, ha messo in evidenza i suoi primi articoli realizzati con tessuti di canapa alla Stockholm Fashion Week la scorsa settimana, ha riferito Sourcing Journal. I capi sono tinti con rifiuti alimentari, inclusi avocado e cipolle rosse, per la prima collezione di jeans a base vegetale del marchio. I jeans di canapa si basano sui precedenti esperimenti di materiali sostenibili dell’azienda, inclusa una linea realizzata con una fibra tessile rigenerata chiamata Infinna. La linea denim unisex verrà lanciata il 4 marzo in Svezia, secondo Sourcing Journal. Weekday fa parte del Gruppo H&M dal 2008.

La canapa autogenerante dominerà le regioni emergenti del CBD globale del Sud Est Asia e dell’America Latina      

Il selezionatore di semi di canapa Trilogene Seeds rilascia tre nuove varietà di canapa autofiorenti per le vendite di semi del 2021, un tentativo di soddisfare le esigenze dei coltivatori di canapa in regioni come la Thailandia e l’America Latina che si prevede dominerà il futuro della produzione globale di canapa CBD. Dopo 80 anni di proibizione, la Thailandia è la prima nazione del sud-est asiatico a legalizzare la coltivazione della canapa, finalizzando le sue regole il 29 gennaio 2021. Le proiezioni di Cannabis Catalysts prevedono che il mercato thailandese per la produzione di canapa potrebbe essere compreso tra $ 46 e $ 388 milioni all’anno. In America Latina, diversi paesi, tra cui Cile, Messico, Colombia, Brasile, Argentina, Perù e Uruguay, hanno legalizzato la produzione di canapa. Il gruppo Brightfield prevede che il mercato della canapa latinoamericana quasi quadruplicherà entro il 2023, raggiungendo i 448 milioni di dollari. La canapa autofiorente, o Cannabis ruderalis, non dipende dalle ore diurne per innescare la fioritura, a differenza della specie di canapa tradizionale, la Cannabis sativa. Questo rende la canapa autofiorenteparticolarmente adatta per le Nazioni situate vicino all’equatore.

La NFL richiede ricerche sul CBD per la gestione del dolore        

La National Football League e il sindacato dei suoi giocatori hanno richiesto ricerche di settore sul CBD e altri cannabinoidi per la gestione del dolore. La NFL dice che sta cercando informazioni su “alternative agli oppioidi nella gestione del dolore di routine”. La richiesta menziona il CBD ma è aperta alla ricerca su altri cannabinoidi. La richiesta emessa mercoledì menziona anche la ricerca sull ‘”impatto della cannabis o dei cannabinoidi sulle prestazioni atletiche”. Il promemoria arriva cinque mesi dopo che la NFL Players Association ha aggiornato la sua politica per scoraggiare gli atleti dall’approvare prodotti che contengono CBD o altri cannabinoidi. La ricerca è richiesta entro il 31 marzo. La NFL chiede ai mittenti di etichettare le informazioni riservate e che non viene offerto alcun compenso per le informazioni.

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->