mercoledì, Settembre 22

Borsa: canapa, andamenti differenziati per Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le principali Borse canapa a livello mondiale, Canada e USA, intorno alla data del 2 ottobre hanno visto chiudersi una settimana con andamento costante positivo per quel che riguarda la Borsa canadese mentre nel caso americano, la curva ha avuto un andamento costantemente negativo, peggiorato dopo il dibattito presidenziale in tv ma le cui precondizioni negative era già antecedenti.

Indice Marijuana Canada 166.74

In data 2/10/2020 è

Positivo: +2,79

Costituenti: 15

Cambio: -1,70%

Prezzo di apertura: 167.21

Volume Totale: 25.46 m

Il picco nell’andamento di crescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

24 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 167.05

25 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 167,24

28 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 165.93

29 settembre 2020 ore 10.30 PM raggiunto 164.57

30 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 165.73

1° ottobre 2020 ore 10.28 AM raggiunto 166.65

Indice Marijuana Stati Uniti 48.26

In data 2/10/2020

Negativo: -0.34

Costituenti: 29

Cambio: -0,70%

Prezzo di apertura: 48.25

Volume Totale: 2.14 m

Il picco nell’andamento di decrescita del valore dei titoli produzione canapa e marijuana è

24 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 46.56

25 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 46.66

28 settembre 2020 ore 10,30 AM raggiunto 48.42

29 settembre 2020 ore 10.30 AM raggiunto 48.25

30 settembre 2020 ore 10.30 AM raggiunto 48.20

1° ottobre 2020 ore 10,30 PM raggiunto 48.25

Andamento borsistico aggiornato in data 2 ottobre 2020

Uno sguardo contestualizzato alla data del 2 ottobre 2020. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Hemp Industry Daily collabora con la società di analisi globale Nielsen  

Hemp Industry Daily ha stretto un’alleanza con il gigante dell’analisi dei dati Nielsen Global Connect per fornire approfondimenti sui mercati al dettaglio di canapa e CBD e sui comportamenti di acquisto dei consumatori. “Mentre il CBD invade lo spazio di vendita al dettaglio, abbinare la nostra conoscenza e analisi del settore della canapa con la straordinaria intelligenza e la vasta ricerca sui consumatori di Nielsen ci consentirà di fornire ai nostri lettori le intuizioni di cui hanno bisogno, oltre al solo settore della cannabis e della canapa”, ha affermato Shannon Shuman, Vicepresidente di Hemp Industry Daily. Nielsen sta già condividendo i suoi leggendari dati di mercato con il principale punto vendita B2B di notizie di canapa e CBD. I dati Nielsen informano il popolare “Sector Spotlight: Opportunities and Challenges in Smokable Hemp”.

Nuovo prodotto CBD disponibile ora in Perù

Un nuovo prodotto CBD su prescrizione è disponibile in Perù, un altro segno che il mercato si sta muovendo nella giusta direzione.Khiron Life Sciences, con sede a Toronto, una società con le sue operazioni principali in Colombia, ha affermato di essere diventata la “prima azienda a vendere e riempire prescrizioni di cannabis medica attraverso farmacie private in Perù”. Il CBD di Khiron è venduto tramite la catena di farmacie peruviane Farmacia Universal. Il prodotto è realizzato nelle farmacie. Con questa nuova opzione, i pazienti in Perù hanno accesso a due prodotti CBD soggetti a prescrizione. Uno è importato dagli Stati Uniti e venduto tramite una farmacia di proprietà e gestita dal governo; l’altro è il prodotto di Khiron importato dalla Colombia.

L’azienda farmaceutica Pharma, rivenditrice della catena dei suoi integratori, ha valutato congiuntamente il CBD durante gli incontri alla Casa Bianca    

Mentre l’industria della canapa attende la guida dei regolatori di alimenti e farmaci sulla possibilità di utilizzare il CBD come ingrediente di alimenti e integratori alimentari, l’Ufficio di gestione e bilancio della Casa Bianca continua a incontrare aziende e sostenitori del settore per ottenere informazioni. Nelle ultime settimane, due di quegli incontri che hanno discusso del futuro del cannabidiolo erano con il produttore di farmaci CBD GW Pharmaceuticals e la catena di rivenditori General Nutrition Centers (GNC), secondo quanto riportato da Cannabis Wire. GW Pharmaceuticals, con sede nel Regno Unito, è stata la prima azienda ad ottenere l’approvazione dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti per il suo farmaco per l’epilessia Epidiolex. La sua controllata statunitense Greenwich Biosciences sta facendo pressioni per le normative sul CBD in tutti i 50 stati ea livello federale. Stephen Schultz, vice presidente delle relazioni con gli investitori di GW Pharmaceuticals, ha affermato che la società ha ribadito all’OMB che qualsiasi approvazione di farmaci cannabinoidi o prodotti cannabinoidi nei beni di consumo dovrebbe essere basata su prove scientifiche.

Il farmaco CBD di GW Pharmaceuticals ottiene l’approvazione normativa in Australia    

Epidyolex, il farmaco a base di CBD di origine vegetale di GW Pharmaceuticals, ha ricevuto l’approvazione da parte dell’Australian’s Thercious Goods Administration (TGA) per essere utilizzato nel trattamento delle crisi legate alla sindrome di Lennox-Gastaut e alla sindrome di Dravet per i pazienti di età pari o superiore a 2 anni. L’approvazione è la terza principale approvazione normativa globale per Epidyolex, ha affermato GW in un comunicato stampa. “L’approvazione del TGA è un’ulteriore prova che i medicinali a base di cannabis possono passare con successo attraverso ampi studi randomizzati controllati con placebo e un rigoroso processo di valutazione per raggiungere i pazienti che ne hanno bisogno”, ha detto in una dichiarazione Chris Tovey, Chief Operating Officer di GW. GW, con sede nel Regno Unito, ha stretto una partnership con Chiesi Australia su Epidyolex e sta lavorando “per ottenere il rimborso del medicinale tramite un elenco nel Pharmaceutical Benefits Scheme (Australia)”.

Società farmaceutica californiana conclude l’acquisto di CBD Beauty, marcio per animali domestici    

Il produttore di CBD della Florida Veritas Farms sta cercando di raccogliere fino a 6 milioni di dollari per aumentare il marketing e espandere un impianto di produzione e distribuzione in Colorado. La società di Fort Lauderdale ha annunciato mercoledì che offrirà 8 milioni di azioni a 50 centesimi ciascuna per raccogliere $ 4 milioni. L’azione dà alla società la possibilità di espandere l’offerta a 12 milioni di azioni per raccogliere 6 milioni di dollari. L’azienda, che coltiva la canapa a Pueblo, in Colorado, afferma che utilizzerà i soldi per: Attività di marketing e vendita. Costruzione di una nuova struttura di produzione e distribuzione vicino all’aeroporto di Denver. Sviluppo di nuove varietà di canapa e prodotti aggiuntivi. Aggiornamenti software e altri scopi aziendali. Veritas rende i prodotti CBD venduti online e nei canali FDM. L’azienda opera sui mercati over-the-counter come VFRM.

 

 

Dati tratti da

 https://www.dailymarijuanaobserver.com/

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->