lunedì, Maggio 16

Borsa: canapa, ancora una settimana in rosso per Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, chiudono anche questa settimana in rosso. C’è molta volatilità sulle piazze internazionali, soffiano venti di guerra in Asia Centrale e certo i test missilistici della Corea del Nord e le questioni connesse con la distribuzione del gas dalla Russia attraverso l’Ucraina per alimentare il fabbisogno europeo, non aggiungono stabilità ad un clima di incertezza generale. Per avere dei raffronti nel settore parallelo della cannabis, si constata che l’indice generale Global Cannabis Stock Index chiude a 30.46, -0,58 (-1,87%). L’American Cannabis Operator Index chiude a 41,15, -0,97 (-2,30%). L’Ancillaris Cannabis Index chiude a 55,61, -1,05 (-1,85%). Il Canadian Cannabis LP Index chiude a 187.82, -3,48 (-1,82%)

Gli aggiornamenti del settore canapa/cannabis e le azioni da seguire con maggior attenzione nel mese di gennaio 2022

In questo momento le scorte di marijuana nel 2022 hanno mostrato alcuni progressi. Ora non stiamo parlando di corse importanti o cose del genere. Ma uscendo da un trend ribassista durato un anno, l’inizio del 2022 è stato finora giusto. Nelle prime 2 settimane dell’anno, il settore è stato in grado di vedere un po’ di consistenza al rialzo. Alcuni ritengono che questo aumento iniziale del trading sia dovuto all’entusiasmo di iniziare un nuovo anno. Eppure, a metà della prima settimana del 2022, la maggior parte delle azioni di cannabis stava affrontando un calo. Durante la seconda settimana di gennaio, si è verificato lo stesso andamento della prima.

Significa che c’è stato un trading più volatile. Tuttavia, il leggero slancio al rialzo ha aiutato alcuni titoli di marijuana in quel periodo. Che si tratti di eccitazione o speculazione, c’è molto in cantiere per questo nuovo anno. Molte aziende di cannabis si sono espanse attraverso fusioni e acquisizioni e l’apertura di nuovi dispensari. Oltre ad alcune aziende che hanno nuovi impianti di coltivazione e confezionamento. Oltre al lancio di nuove varietà e prodotti di cannabis. Per non parlare della maggior parte degli stati legali registrano entrate da record quasi ogni mese.

Che ha a che fare non solo con la legalità della cannabis, ma anche con l’aumento della domanda. Il 2022 sarà l’anno della promessa e dell’esecuzione. In particolare eseguendo su espansioni operative con quanto sopra menzionato. Oltre alla possibilità di vedere nuovi stati legali che presto voteranno sulla legalizzazione della cannabis. Con la cannabis legale che cresce e diventa più regolamentata, ora è il momento di investire. Quindi, poiché alcuni giorni avranno rifiutato di fare trading, usalo come vedova per trovare le migliori azioni di marijuana da acquistare.

Stai acquistando azioni di marijuana in questo momento Ecco cosa sapere

Non tutte le azioni di cannabis varranno l’acquisto solo a causa di quanto è sceso in basso. Dovrai fare le tue ricerche in anticipo. Gran parte degli acquisti avvenuti nell’ultimo anno e all’inizio del 2022 sono fuori speculazione. C’è ancora molto da vedere e da fare sia a livello legislativo che industriale. Con questo le persone guardano al progresso e al potenziale che ogni azienda ha al di fuori del mercato. Lo scopo di questo è quello di aumentare le scorte di marijuana in calo. Ma è al di fuori del mercato che gran parte del successo è stato catturato nell’ultimo anno. Con questo in mente, gli investitori vogliono essere preparati per il giorno in cui si verificherà davvero una corsa utile.

Aggiornamenti sulle scorte di marijuana e sull’industria della cannabis

Il 2022 ha molto potenziale per essere un grande anno dentro e fuori dal mercato. L’unica vera preoccupazione è non avere un altro anno di scarso commercio nel settore. Con questa paura tra gli investitori in azioni di cannabis, ci sono ancora molti nuovi sviluppi che potrebbero alleviare tutte le preoccupazioni. Ma dipenderà da coloro che hanno investito e se possono vedere il quadro più ampio. Anche se le cose dal punto di vista legislativo non vanno a finire come alcuni sperano, ci sono ancora altri fattori che aiutano a vedere una performance complessivamente migliore nel settore. Dato che è ancora all’inizio del nuovo anno, per ora è un gioco di pazienza per vedere cosa accadrà. Le azioni di marijuana da tenere d’occhio di seguito sono solo opzioni da tenere sotto controllo questa settimana.

Titoli da seguire con attenzione nel 2022

GrowGeneration Corp. (NASDAQ:GRWG)
Hydrofarm Holdings Group, Inc. (NASDAQ:HYFM)

 

GrowGeneration Corp.

GrowGeneration Corp. attraverso le sue sussidiarie possiede e gestisce negozi di giardinaggio idroponico e biologico al dettaglio negli Stati Uniti. Il 13 gennaio, la società ha rilasciato i suoi guadagni del quarto trimestre 2021. In questo momento, le entrate previste dell’azienda per il 2021 sono comprese tra $ 420 milioni e $ 422 milioni. Che è contro $ 193 milioni per l’intero anno 2020. Successivamente, le vendite dello stesso negozio dell’azienda aumentano del 24,4% per l’intero anno 2021 rispetto al 2020. Inoltre, un totale di 24 negozi nuovi e acquisiti nel 2021, ora con 62 sedi a livello nazionale.

Un altro momento clou è che il 1 ° gennaio 2022 GrowGen ha acquisito Mobile Media, Inc. La società che hanno acquisito è un produttore leader di sistemi di scaffalature e panche mobili verticali per interni. La società fornirà maggiori dettagli finanziari all’inizio di marzo 2022. Finora GrowGen si sta preparando per un altro anno promettente che porterà più occhi sull’azienda. Si spera che questo progresso aiuti le azioni GRWG a vedere una migliore performance complessiva del mercato.

Hydrofarm Holdings Group Inc.

Hydrofarm Holdings Group, Inc. insieme alle sue sussidiarie, si impegna nella produzione e distribuzione di attrezzature e forniture per l’agricoltura ad ambiente controllato (CEA) negli Stati Uniti e in Canada. In notizie recenti, la società ha rilasciato una nota sulla riaffermazione delle sue prospettive fiscali per il 2021. La società ha riaffermato le sue vendite nette e le prospettive EBITDA rettificate per l’intero anno fiscale 2021.

Come affermato in precedenza, la Società ha riaffermato quanto segue con un fatturato netto di circa $ 470,0 milioni a $ 490,0 milioni. Ciò rappresenta una crescita dal 37% al 43% rispetto all’anno fiscale 2020. Inoltre, la società ha registrato un EBITDA rettificato compreso tra $ 47,0 milioni e $ 53,0 milioni.

Anche la sua crescita organica per l’intero anno di circa il 18% al 23% e la crescita di M&A di circa il 19% al 20%. Se l’azienda riesce a mantenere questi numeri alti, il 2022 potrebbe essere un anno di ulteriori progressi da tenere d’occhio per questo stock di marijuana.

Dati tratti da https://www.marijuanastocks.com

Andamento borsistico aggiornato in data 21 gennaio 2022

Uno sguardo contestualizzato alla data del 21 gennaio 2022. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

Una tribù di nativi americani testa la canapa come ripulitore di 600 acri inquinati della sua terra

Una tribù di indiani d’America nel Maine sta testando la canapa come fitorimediatore per ripulire 600 acri inquinati della sua terra.La Aroostook Band of Micmacs ha riconquistato la terra nel 2009, quando il governo degli Stati Uniti ha ceduto alla tribù l’ex base dell’aeronautica militare di Loring, ma la terra era così inquinata da essere classificata come un sito di superfund federale. Molte delle tossine da allora sono state rimosse, ma ci sono ancora livelli di tossicità nel suolo e nell’acqua preoccupanti. Attraverso una collaborazione di ricerca in corso tra i membri della Micmac Nation, insieme a Limestone, azienda ambientale con sede nel Maine Upland Grassroots e scienziati in Connecticut e Virginia, la tribù sta studiando la capacità della canapa industriale di estrarre acido perfluorottansolfonico, comunemente noto come PFOS, dal suolo. I PFOS, insieme alle sostanze per- e polifluoroalchiliche inorganiche o PFAS, sono “sostanze chimiche per sempre” utilizzate nei prodotti industriali e domestici e si è scoperto che presentano rischi per la salute umana. Livelli pericolosi di PFOS e PFAS sono stati trovati nel suolo e nelle acque sotterranee, nonché nella carne, nelle uova e nei prodotti lattiero-caseari, lasciando le agenzie sanitarie alla ricerca di modi per identificare, mitigare e rimuovere questi rischi per la salute, ha riportato il Bangor Daily News. Se il progetto di ricerca avrà successo, piantare la canapa sarebbe la prima soluzione conosciuta per assorbire le sostanze chimiche dal suolo, secondo il gruppo.

Charlotte’s Web incrementa la distribuzione in 24 Stati grazie ad un accordo con GNC

Il produttore di CBD del Colorado Charlotte’s Web ha aggiunto la distribuzione in 24 Stati attraverso un nuovo accordo con GNC, un rivenditore di salute e benessere con sede a Pittsburgh.L’azienda afferma che sta aggiungendo sei varietà di caramelle gommose destinate a una funzione specifica, come il sonno e il benessere. Charlotte’s Web non ha specificato quante delle 2.000 sedi di GNC avrebbero trasportato le caramelle gommose, ma ha affermato che l’aggiunta lo porta a oltre 14.000 sedi fisiche in tutta la nazione. Jacques Tortoroli, CEO di Web di New Charlotte, ha affermato che “l’impronta consolidata di vendita al dettaglio di GNC aggiunge profondità alla nostra portata a livello nazionale e amplia l’accesso dei consumatori”. Il Web di Charlotte è quotato alla Borsa di Toronto come CWEB.

1933 Industries annuncia un accordo per acquisire la totalità di Day One Beverages

La società di marijuana del Nevada 1933 Industries ha annunciato un accordo su tutte le azioni per acquisire la totalità del produttore di bevande al CBD con sede in California Day One Beverages. In base all’accordo, il 1933 emetterà 55 milioni di azioni ai venditori, inclusi 45,2 milioni di azioni alla chiusura e 9,8 milioni in più in rate trimestrali, secondo un comunicato stampa di martedì mattina.Quelle azioni valevano CA $ 0,045 ciascuna sul Canadian Securities Exchange all’apertura del mercato martedì. I venditori potrebbero anche ricevere fino a 27,5 milioni di warrant per l’acquisto di azioni, esercitabili a $ 0,0545 per azione per 30 mesi dopo la chiusura, se vengono raggiunte le pietre miliari dei ricavi.Il 1933 presterà anche fino a $ 300.000 al Day One come parte dell’accordo, che dovrebbe concludersi alla fine di questo mese.”L’acquisizione prevista del Day One posiziona strategicamente l’azienda in prima linea in una delle categorie in più rapida crescita nel settore delle bevande”, ha dichiarato il CEO del 1933 Paul Rosen in una dichiarazione. “Con forti canali di distribuzione già in atto e un approccio innovativo al marketing, prevediamo che il Day One sarà un fattore chiave per la crescita dei ricavi dell’azienda in futuro”. Le partecipazioni in Nevada del 1933 includono coltivatori e produttori di cannabis

L’acquisto di cannabis in Quebec presto richiederà la dimostrazione di avvenuta vaccinazione completa anti-Covid

L’acquisto di cannabis in Quebec richiederà un vaccino contro il COVID-19, secondo una direttiva emessa dal governo della provincia la scorsa settimana. Il 6 gennaio il ministro della Salute Christian Dubé ha annunciato che i clienti che acquistano marijuana nei negozi finanziati dal governo devono mostrare la prova della vaccinazione completa contro il COVID-19. Il ministro della salute ha affermato che una data effettiva per il mandato del vaccino per l’acquisto di cannabis sarà determinata dai funzionari del governo una volta che tutti i cittadini avranno avuto la possibilità di ricevere una terza dose di vaccino. Dubé ha incoraggiato coloro che sarebbero stati interessati dal provvedimento a rimboccarsi le maniche e tirare. “Se i non vaccinati non sono contenti di questa situazione, c’è una soluzione molto semplice a tua disposizione”, ha detto Dubé in una conferenza stampa coperta da Fox Business. “È per vaccinarsi. È gratis. Se non vuoi vaccinarti, resta a casa”. Québec lancia il sistema di passaporti per i vaccini. La nuova direttiva amplia un sistema di passaporti vaccinali che richiede tre scatti. Attualmente, le persone di età pari o superiore a 50 anni possono accedere a un’iniezione di richiamo del governo, che prevede di espandere l’ammissibilità per i richiami a tutti gli adulti non appena la prossima settimana. Il mandato del vaccino per la cannabis si applica alle aziende finanziate dal governo o di proprietà statale note come società della corona che vendono marijuana o alcol. Secondo un rapporto di CTV Montreal, Yann Langlais Plante, portavoce della Société des alcools du Québec (SAQ), ha detto ai giornalisti che i rivenditori dell’organizzazione applicheranno il nuovo requisito del vaccino “come abbiamo fatto con tutti gli altri sforzi messi in atto dall’inizio della pandemia”.

Il Montana lancia la vendita di cannabis ad uso ricreativo

Le vendite legali di marijuana ricreativa sono iniziate in Montana con il nuovo anno sabato, meno di 14 mesi dopo che gli elettori nello stato hanno legalizzato l’uso e il commercio di cannabis per adulti. Gli elettori del Montana hanno legalizzato l’uso della marijuana ricreativa e regolamentato la vendita di cannabis per adulti con l’approvazione dell’Iniziativa 190 alle elezioni generali del novembre 2020, quando il 57% dell’elettorato ha votato a favore della misura del voto. Anche una misura complementare per fissare l’età legale per acquistare cannabis nel Montana a 21 anni, l’Iniziativa costituzionale 118, è stata approvata con un margine dal 58% al 42%. Ai sensi dell’Iniziativa 190, l’uso di marijuana ricreativa e il possesso fino a un’oncia di cannabis sono diventati legali per gli adulti di età pari o superiore a 21 anni il 1°gennaio 2021. Ma le vendite regolamentate di cannabis sono state ritardate fino al 1° gennaio 2022 dalla House Bill 701, la legislazione è stata approvata dai legislatori lo scorso anno per attuare la misura del voto favorevole. HB 701 consente inoltre agli adulti di coltivare fino a due piante di cannabis mature e due immature a casa, con un cappello di quattro piante mature per famiglia. I prodotti a base di marijuana ricreativa venduti nel Montana sono soggetti alle normative previste dalla legislazione, incluso un limite del 35% di THC sui fiori di cannabis. I prodotti commestibili sono limitati a 100 mg di THC per confezione e una porzione massima di 10 mg di THC. Il Dipartimento delle entrate del Montana ha il compito di sviluppare e regolamentare il nuovo mercato statale della marijuana ricreativa e sarà responsabile della licenza di coltivatori, trasformatori, distributori e rivenditori di cannabis per uso adulto.

 

Dati tratti da

The Daily Marijuana Observer | Cannabis Investment News and More… (mjobserver.com)

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->