sabato, Maggio 21

Borsa: canapa, anche febbraio si apre in rosso per Canada e USA Borsino andamento principali titoli canapa industriale

0

Le due principali piazze borsistiche mondiali nel settore della produzione, trattamento e commercializzazione della canapa, ovvero Canada e USA, aprono il mese di febbraio 2022 in rosso, così come si era chiuso il mese di gennaio. In verità, tutto intero il mese di gennaio è stato rosso, indicando una apertura del nuovo anno con cattivi presagi. Permane molta volatilità ma soprattutto un andamento depressivo, tra le varie cause, anche i tassi inflazionistici in varie Nazioni, soprattutto mentre si lotta con gli effetti sui mercati internazionali della pandemia da Covid. Per avere dei raffronti nel settore parallelo della cannabis, si constata che l’indice generale Global Cannabis Stock Index chiude a 28.93, -0,93 (-3,08%). L’American Cannabis Operator Index chiude a 40,76, -1,09 (-2,60%). L’Ancillaris Cannabis Index chiude a 53,55, -1,08 (-1,98%). Il Canadian Cannabis LP Index chiude a 180.68, -4,48 (-2,42%)

Gli aggiornamenti del settore canapa/cannabis e le azioni da seguire con maggior attenzione in chiusura del mese di febbraio 2022

Negli ultimi giorni, molti titoli di marijuana sono diventati green. Gran parte di ciò è dovuto al voto imminente per l’approvazione del sistema bancario della cannabis. Quindi c’è un po’ di eccitazione su ciò che potrebbe accadere. Con l’entrata in vigore del sistema bancario della cannabis, sarà un’enorme mossa e una pietra miliare. Bene, per cominciare, la cannabis è ancora illegale a livello federale. Anche se più della metà degli Stati Uniti ha già legalizzato la marijuana in qualche modo. Tuttavia, con più stati che vedono un aumento delle vendite di cannabis, avere un qualche tipo di riforma bancaria sarebbe di grande aiuto.

Che si spera continuerà a risuonare bene tra la maggior parte delle scorte di marijuana. Inoltre, recentemente le società di carte di credito hanno scoperto come alcuni dispensari utilizzano le carte di debito. Questo viene fatto attraverso l’uso di bancomat senza contanti. Quindi, con questo, invia un messaggio di I Importanza che qualcosa deve essere fatto. Tuttavia, c’è più della semplice riforma della cannabis che potrebbe dare slancio alle scorte di marijuana.

Nell’ultimo anno, alcune aziende di cannabis, sebbene siano scese nel mercato al di fuori di esso, stanno fiorendo. Questa è stata una grande tendenza lo scorso anno, performance di mercato scadente ma grande crescita e progresso. Più un’azienda può mostrare redditività in un mercato in ribasso, più ragioni si dovrebbero acquistare quelle azioni di marijuana.

Le azioni di marijuana stanno cercando di sostenere un trading migliore

Tuttavia, è molto presto nell’anno per dire con certezza come andranno le cose. Quindi, con molto ancora da vedere, tutto ciò che le persone possono fare è rimanere pazienti e trarre vantaggio da eventuali ritiri che si verificano. Indipendentemente dal settore, il nome del gioco è comprare basso e vendere alto. Assicurati solo di fare i compiti in modo da poter limitare il maggior rischio possibile. Le azioni di marijuana menzionate in questo articolo sono alcune opzioni da tenere sotto controllo nel 2022.

Titoli da seguire con attenzione nel febbraio 2022

Curaleaf Holdings, Inc. (OTC:CURLF)

Trulieve Cannabis Corp. (OTC:TCNNF)

 

Curaleaf Holdings, Inc.

Curaleaf Holdings, Inc. opera come operatore integrato di cannabis medica e per il benessere negli Stati Uniti. Opera in due segmenti, Cannabis Operations e Non-Cannabis Operations. Il segmento Cannabis Operations si occupa della produzione e vendita di cannabis attraverso i canali di vendita al dettaglio e all’ingrosso. Il segmento Operazioni non cannabiche fornisce servizi professionali, tra cui coltivazione, lavorazione, solo per citarne alcuni. Recentemente la società ha annunciato il completamento dell’acquisizione di Bloom Dispensaries.

Con la conclusione della transazione, l’impronta al dettaglio di Curaleaf ha raggiunto 13 dispensari in Arizona e 121 a livello nazionale. A seguito di questa notizia, l’azienda ha anche annunciato l’apertura di 2 nuovi dispensari in Pennsylvania. Le ultime sedi di Curaleaf a Greensburg e Wayne aumenteranno l’impronta al dettaglio dell’azienda a 14 dispensari in tutto lo Stato e 125 in tutto il Paese.

Parole dell’azienda

“Curaleaf è orgogliosa di ampliare il proprio ambito di cura dei pazienti e di fornire prodotti a base di marijuana medica di alta qualità alle nostre comunità mediche di Greensburg e Wayne”, ha affermato Joe Bayern, amministratore delegato. “La nostra ultima espansione della vendita al dettaglio ci consente di supportare ulteriormente i pazienti nello stato della Pennsylvania e di lavorare con stimati scienziati su studi essenziali sulla marijuana medica che consentiranno sia ai medici che ai pazienti di prendere decisioni consapevoli e informate”.

Trulieve Cannabis Corp.

Trulieve Cannabis Corp. -insieme alle sue sussidiarie- opera come azienda di cannabis medica. L’azienda coltiva e produce prodotti internamente e distribuisce i suoi prodotti ai negozi a marchio Trulieve negli Stati Uniti. Nell’ultima settimana, Trulieve ha apportato diversi importanti aggiornamenti aziendali. Il 25 gennaio, l’azienda ha celebrato il completamento del suo rebranding in tutto lo stato in Pennsylvania.

Un altro annuncio che è stato fatto è che la società porterà esclusivamente la cannabis Miami Mango nel sud della Florida. La famosa Mango Haze del marchio sarà la prima varietà lanciata esclusivamente per i pazienti medici Trulieve nel mercato della Florida meridionale. A partire da fine febbraio, Trulieve offrirà Mango Haze di Miami Mango in un volo per includere fiori, pre-roll, oli e concentrati.

Parole del CEO

“Trulieve è entusiasta di collaborare con Miami Mango, che è stata ricercata nel sud della Florida e oltre per decenni”, ha affermato Kim Rivers, CEO di Trulieve. “In qualità di leader di mercato della Florida, questa partnership esemplifica il nostro impegno nel fornire la più alta qualità e la più ampia selezione di prodotti alla comunità della cannabis medica della Florida”.

Dati tratti da https://www.marijuanastocks.com

Andamento borsistico aggiornato in data 4 febbraio 2022

Uno sguardo contestualizzato alla data del 4 febbraio 2022. Lo scenario globale delle società che operano nella lavorazione, coltivazione, trattamento e commercializzazione di canapa e le novità di un mercato di settore in forte fermento. Innovazione tecnologica, scoperte, variazioni economico/finanziarie, nuove opportunità di crescita, nonostante la crisi del Coronavirus a livello mondiale.

PepsiCo punta alle consumatrici più giovani per le sue bevande energetiche ai semi di canapa

PepsiCo ha in mente le consumatrici più giovani con il lancio negli Stati Uniti di bevande energetiche ai semi di canapa.Rockstar Energy, un marchio di bevande di proprietà di PepsiCo, afferma che i suoi tre gusti di Rockstar Unplugged con semi di canapa sono rivolti alle donne più giovani che non gravitano verso le bevande energetiche così comunemente come i maschi. Le bevande sono state lanciate a livello nazionale martedì e al dettaglio per $ 1,99 per una lattina da 12 once, ha affermato la società. Non contengono cannabinoidi. “Il novantuno percento dei nostri consumatori ci ha detto di volere una bevanda che sollevasse il loro umore”, ha affermato Fabiola Torres, direttore generale di PepsiCo e chief marketing officer della sua attività energetica. PepsiCo ha rilasciato l’anno scorso una linea di bevande energetiche alla canapa in Germania ed è rimasta soddisfatta dei risultati. La scorsa estate, PepsiCo si è unita alla sua rivale Coca-Cola e ai colossi dei prodotti di consumo, tra cui Kellogg, nell’appellarsi alle autorità sanitarie statunitensi affinché ottengano regolamenti per consentire il CBD da banco. La lettera della Consumer Brands Association affermava che l’attuale politica statunitense sul CBD “non funziona” perché il CBD non è consentito in alimenti, bevande e integratori alimentari, ma tali prodotti sono comunque comunemente venduti da aziende che violano le normative della Food and Drug Administration statunitense. PepsiCo planto promuove la sua nuova bevanda alla canapa con una serie di tre concerti in collaborazione con il franchise Unplugged di MTV.

Oregon State University: a breve test sui cannabinoidi impiegati per bloccare il Covid-19

Gli studi preclinici che testano i cannabinoidi derivati ​​dalla canapa per impedire a COVID-19 di entrare nelle cellule umane si verificheranno entro pochi mesi, secondo lo scienziato della Oregon State University che ha condotto una ricerca rivoluzionaria. Richard van Breeman, ricercatore presso il Global Hemp Innovation Center della Oregon State University, il College of Pharmacy e il Linus Pauling Institute, ha annunciato lunedì che gli studi potrebbero coinvolgere sia colture cellulari che modelli animali per testare la sicurezza e l’efficacia di un nuovo farmaco candidato. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti richiede studi preclinici prima che possano iniziare qualsiasi sperimentazione clinica umana, ha affermato van Breeman.”Abbiamo bisogno di studi preclinici per dimostrare l’efficacia di ciò che abbiamo scoperto e penso che accadrà molto presto, nei prossimi mesi”, ha affermato. Lo studio, pubblicato all’inizio di questo mese, ha attirato un’attenzione significativa in tutto il mondo, compresi i contatti di diverse aziende interessate a collaborare con l’Oregon State per ulteriori lavori sui composti CBDA e CBGA della canapa, acidi che sono abbondanti nella canapa e negli estratti di canapa. L’università non ha detto dove sta reperendo i composti di canapa per la sua ricerca. La notizia degli studi preclinici segue un avvertimento di ricercatori e leader del settore che avvertono gli imprenditori della cannabis di non promuovere prodotti a base di cannabinoidi sulla base dei primi risultati della ricerca.

BevCannana completa l’acquisizione di Embark Health per 21 milioni di dollari in azioni

BevCanna, un produttore canadese di bevande CBD white label e bevande Keef Brands THC, ha completato l’acquisizione di tutte le azioni da 21 milioni di dollari di Embark Health, con sede a Toronto, una società di estrazione senza solventi. La società con sede a Vancouver, nella Columbia Britannica, ha annunciato la chiusura venerdì. John Campbell, CFO di BevCanna, ha affermato che l’acquisizione include attrezzature per 11 milioni di dollari e un impianto di estrazione a Delta, nella Columbia Britannica.L’accordo include anche la proprietà di maggioranza di ProteinQuest, che produce cibo dal grano di canapa. BevCanna è quotata alla Canadian Securities Exchange come BEV.

La canadese Icanic Brands acquisisce Leef Holdings per 120 milioni di dollari in azioni

Icanic Brands, un’azienda canadese che offre prodotti a base di marijuana in California e Nevada, sta acquisendo una società di estrazione della California per $ 120 milioni. La società di estrazione, Leef Holdings, estrae e distribuisce concentrati di CBD a Willits, in California. L’azienda dispone anche di una linea di produzione di edibles. Secondo i termini dell’accordo definitivo, Icanic acquisirà tutte le azioni di Leef per almeno $ 120 milioni o più in base al doppio delle entrate di Leef per un periodo di 12 mesi terminato il 30 settembre 2021. L’acquisizione dovrebbe essere completata prima di marzo 31, a seconda delle approvazioni dei regolatori e degli azionisti Leef. Leef sta costruendo un impianto di lavorazione di 45.000 piedi quadrati e ha recentemente ricevuto un permesso per un sito di coltivazione di 186,7 acri in California, hanno affermato le società nell’annuncio di acquisizione. Leef possiede e gestisce i marchi Leef Organics, Heady e Paleo Paw e ha un’opzione per acquistare il marchio Real Deal Resin. Il portafoglio di marchi di Icanic include GanjaGold e Taylor’s. La società con sede a Vancouver, nella Columbia Britannica, opera sul Canadian Securities Exchange sotto ICAN e sui mercati over-the-counter statunitensi come ICNAF.

Bast Fiberl Technologies acquista lo stabilimento nella Carolina del Nord della Georgia-Pacific

Un’azienda canadese che produce fibre non tessute naturali ha acquistato uno stabilimento nella Carolina del Nord dal gigante della cellulosa e della carta Georgia-Pacific. Bast Fiber Technologies Inc. afferma di voler espandere la fabbrica di cellulosa di Lumberton dalla produzione di prodotti igienici derivati ​​​​dalla polpa di legno come fazzoletti e carta igienica alla produzione anche di prodotti simili da canapa e lino. Un prezzo di acquisto non è stato rivelato per la fabbrica di Lumberton, a circa 80 miglia a ovest di Wilmington. Una portavoce della BFT ha detto a Hemp Industry Daily che la struttura manterrà i suoi circa 25 dipendenti e li trasferirà al lavoro con canapa e lino. “Quello che fa è portare un approvvigionamento sostenibile per i coltivatori di canapa del Nord America”, ha detto Larisa Harrison.BFT collabora da tempo con Georgia-Pacific. Due anni fa, BFT ha concesso in licenza una serie di brevetti relativi alle fibre liberiane in una varietà di prodotti e processi non tessuti da Georgia-Pacific Consumer Products. La fibra di rafia proviene dalla corteccia interna del gruppo di piante della famiglia di rafia, tra cui canapa, lino, iuta e kenaf. I materiali non tessuti sono realizzati con fibre legate a sostanze chimiche, solventi o calore. BFT ha sede a Victoria, British Columbia, ed è una società privata.

 

 

Dati tratti da

The Daily Marijuana Observer | Cannabis Investment News and More… (mjobserver.com)

Marijuana Investments Data base

https://www.dailymarijuanaobserver.com/marijuana-stock-database

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->