sabato, Luglio 31

Boris Johnson, nuovo affondo alla Russia che appoggia Assad

0

La Russia deve porre termine alla politica di ‘tossico’ sostegno al presidente siriano Bashar al Assad. E’ il concetto che va ripetendo ormai da giorni il ministro britannico degli Esteri, Boris Johnson. «E’ ora che Vladimir Putin affronti la verità sul tiranno che sta puntellando», ha detto Johnson poco prima del G7 di Lucca, «dobbiamo far presente con chiarezza a Putin che è finito il tempo di appoggiare Assad», appoggio che «danneggia la Russia».

«Dobbiamo capire che Assad ora è tossico in tutti i sensi. Avvelena persone innocenti in Siria con armi che sono state bandite 100 anni fa e sta avvelenando la reputazione della Russia», è il messaggio che Johnson ha inviato al Cremlino. Favorevole a nuove sanzioni, Johnson poche ore dopo l’attacco americano in Siria ha anche annullato il viaggio a Mosca, dove doveva vedersi con il collega russo Sergey Lavrov. E al Cremlino non l’hanno presa bene, tanto che la portavoce ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha detto: «Pare che i nostri colleghi occidentali vivano in una realtà propria, in cui prima cercano autonomamente la costruzione di un piano collettivo e poi altrettanto autonomamente cambiano idea inventando pretesti assurdi». Ora però ecco il nuovo affondo di Johnson nei confronti di Mosca.

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->