mercoledì, Agosto 4

Bonus edilizia: pasticcio all’italiana Una tecnica vecchia, tipo saldo truccato. Si alzano molto i prezzi e poi si usano i bonus e alla fine il cittadino paga come prima o ancora di più

0

Siamo in Italia, paisà. E così il superbonus del 110%, quello del 90% e quello del 50 si stanno trasformando nelle solite fregature per i cittadini.

Intanto per il 110% c’è un mare di ricorsi legali sui requisiti di ottenibilità, ma il vero problema è l’aumento sconsiderato e gonfiato dei preventivi che le ditte richiedono ai condomini, dicendo che la colpa è del rialzo delle materie prime.

Naturalmente è in corso il rimpallo tra produttori di materie prime e ditte, ma alla fine chi ci rimette è il cittadino che il bonus rischia di vederlo con il binocolo.

La situazione è tanto seria che il governo ha deciso di intervenire con misure specifiche come quelle di compensazione o dei conguagli. Il Codacons ha già presentato un esposto alla magistratura, mentre si sta attivando l’Antitrust su segnalazione del senatore Elio Lannutti.

Resta il fatto che, alla fine, i condomini si vedono recapitare preventivi stellari dopo aver magari approvato i lavori di ristrutturazione confidando sui vari bonus e superbonus che sono stati assorbiti completamente dal rialzo dei costi.

Insomma, una tecnica vecchia, tipo saldo truccato. Si alzano molto i prezzi e poi si usano i bonus e alla fine il cittadino paga come prima o ancora di più.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista professionista e scrittore. Laureato in Fisica. E’ stato anche deputato della Repubblica.

End Comment -->