martedì, Ottobre 19

Bons baisers dalla Francia: il bacio rivoluzionario

0
1 2


Parigi – L’abitudine francese allabise‘, ovvero, al bacio che bisogna dare a tutti, ma proprio a tutti, quando ci si presenta o ci si saluta è una cosa fondamentale della cultura francese. Questa abitudine, infatti, è parte degli usi francesi, un po’ come il formaggio o la baguette: ogni volta che ti viene presentato qualcuno bisogna scambiarsi un bacio; ogni volta che si arriva in un posto si devono salutare tutti… con un bacio; ogni volta che si parte bisogna darsi un bacio. Si tratta sempre di un doppio bacio sulla guancia certo… ma immaginate di dover salutare 5, 6, 10 o 14 persone!  Ma scopriremmo che in fondo ‘faire la bise è un atto repubblicano che affonda le sue radici nella rivoluzione del 1789.

Gli occidentali si baciano di più che gli africani o gli asiatici. Ci sono diversi modi di baciare. C’è il bacio amoroso, il bacio sessuale, amichevole. Baci, che sostituiscono la stretta di mano quando due persone si incontrano per la prima volta. Essi sono l’espressione di un desiderio di entrare in un collegamento immediato di familiarità.  Il bacio di affetto è uno delle usanze che ha osservato Cyrielle Drago, universitaria che ha studiato la psicologia multiculturale, è una degli autori dello studio ‘Communication non-verbale et interculturalité: rituels de salutations‘.

Ciò che è interessante nel baccio, fa notare Cyrielle Drago, è che “tocca il viso, generalmente poco esposto alle interazioni tra gli individui”. Le guance, parte del corpo senza molto interesse, diventano la sede visibile del sentimento. “I bambini sono soggetti di innumerevoli baci da parte di tutti“, dice la psicologa. Un bacio d’amore non è riservato  solo agli individui, pure gli animali domestici si baciano. Abbiamo iniziato baciarci migliaia di anni fa, tra genitori, figli, è sempre stato ‘un affare’ di famiglia.

 

Famiglia a parte, Cyrielle Drago, ci dica, cosa succede con una persona che non fa parte della famiglia?

Quando lasciate che qualcuno si avvicini a meno di 1,80 metri gli consentite nel vostro spazio personale. È per questo che le braccia sono sempre sollevate quando si bacia, per mostrare un segno di pace e che non si nascondono armi. Un bacio con una persona che non fa parte della famiglia è una questione di fiducia.

 

Perché lasciarsi toccare la pelle del viso?

Se lascio che un altra persona tocchi la mia pelle con le sue guance è un segno di fiducia e di pace. I modi di bacaire sono dei segni molto franchi, diretti, e senza ambiguità, e permettono di ri-sentire le emozioni dell’altro e di allinearsi su più livelli. Il contatto con la pelle crea forti relazioni personali.

 

C’è quindi anche un lato animale nel bacio?

Sì e No. Ci si profuma per proiettarsi verso gli altri. Questi sono indicatori di salute e di autostima per se stessi e gli altri.

 

Americani o inglesi dicono che baciare ha un lato sessuale?

Quando si è i primi ad aver inventato qualcosa che funziona si è sempre invidiati.  A Hollywood hanno addirittura inventato il bacio cinematografico. Hollywood copia e trasforma le vicende storiche e sociali in grandi spot cinematografici, il cui unico scopo è quello di vendere. ‘Fare un bacio’ alla francese non può essere venduto, perché è un atto repubblicano,  un atto rivoluzionario.

 

Quindi è tipicamente francese !?

Si. Baciare alla francese è baciare sulla base dei principi rivoluzionari del 1789 e repubblicani del 1793: Liberté, Egalité, Fraternité. Non esiste un equivalente in nessun altro Paese, può esistere in Francia.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->