giovedì, Settembre 23

Bolivia: manifestanti disabili si scontrano con la polizia

0

La scorsa settimana decine di disabili su stampelle e sedie a rotelle si sono scontrati con la polizia antisommossa a La Paz, capitale della Bolivia, mentre manifestavano per richiedere un aumento dei benefici e un miglioramento dell’assistenza statale nel Paese. Il gruppo formato da 150 persone fra disabili e loro familiari, ha percorso più di 230 km per tutto il Paese per fare pressione sul governo ed aumentare i loro benefici statali.

Sono stati utilizzati anche spray al pepe e gas lacrimogeni da parte delle forze dell’ordine per fermare i manifestanti prima che raggiungessero il legislatore ed il palazzo presidenziale, per consegnare una petizione parlamentare che richiede la triplicazione del contributo statale: aumentando così i miseri 1000 boliviani (pari a $ 144) al mese di sussidio statale per i disabili. I manifestanti hanno cercato di sfondare le linee utilizzando le loro stampelle e sedie a rotelle, ma sono stati costretti di nuovo in una mischia causata dalla polizia in cui diverse persone sono rimaste ferite e quattro sono state arrestate.

Uno dei manifestati ha commentato: «Siamo venuti qui pacificamente come persone disabili, ma purtroppo la polizia ha usato acqua sporca su di noi, che ha reso i nostri vestiti, beni di consumo e oggetti personali bagnati».

Gli organizzatori della protesta hanno poi dichiarato uno sciopero della fame.

 

 

 

 

 

(video tratti dai canali YouTube di ODN e No Comment TV)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->