giovedì, Aprile 15

Bolide sulla Terra: le immagini riprese da Paolo Nespoli 'Potrebbe essere un detrito spaziale che sta rientrando, ma guardando l’angolo di entrata notiamo come stia entrando con un angolo troppo netto'

0

Sono sempre più frequenti i video sulla Rete che riguardano bolidi che sorvolano i cieli del nostro Pianeta. Uno degli ultimi ha attraversato i cieli d’Europa ed è stato fotografato anche dall’Italia. Pochi giorni prima un altro bolide era stato osservato dalla Stazione Spaziale Internazionale e fotografato dall’astronauta Paolo Nespoli.

Alle 17,45 italiane del 14 novembre un meteorite delle dimensioni di un pallone da calcio è entrato nell’atmosfera a circa 50 chilometri a Nord-Est della città tedesca di Darmstadt. La sua scia luminosa è stata vista, oltre che in Germania, in Francia, Svizzera, Austria e Lussemburgo. Il bolide è stato fotografato anche dall’Italia, dalle Dolomiti.

«L’impatto, avvenuto ad almeno 70.000 chilometri orari, ha generato una palla di fuoco molto luminosa», ha spiegato Rudiger Jehn, del programma Space Situational Awareness dell’Esa. In questi giorni, ha rilevato l’Esa, oltre 1.150 meteore molto luminose sono state segnalate all’Organizzazione Meteorologica Internazionale, e sarebbero tutte collegate alle Tauridi, le stelle cadenti d’autunno generate dalle particelle lasciate dalla cometa Encke.

Qui proponiamo il video di Nespoli, che ha ripreso il bolide il 9 novembre. «In effetti sembra una meteora brillante, o una palla di fuoco», ha dichiarato Detlet Koschny, esperto del programma di sensibilizzazione sulla situazione spaziale dell’Agenzia spaziale europea, in questo blog dell’ESA. «E’ più luminoso di tutte le stelle sullo sfondo; solo alla fine del video, prima dell’alba, vediamo qualcosa di una lucentezza simile – immagino sia Venere. Quindi, se si tratta di una meteora, allora potrebbe essere un oggetto di dimensioni decimetriche… Potrebbe essere un detrito spaziale che sta rientrando, ma guardando l’angolo di entrata (utilizzando il riflesso sulle nuvole come riferimento) notiamo come stia entrando con un angolo troppo netto».

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->