giovedì, Settembre 23

Bloccato il confine tra Afghanistan e Pakistan field_506ffbaa4a8d4

0

Aumentano le tensioni tra Pakistan e Afghanistan, in seguito alla chiusura della recinzione lunga oltre 2 km (precisamente 2250 chilometri), al valico di Torkham, dove confinano i due Paesi. Questa barriera è chiamata anche ‘linea Durand‘, poiché è stata delimitata da Mortimer Durand, durante il dominio britannico in India, oltre un secolo fa. Da tre giorni, il confine è stato chiuso per impedire qualsiasi spostamento e per mantenere un controllo sulle persone che attraversano la frontiera. Migliaia di camion sono stati bloccati al confine per tre giorni e molti si sono trovati costretti ad accamparsi sul ciglio della strada, senza cibo e senza acqua, in condizioni difficili. Tra gli accampati, molte famiglie in attesa di attraversare il confine con l’Afghanistan, intenzionati a tornare in patria per iniziare una nuova vita dopo aver trascorso quasi tre decenni come rifugiati in Pakistan. Il confine compromette seriamente i rapporti tra i due Paesi che, nemmeno dopo i colloqui di giovedì, hanno trovato un accordo. Dunque, migliaia di persone sono ancora bloccate lungo entrambi i lati del confine.

Ma, facendo il punto della situazione: perché il confine è stato chiuso? Martedì le forze pakistane hanno bloccato la frontiera per fermare i movimenti transfrontalieri illegali, mentre le forze afgane non sono d’accordo sulla chiusura della recinzione. Si tratta di controversie sulle misure di gestione del confine, poiché il Pakistan non vuole estendere soggiorno rifugiati afghani e l’Afghanistan non vuole la chiusura della frontiera.

L’ambasciatore afghano, Islamabad Omar Zakhliwal, ha esortato i suoi connazionali a non esercitare alcuna pressione e a tollerare tutti i problemi per il bene dell’interesse nazionale e ha invitato le autorità di entrambe le parti a superare questi problemi. «Ci sono state differenze tra le due parti sull’attuazione delle misure per gestire e regolare il confine, perciò il confine è stato temporaneamente chiuso», ha spiegato l’ambasciatore.

(Tratto dal canale Youtube: Al Jazeera english)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->