martedì, Giugno 15

Black friday: è giunto il giorno degli sconti pazzi Dagli Stati Uniti all' Italia, è partita la corsa agli acquisti

0

Come si vede nel video, in molti, già a partire dalle 17 di ieri (ora locale), erano in fila di fronte al Macy’s Department Store di New York, in occasione dell’ inizio del Black friday.  Black Friday, che significa “venerdì nero” è negli Stati Uniti il giorno successivo al Thanksgiving Day (giorno del ringraziamento) e tradizionalmente inaugura la stagione dello shopping natalizio con 24 ore di sconti pazzi, sia a negozio che online.

Di per sè il termine Black friday nasce dalla difficoltà che la polizia locale aveva, negli anni Sessanta, a gestire il traffico pubblico. Anche se poi ingorhi e file sono divenute caratteristiche proprie di questo weekend  di offerte che è stato via via protratto al lunedì successivo, ribattezzato ‘Cyber-monday’ e dedicato ai ribassi nel settore dell’elettronica.

Nei soli Stati Uniti, secondo la stima della National Retail Federation americana, 164 milioni sarebbero gli acquirenti e la media degli sconti si aggirerebbe intorno al 20%. I commercianti metterebbero in sconto tutto il proprio assortimento.

«Anche se si tratta di una iniziativa nordamericana nata già negli anni ’60, si sono moltiplicate anche in Italia promozioni commerciali per l’occasione che si allargano dal web ai grandi gruppi fino ai mercati contadini. La tendenza nazionale non è però quella di concentrare le offerte in un periodo limitato, ma di spalmarle durante l’intero week end» ha spiegato la Coldiretti.

Nel weekend del Black Friday, secondo un’ indagine Coldiretti/Ixè, farà acquisti circa il 54 per cento degli italiani, attraverso le varie modalità di acquisti. «Per questo chiediamo non solo di istituzionalizzare il Black Friday a pari degli Stati Uniti, ma anche di aumentare le promozioni e le vendite scontate da qui a Natale» ha dichiarato il Presidente del Codacons Carlo Rienzi.

Lo stesso ha inoltre rinnovato l’ appello alla massima attenzione, soprattutto per lo shopping attraverso il web, alle truffe: «Invitiamo i cittadini alla massima attenzione il rischio di cadere in truffe e raggiri durante il Black Friday è altissimo».

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->