lunedì, Giugno 21

Black Friday e Cyber Monday, occhio alle truffe Due giornate di sconti della tradizione Usa, ma ormai anche europea. Non solo l'ora di buoni affari ma anche l’occasione di vendere prodotti contraffatti

0

Ormai anche in Italia è scoppiata la febbre da Black Friday. L’avvenimento del 24 novembre sarà seguito poi da quello del 27, ossia il Cyber Monday. Non si tratta nient’altro che di due giornate di sconti ormai da tempo entrate nella tradizione Usa, ma che da qualche anno danno inizio anche da noi alla stagione degli acquisti di Natale.

Per molti però non sarà solo l’ora di buoni affari ma anche l’occasione di vendere prodotti contraffatti.  A lanciare l’allarme l’Associazione europea dei brand, l’AIM. In Italia, come all’estero, il fenomeno del Black Friday è in crescita. Da giorni siti di e-commerce propongono sconti che in alcuni casi possono arrivare fino al 70- 80%. In Italia il portale di comparazione prezzi Idealo ha rilevato, nel 2016, un aumento di interesse del 99,7% per il venerdì nero e del 63,1% per il lunedì cibernetico. Gli italiani più impegnati nella caccia agli affari online sono stati gli uomini tra 18 e 44 anni, attivi nelle ore serali.

Ma, ripetiamo, il pericolo di truffa è dietro l’angolo. In una lettera al presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, l’AIM ha sollecitato misure per la protezione della proprietà intellettuale e dei brevetti dei prodotti originali. Secondo gli ultimi dati, in dieci anni il mercato della contraffazione ha superato i 400 miliardi di euro, grazie anche all’elusione fiscale e al mancato rispetto delle normative sul lavoro.

Ma non è tutto: il Black Friday e il Cyber Monday sono occasioni ghiotte anche per gli hacker. A ribadire l’allarme è Kaspersky Lab, sulla base delle rilevazioni effettuate negli ultimi anni. Quindi occhio a mail sospette e falsi siti che puntano a rubare i dettagli delle carte di credito.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->