giovedì, Ottobre 21

Bitcoin verso i massimi di sempre: cosa aspettarsi dalle Criptovalute? Maggiori applicazioni verranno introdotte nel ‘vivere quotidiano’, maggiori saranno le possibilità che il prezzo delle quotazioni possa subire un ulteriore, brusco rialzo

0

Che il mondo delle criptovalute stia catturando, sempre di più, l’attenzione degli investitori è cosa ormai risaputa. Il mondo della finanza, infatti, si divide tra chi crede che le monete digitali siano “l’oro del nuovo millennio” e chi, invece, sostiene che si tratti di una bolla destinata a spegnersi nel prossimo futuro.

Ma stando all’andamento delle quotazioni degli ultimi 12 mesi sembra che il mondo delle criptovalute continui a raccogliere consensi a 360 gradi, anche e soprattutto, attraverso le applicazioni partiche nella vita di tutti i giorni. Ma andiamo con ordine e cerchiamo di fare un po di chiarezza partendo da alcune delle principali news che hanno caratterizzato questi ultimi giorni.

Bitcoin: Miami vuole introdurre i pagamenti in criptovalute

Una delle novità più interessanti, pubblicata sul sito www.criptovaluta.it , è quella relativa al bitcoin e in particolare ad una sua possibile applicazione pratica nella città di Miami. Il sindaco Francis Suarez, infatti, da sempre molto aperto e attento al mondo delle criptovalute, starebbe lavorando per consentire ai dipendenti pubblici di essere pagati in bitcoin.

Quella di Miami, se confermata, potrebbe essere un’applicazione pratica molto importante e potrebbe fare da apripista, in un certo senso, dando il via ad una serie di iniziative del genere sia per quel che riguarda gli USA, sia per il resto del mondo. Ma c’è di più. Il sindaco di Miami starebbe anche lavorando alla possibilità di permettere agli stessi cittadini di pagare le tasse in bitcoin. E proprio gli USA si confermano una delle patrie più amate dagli adepti delle criptovalute, non a caso proprio adesso che la Cina si è dimostrata ostile nei confronti delle valute digitali.

E se ci fosse bisogno di ulteriore conferma dell’interesse che questo settore sta dimostrando a livello globale, va detto che perfino al G7 è previsto che i ministri economici parlino di Bitcoin e di quali misure introdurre per garantire trasparenza e sicurezza. Tutti requisiti fondamentali per poter diffondere l’utilizzo delle criptovalute nella vita di tutti i giorni.

Bitcoin: cosa aspettarsi nei prossimi giorni

In queste ultime ore il bitcoin, seguito da moltissime altre criptovalute, si è spinto su quotazioni molto alte, prossime ai massimi di sempre. Ovviamente quello delle monete virtuali è un settore altamente volatile dove ad alti rialzi seguono, spesso, altrettanti violenti ribassi pertanto la prudenza è d’obbligo.

Tuttavia sono in molti a paventare la possibilità di vedere il Bitcoin, entro la fine dell’anno, a quota 100 mila dollari. Un livello impensabile anche solo fino a 12 mesi fa e che oggi, al contrario, appare davvero alla portata della criptovaluta per eccellenza.

Ma quali sono i requisiti fondamentali per permettere al Bitcoin di arrivare su quei livelli (e possibilmente di rimanerci)? Sicuramente, uno degli aspetti che maggiormente potrebbero incidere, è quello legato all’utilizzo della moneta. Maggiori applicazioni verranno introdotte nel ‘vivere quotidiano’ (ne è un esempio quello relativo alla città di Miami), maggiori saranno le possibilità che il prezzo delle quotazioni possa subire un ulteriore, brusco rialzo. Se non altro anche in virtù del fatto che, al pari dell’oro, anche il Bitcoin è un bene limitato.

Sicuramente il mese di Novembre potrà darci maggiori informazioni su quello che sarà la direzione che le Criptovalute prenderanno da qui alla fine dell’anno.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->