venerdì, Aprile 16

Bitcoin, maxi furto sulla piattaforma Bitfinex

0

Sta tornando alla normalità il prezzo del Bitcoin dopo il crollo di oltre il 20% dei giorni scorsi, dovuto alla notizia di un furto dal valore di 65 milioni di dollari all’interno della piattaforma di scambio Bitfinex. Si è trattato della della seconda più grande violazione nella storia della criptovaluta, dopo quella da oltre 650 milioni di dollari costata cara a MtGox. A confermare la notizia Fred Ehrsam, co-fondatore di Coinbase, piattaforma di trading e wallet di criptovalute: «Bitfinex è una grossa piattaforma di scambio, quindi si tratta di un evento significativo nel breve termine nonostante Bitcoin abbia già mostrato in passato la sua resistenza a questo particolare tipo di eventi». In totale secondo Bloomberg la perdita di Bitfinex si è attestata intorno a 119.756 Bitcoin, che equivalgono a circa 65 milioni di dollari. Nonostante il furto abbia riguardato solo Bitcoin, comunque Bitfenix ha sospeso, per questione di sicurezza, le attività su tutte le criptovalute, fra cui anche Ethereum.

E’ aperta la caccia all’hacker che ha compiuto questo colpo: «Stiamo indagando sulla violazione per determinare quello che è successo, ma sappiamo che alcuni dei nostri utenti hanno subito un furto di Bitcoin» fa sapere in un comunicato Bitfinex. «Stiamo avviando un’analisi approfondita per identificare gli utenti coinvolti. Mentre conduciamo l’indagine e rendiamo sicura la piattaforma, le attività di bitfinex.com saranno sospese e lasceremo attiva la pagina di manutenzione. Prenderemo in considerazione varie opzioni per affrontare le perdite dei clienti in un momento successivo all’indagine».

(video tratto dal canale Youtube del Wall Street Journal)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->