domenica, Novembre 28

Bitcoin e criptovalute: la risposta alla centralità di banche e Stati Consentono una forma di transizione finanziaria anonima e completamente decentralizzata, ovvero senza che vi possa essere interferenza da parte di organi e istituzioni

0

I sistemi di pagamento tradizionali utilizzati si vanno a basare su un sistema che è, sostanzialmente, controllato da una serie di istituzioni. In altre parole, lintero flusso finanziario eseguito è dominato, oltre che essere caratterizzato, da banche e Stati. Tra le forme di transazioni finanziarie più attuali, spiccano criptovalute e Bitcoin, le quali consentono una forma di transizione finanziaria anonima e completamente decentralizzata, ovvero senza che vi possa essere interferenza da parte di organi come, ad esempio, Banche Centrali e Stati.

È, quanto mai evidente di come e di quanto gli attuali sistemi finanziari necessitino di essere modificati, palesando una certa obsolescenza. Rispetto a quelli attualmente in essere, Bitcoin e criptovalute sono una ottima risposta contro la centralità di Banche e di Stati. D’altra parte, l’evoluzione della tecnologia tende a staccare le transazioni finanziarie dal potere governativo, lasciando questa competenza alle istituzioni non finanziarie. Un atteggiamento che si è sempre più andato ad evidenziare attraverso la rete internet. Quindi, Bitcoin e criptovalute, anche in quella che è una gestione commerciale, rappresentano una evoluzione forte, in grado di determinare cambiamenti epocali nei mezzi utilizzati oggi.

Non a caso, banche e istituzioni finanziarie sono allarmate dal fatto che, man mano che la criptovaluta e i Bitcoin diventano maggiormente noti alle persone, la loro fama si traduce in un aumento del loro movimento di trading. In termini pratici, banche, istituzioni finanziarie ma, anche, la politica, al fine di arginare questa evoluzione, sono soliti evidenziare come Bitcoin e criptovalute siano fortemente influenzate dalla volatilità.

In altre parole, vorrebbero che si andassero a ‘bloccare’ queste transazioni commerciali, dato che Bitcoin e criptovalute possono evidenziare un valore ridotto rispetto al valore iniziale. Sebbene questo possa essere un evento reale è, tuttavia, da ricordare che tutto il sistema borsa presenta lo stesso problema, ovvero un titolo, ad esempio, può salire o scendere di valore.

La differenza tra Bitcoin, criptovalute e il restante sistema, è che i primi sono regolamentati dalla domanda e dall’offerta, mentre il restante sistema è, di molto, soggetto alle politiche degli Stati oltre che dalle manovre delle Banche Centrali. Bitcoin Profit è un eccellente punto di riferimento.

La creazione di Bitcoin, la prima criptovaluta, è avvenuta durante la terribile crisi finanziaria del 2009. Un evento, che si è andato a sviluppare, tra l’incredulità delle istituzioni finanziarie e dei vari governi. È innegabile che, oggi come oggi, criptovalute e Bitcoin ricevano una forte attenzione, in special modo da chi è insoddisfatto dall’operato delle diverse autorità politiche ed economiche.

Non per nulla, Bitcoin è una vera e propria bandiera, un simbolo di una valuta decentralizzata, l’alfiere di una economia libera, ossia priva da ogni sorta di dipendenza e intermediazione di qualsiasi istituto finanziario. Difatti, le transazioni di criptovaluta come Bitcoin, vengono effettuate sulla blockchain. Il cosiddetto portafoglio di criptovaluta, invece, è un file che memorizza la coppia di chiavi pubbliche, che l’intera comunità può verificare,e chiavi private utilizzate nellautorizzazione delle transazioni.

Il sistema di chiavi pubbliche e private, è alla base di molti sistemi di crittografia digitale, compresa una parte del lucchetto che appare su siti Web sicuri. La chiave pubblica può essere utilizzata per verificare che una firma digitale sia stata generata dalla chiave privata, nonché per codificare i dati che solo la chiave privata può aprire. Indiscutibilmente, dopo aver valutato il funzionamento delle operazioni di criptovaluta e aver compreso le relazioni esistenti, è essenziale capire altri aspetti che possono includere il come il mercatovisualizzi criptovalute e Bitcoin, così come quali possano essere le aspettative.

D’altra parte, quando si parla di Bitcoin, si pone l’accento sulla criptovaluta più famosa e più antica, la quale, andando a concludere, ha dato vita, tra l’altro, a profonde innovazioni in termini di trading.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->