sabato, Maggio 8

'Binners Project': il futuro ecologico di Vancouver field_506ffbaa4a8d4

0

Molti dei più poveri, nella città canadese di Vancouver, fanno denaro extra grazie alla raccolta di bottiglie e lattine da riciclare. Sono i cosiddetti ‘Binners’, ‘riciclatori urbani’, persone emarginate che vanno in giro per la città a raccogliere rifiuti da destinare al riciclo, parte di quello che, dal 2013, è diventato un vero e proprio progetto: ‘the Binners Project‘. Il progetto vede coinvolti oltre 300 ‘Binners’, attraverso incontri mensili, workshop e attività. Gli obbiettivi fondamentali sono creare una comunità efficiente nella raccolta dei rifiuti e sensibilizzare l’opinione pubblica.

Il fondatore del progetto è Ken Lyotier, ha pensato di riunire i riciclatori indipendenti in un progetto solido che si occupi anche dello smistamento e della vendita di materiali riciclabili. Il progetto Binners fornisce servizi di riciclaggio per le imprese, in tutta Vancouver. Grazie al progetto, per il governo locale non sarà più necessario investire grosse somme di denaro per tenere pulite le strade, nelle quali la quantità di rifiuti, come tazze di caffè, mozziconi di sigarette e aghi, sono in forte aumento. Il progetto, unendo sensibilizzazione e spirito di comunità, si sta rivelando più efficiente di qualsiasi altra compagnia per lo smaltimento dei rifiuti. Forte, dunque, anche l’impatto economico sulla città.
Priyanka Roy, parte del progetto, ha dichiarato: «Stiamo cercando di fare un sacco di sensibilizzazione, per educare il pubblico sui Binners e su come funziona il progetto. In fondo, diamo la possibilità a molte persone di farsi una vita onesta. Di solito un sacco di immondizia è disseminata intorno ai cassonetti e la gente lascia bottiglie e lattine. I binners si occupano di questo problema». Insomma, il progetto costituisce un’opportunità, per i più poveri, di diventare persone migliori, più felici. Roy, infatti, aggiunge: «Negli ultimi due anni, i membri del gruppo di base che hanno partecipato al progetto sono cambiate così tanto».

Il progetto è sempre alla ricerca di più membri. Il gruppo ospita una riunione ogni mese e coinvolge i Binners di tutta Vancouver. Frequentando tre o più riunioni, i Binners hanno la possibilità di unirsi al gruppo di base e partecipare ai progetti pilota.

Il governo locale vuole che i ‘Binners’  facciano parte di un piano d’azione per fare di Vancouver la città più ecologica del Nord America entro il 2020. Insomma, il futuro di questi riciclatori urbani potrebbe influenzare, inaspettatamente e notevolmente, l’economia e l’immagine del Paese.

(Video tratto dal canale Youtube: Al Jazeera english)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->