venerdì, Maggio 7

Bill e Hillary Clinton, una storia d’amore… politica

0

«Mia moglie è una change-maker. Lei cambia le cose davvero. Eleggete Hillary e non vi mollerà. I vostri figli e i vostri nipoti vi benediranno». Così Bill Clinton ha lanciato sua moglie Hillary Clinton durante la convention democratica. Un discorso durante il quale l’ex presidente ha tessuto le lodi della moglie. Ed è partito da lontano, raccontando la loro storia d’amore, nata nel 1971: «Da allora in poi, non abbiamo più smesso di camminare e ridere insieme». All’epoca sembrava proprio Hillary quella destinata a fare politica in casa Clinton e Bill ne tesse le lodi raccontando tutte le sue iniziative, da quelle contro la discriminazione razziale a quelle in difesa dei bambini. Ovvio poi un accenno al matrimonio, alla loro figlia. Ma la storia dei Clinton, di Hillary e Bill, è costellata anche di tanti lati negativi, di tradimenti, vedi il caso Lewinsky che costò a Bill il posto da presidente. Ma proprio quel caso, che poteva distruggere la coppia presidenziale, fu provvidenziale per Hillary. Lei condusse una difesa impeccabile durante il Sexgate, ma in cambio ottenne l’appoggio del marito per diventare senatrice e poi tentare la scalata alla Casa Bianca, per diventare la seconda Clinton alla presidenza. Nel 2008 ha trovato Obama sulla sua strada, oggi però ha solo Donald Trump davanti a sè. E Bill è al suo fianco: «Come potete conciliare questa Hillary che vi ho raccontato, con quella che aveva sentito descrivere la settimana scorsa durante la Convention repubblicana? Non potete, perché quella non era vera. Era una caricatura, un cartone: sarebbe stato troppo difficile fare i conti con la realtà di questa persona», ha detto l’ex presidente durante la convention. «Scegliete voi, con il voto, qual è la vera Hillary. Io la conosco, ed è il miglior agente di cambiamento positivo che potete trovare oggi». E chissà a novembre cosa succederà…

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->