venerdì, Settembre 17

Bill Cosby, condannato per violenza sessuale La denuncia è arrivata da una donna, Andrea Costand, che ha dichiarato di essere stata abusata non solo senza il suo consenso, ma anche in stato di incoscienza in quanto Cosby le avrebbe somministrato delle droghe in modo da renderla incapace di resistere

0

Dopo la ripetizione del processo che lo vedeva alla sbarra, l’attore americano Bill Cosby, noto soprattutto per la serie tv ‘I Robinson’ da lui prodotta e ideata, è stato condannato per violenze sessuali aggravate. Contro di lui tre capi di accusa: violenza sessuale con mancanza di consenso, nei confronti di una persona non cosciente e a seguito della somministrazione di droga. Per ognuno di questi capi d’accusa rischia di dover scontare 10 anni di carcere che, probabilmente, il giudice gli consentirà di scontare simultaneamente.

La denuncia è arrivata da una donna, Andrea Costand, che ha dichiarato di essere stata abusata non solo senza il suo consenso, ma anche in stato di incoscienza in quanto Cosby le avrebbe somministrato delle droghe in modo da renderla incapace di resistere. La pena sarà decisa in una successiva udienza: rischia fino 10 anni di carcere e una multa minimo di 25 mila dollari. Cosby, oggi 80enne, si è sempre detto innocente e ha sempre sostenuto che il rapporto con la donna fosse stato consensuale.

Cinque le donne, tra cui l’ex modella Janice Dickinson, che hanno deposto in tribunale, denunciando, più o meno, lo stesso piano. Numerosi i volti noti del mondo dello spettacolo hollywoodiano che hanno espresso soddisfazione per la sentenza. Jessica Chastain ha twittato: «Solo perché sei ricco e potente non significa che il corpo di un’altra persona sia automaticamente disponibile per il sesso. Il consenso deve essere dato». E Rose McGowan ha detto duramente: «Cosby è colpevole. Mi dispiace se qualcuno ha creduto in una bugia. Le sue vittime possono ora avere giustizia. Grazie al giudice e alla giuria. Grazie alla società per essersi risvegliata». Il tweet è stato anche retwittato da Asia Argento, fervente sostenitrice del movimento #MeToo. ”

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->