lunedì, Aprile 19

Bilancio familiare, italiani sempre più attenti a tariffe e confronti Sono molto utili, per esempio, i servizi di comparazione che consentono un preventivo veloce per l' assicurazione dell' auto, confrontando i premi delle varie compagnie

0

Il bilancio familiare è sempre un punto dolente per tutti: far quadrare i conti con le continue spese che ci sono è diventata un’impresa davvero difficoltosa. Ma gli italiani hanno imparato a essere più attenti nella scelta dei servizi e delle tariffe e nel mettere in campo un fattivo confronto al fine di stabilire quale sia l’opzione migliore per le proprie esigenze. 

Di seguito nell’articolo andremo a vedere quelli che sono diventati i metodi migliori e più utilizzati per tenere sotto controllo le spese di casa e migliorare lo stato di salute del proprio budget familiare. La prima cosa che gli italiani fanno quando si parla di bilancio è quella di avere ben chiare quali sono le entrate generali del nucleo familiare e le uscite, non solo personali, ma di tutti i componenti. Grazie a questo sistema potrete monitorare la situazione in ogni momento, riuscendo a mettere da parte anche qualche soldo extra.

Un modo utile per sapere quali sono le spese totali della famiglia è quello di prendere in considerazione quelle relative all’anno precedente. Questo vi permetterà di capire le reali necessità, le capacità economiche e definire degli obiettivi generali di spesa.

Per fare questo, potete trovare in rete diverse risorse utili, come programmi per la gestione del bilancio familiare, applicazioni per dispositivi mobile, ma anche libri che vi aiuteranno nell’analizzare al meglio la situazione.

Inoltre sono molto utili, relativamente alle valutazioni da fare per scegliere l’ RC Auto, servizi di comparazione, che consentono un preventivo veloce assicurazione auto, confrontando così i premi delle varie compagnie, e valutando le offerte più vantaggiose per le vostre esigenze, come quelle di UnipolSai, che si conferma da anni leader del settore RC auto nel nostro Paese. In questo modo potrete “costruire” la vostra polizza su misura scegliendo le migliori garanzie e potendo contare su un’assistenza completa h24 per ogni genere di sinistro.

Un altro suggerimento per entrare nel dettaglio delle spese familiari, è quello di annotare le varie spese sulla base della loro categoria. Sembra un’operazione superflua, ma risulta molto di aiuto nel caso in cui le spese siano superiori alle entrate. Le principali categorie da inserire in tale elenco sono: svago, in cui andrete ad annotare le spese per un cinema, una serata con amici, pizza, discoteche e simili. Poi lo shopping riguardante i vestiti, scarpe e indumenti in generale, le bollette dove andrete ad annotare le spese per luce, gas, acqua, riscaldamento, tasse varie e altro ancora.

Proseguite poi con la spesa alimentare, annotando tutti gli scontrini della spesa, i costi dei mezzi in cui andrete a riportare il carburante, manutenzione, assicurazione auto o moto ed eventuali riparazione guasti. Nel capitolo salute andrete a mettere tutte le spese sostenute per visite e medicine, mentre se avete una casa col mutuo, un’auto acquistata con prestito, dovete annotare anche le rate mensili che andate a pagare. Proseguite poi l’elenco annotando le spese per le ferie, che aiuta anche a capire quanto va accantonato ogni mese per il loro acquisto, infine è bene appuntare gli imprevisti, quelli che non mancano mai in un nucleo familiare.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->