domenica, Agosto 14

Bielorussia: la ‘ribellione ferroviaria’ ostacola la guerra in Ucraina di Vladimir Putin La ‘guerra ferroviaria’ è l'esempio più drammatico di come la guerra di Putin contro l'Ucraina stia cambiando la dinamica politica in Bielorussia

0

Il video prodotto in modo intelligente si apre con uno scenario improbabile. L’anno è il 2023. Sviatlana Tsikhanouskaya è la Presidente della Bielorussia. E la Bielorussia è stata invitata ad entrare nell’Unione Europea.

“Fantasia? Affatto. La guerra iniziata da Vladimir Putin contro l’Ucraina ci offre un’opportunità unica di cambiare la storia”, afferma il narratore. “La Russia sta già perdendo. E senza le nostre basi, ferrovie e confini, la sconfitta di Putin sarà notevolmente accelerata”.

Il video invita i bielorussi non solo a manifestare contro la guerra, ma anche a negare alla Russia i beni di cui hanno bisogno per perseguirla dal territorio bielorusso. “Blocca l’aggressore alle basi e alle vie di rifornimento. Nega loro cibo, carburante e libertà di movimento”, dice.

In realtà, questo è più di un invito all’azione. In realtà sta descrivendo qualcosa che sta già accadendo. Dall’inizio della guerra in Ucraina di Putin il 24 febbraio, almeno 52 bielorussi, inclusi 30 ferrovieri, sono stati arrestati con l’accusa di tradimento, terrorismo e spionaggio per aver interrotto il movimento delle truppe russe e dell’equipaggiamento militare, secondo il gruppo bielorusso per i diritti umani Viasna.

Il regime autocratico di Alyaksandr Lukashenka a Minsk è così preoccupato per quella che è diventata nota come ‘La guerra ferroviaria’ che ha anche dichiarato il canale Telegram dell’’Associazione dei lavoratori delle ferrovie della Bielorussia’ un’organizzazione estremista.

Questa ribellione ferroviaria è l’esempio più drammatico di come la guerra di Putin contro l’Ucraina stia cambiando la dinamica politica in Bielorussia. La servile sottomissione di Lukashenko a Putin, che ha consentito al leader del Cremlino di usare il suo Paese come base per l’assalto della Russia all’Ucraina, ha innervosito e irritato questa nazione di 9,4 milioni di persone.

I bielorussi sono profondamente contrari alla guerra, da tempo nutrono cordiali sentimenti nei confronti degli ucraini e, come gran parte del mondo, sono disturbati da atrocità come le esecuzioni di massa di civili nel sobborgo di Bucha a Kiev.

Il consenso di Lukashenka all’aggressione di Putin ha anche sottoposto la Bielorussia a sanzioni occidentali che stanno colpendo la sua già fragile economia e facendo crollare il tenore di vita. Inoltre, la scarsa prestazione delle forze armate russe e le dichiarazioni irregolari e incoerenti di Lukashenko sull’adesione o meno delle truppe bielorusse all’offensiva stanno minando l’immagine accuratamente curata del dittatore come leader forte.

Scrivendo su The Guardian, la giornalista e conduttrice televisiva bielorussa Sasha Filipenko ha osservato che per decenni Lukashenka ha ripetuto lo stesso mantra ai bielorussi: “Finché io sono il tuo presidente, non ci sarà guerra in Bielorussia”. In un Paese che nel corso della sua intera storia ha spesso sofferto a causa dei conflitti di qualcun altro, questa promessa in precedenza si è rivelata convincente. Tuttavia, ha commentato Filipenko, gli obblighi di Lukashenka nei confronti di Putin hanno ora trasformato la Bielorussia in un aggressore, lasciando il suo stesso popolo completamente disorientato.

Oltre alla ribellione ferroviaria, un collettivo di hacker bielorussi chiamato Cyber ​​Partisans ha attaccato la rete ferroviaria del Paese nel tentativo di impedire alle truppe russe di raggiungere l’Ucraina. Il gruppo ha anche distribuito video in cui esortano i soldati bielorussi a non prendere parte alla guerra in Russia.

Nel frattempo, centinaia di volontari bielorussi si sono uniti alla lotta dell’Ucraina per difendersi dalla Russia iscrivendosi a un gruppo paramilitare chiamato Kastus Kalinouski Battalion, dal nome del leader bielorusso del XIX secolo di una rivolta contro l’Impero russo.

L’invasione russa dell’Ucraina è un evento di cambio di paradigma in più modi di quanto molti osservatori inizialmente immaginassero. Ha unito la NATO, posto fine al progetto del gasdotto Nord Stream 2, ha indotto l’Europa a ritirarsi dalla sua dipendenza dall’energia russa e ha portato la Germania ad aumentare drasticamente la spesa per la difesa. Tutte queste cose sembravano inimmaginabili solo pochi mesi fa.

E nell’ex spazio sovietico stanno solo cominciando ad apparire effetti a catena inaspettati. Quando siamo entrati nel 2022, il centenario della fondazione dell’Unione Sovietica, sembrava che Putin fosse sulla buona strada per ristabilire parte del vecchio impero. Aveva ottenuto un’annessione morbida della Bielorussia senza sparare un colpo e sembrava pronto a impadronirsi dell’Ucraina con la forza.

La guerra di Putin non è andata secondo i piani grazie a una combinazione di feroce difesa ucraina della loro patria, l’incompetenza dell’esercito russo e l’unità occidentale sorprendentemente forte. Contro ogni previsione, l’Ucraina sta combattendo la macchina da guerra di Putin fino a un punto morto. E la resistenza ancora più sorprendente all’interno della Bielorussia potrebbe ancora liberare quel Paese dalla morsa del Cremlino e del suo protetto Lukashenka.

Se la pura e semplice brutalità delle atrocità russe a Bucha ha mostrato al mondo il costo umano della sconfitta, la coraggiosa resistenza di ucraini e bielorussi dimostra cosa è possibile in caso di vittoria. Gli Stati Uniti e i loro alleati ora devono imporre sanzioni ancora più severe, incluso un embargo completo delle esportazioni di energia russe in Europa, e fornire agli ucraini tutte le armi e il supporto di cui hanno bisogno per difendersi. La posta in gioco è troppo alta per fare qualcosa di meno.

 

 

 

 

 

La versione originale di questo intervento è qui.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Brian Whitmore è nonresident senior fellow all’Atlantic Council’s Eurasia Center, Assistant Professor di Practice all’University of Texas di Arlington, e proprietario di The Power Vertical Podcast.

End Comment -->