martedì, Maggio 11

Berlino: Merkel incontra Theresa May field_506ffb1d3dbe2

0

La neo Premier britannica, Theresa May, è volata ieri a Berlino, nel suo primo viaggio ufficiale dall’insediamento a Downing Street, per parlare di Brexit con la cancelliera tedesca Angela Merkel. Il Primo Ministro May punta sull’intenzione di mantenere strette le relazioni con la Germania anche dopo che la Gran Bretagna sarà uscita dall’UE, ma intende anche sottolineare che Londra non ha alcuna fretta di accelerare le procedure previste dall’articolo 50 del Trattato di Lisbona, così, il Regno Unito non avvierà la procedura di uscita dall’Unione Europea prima della fine dell’anno.

«La Gran Bretagna resterà una parte dell’Europa» ha commentato Theresa May. La Merkel, invece, ha dichiarato: «Non abbiamo pregato la Gran Bretagna di lasciare l’UE ma rispettiamo il voto e siamo sicuri che resteranno buone relazioni». La cancelliera tedesca ha insistito sulla necessità di mantenere i contatti e creare altre forme di collaborazione politica e commerciale.

 

https://youtu.be/A27g57GOeLA

 

L’incontro tra May e la Merkel è stato poi seguito da un colloquio a Parigi, nella giornata di oggi, con il presidente francese, François Hollande. Durante entrambe le discussioni, il Primo Ministro ha l’obiettivo di mettere in guardia che il Regno Unito ha bisogno di tempo per consultarsi con la Scozia, il Galles e l’Irlanda del Nord prima di far scattare i negoziati formali per lasciare l’Unione Europea. Queste visite saranno così per il Primo Ministro inglese «Un’occasione per forgiare un solido rapporto di lavoro sul quale basarci e che conto di poter sviluppare con altri leader nell’Unione Europea nelle settimane e nei mesi a venire».

 

 

(video tratti dai canali YouTube di Al Jazeera e The Telegraph)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->