sabato, Giugno 19

Benzina, sussidi e mugugni

0

Najib Razak Malaysia

Bangkok – L’indice di popolarità del Primo Ministro Najib Razak ha perso sei punti giungendo al 48 per cento, ovvero il punto più basso da sempre, secondo i dati resi noti dal Merdeka Centre, soprattutto a causa delle decisioni prese in merito ai tagli adottati nella gestione dei sussidi benzina.

Najib Razak, il quale è anche Ministro delle Finanze, aveva espresso le misure che sarebbero state intraprese in merito ai tagli nei buoni benzina durante un suo discorso pubblico nel mese scorso illustrando gli aspetti caratterizzanti e le necessità del Bilancio, i sussidi per la benzina – nello specifico – costano al Governo circa 21 miliardi di Ringgit (circa 6.39 miliardi di Dollari USA) all’anno e sono una delle voci che contribuiscono maggiormente all’affossamento del Bilancio nazionale. Fatto che spinge sul Governo perché si adottino dei tagli, afferma Najib Razak.

Il Governo ha già ridotto i sussidi lo scorso 2 ottobre, il che ha causato un innalzamento del prezzo della benzina alla pompa di 20 Sen per litro per il petrolio RON95 ed il Diesel, che ora costa 2.30 Ringgit per litro rispettivamente. D’altro canto, la stretta attinenza tra il vistoso declino dell’indice di popolarità del Primo Ministro Najib Razak con la decisione relativa ai tagli sui sussidi per la benzina è innegabilmente chiaro, fatto ulteriormente avvalorato nei contatti che ci sono stati tra i ricercatori del Merdeka Centre ed i media locali.

Scendendo nel dettaglio, i ricercatori del Merdeka Centre hanno sottoposto a indagine statistica 1.005 soggetti selezionati a campione e consultati telefonicamente tra l’11 ottobre ed il 26. I risultati hanno anche evidenziato una caduta del 3 per cento nell’indice di apprezzamento verso il Governo nel suo complesso, con il 38 per cento tra coloro che hanno risposto che ha affermato di apprezzamento positivo nei confronti del Governo  rispetto al 41 per cento del mese di agosto.

Il Merdeka Centre stesso ha affermato: «Di nuovo, noi attribuiamo tutto ciò alla disaffezione pubblica derivante dall’aumento delle preoccupazione correlate all’aumento della benzina che incide sul costo della vita, così come incide anche sull’aumento dei prezzi di vari beni nelle aree rurali del Paese». E’ stato anche riscontrato che circa una metà degli intervistati nel sondaggio ritiene che la Nazione sia «guidata nella direzione sbagliata» in confronto con il 41 per cento che ritiene il Paese sia sulla traccia giusta.

I sentimenti negativi sono guidati principalmente dalle preoccupazioni derivanti dal costo della vita, le condizioni generali dell’economia, oltre alle tensioni religiose e razziali, come affermato dai vertici del Merdeka Centre ai media locali. Allo stesso tempo, Najib Razak afferma che il nuovo schema di sussidio per il Petrolio di tipo RON95 entrerà in azione effettivamente solo a metà del prossimo anno, mentre le misure adottate per il diesel saranno introdotte solo successivamente.

I media annotano che il Primo Ministro ha riferito che il Governo sta ancora valutando varie proposte per la definizione del prossimo schema di sussidi e che rivelarne tutti i dettagli oggi è cosa alquanto prematura. I suoi pareri giungono alcuni giorni dopo che il Vice Ministro Ahmad Husni Hanadzlah aveva annunciato lo scorso lunedì i dettagli preliminari per un nuovo schema relativo ai sussidi per la benzina suddiviso su tre settori. Ahmad Husni Hanadzlah aveva affermato che coloro che guadagnano meno di 5.000 Ringgit al mese potrebbero ricevere un sussidio benzina pieno, coloro che guadagnano tra 5.001 e 10.000 Ringgit potrebbero ricevere un “sussidio parziale” mentre coloro che guadagnano sopra i 10.000 Ringgit al mese potrebbero non ricevere alcun tipo di sussidio.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->